Quelli che ci distruggerebbero

Informazioni su Marvel's Inhumans - Quelli che ci distruggerebbero

Il giudizio degli utenti

8,63 stelle

8,6/10

Sinossi dell'episodio "Quelli che ci distruggerebbero"

Il secondo episodio di #Marvel's Inhumans si apre con gli inumani alle Hawaii.

Portati sulla Terra da Lockjow, il cane di #Crystal, i reali e i loro più fedeli alleati cercano di riunirsi.

Sono tutti alle Hawaii, ma in luoghi diversi, e non riescono a mettersi in contatto l'uno con l'altro.

Alcuni surfisti aiutano #Gorgon, che rischiava di annegare. Lo riconoscono subito come inumano, così  racconta della città di Attilan. I terrestri decidono di restare al suo fianco, per aiutarlo.

L'agenzia californiana che controllava in rover inizia a indagare sui picchi energetici sulle Hawaii, collegandoli all'incidente sulla Luna.

Intanto, ad Attilan, #Maximus continua a mentire al popolo, affermando che la famiglia reale è fuggita dopo l'omicidio del capo del Consiglio Genetico.

Cerca anche di manipolare Crystal, sua prigioniera, per ottenerne l'appoggio. Ma lei lo insulta e in cambio ottiene pesanti minacce.

Riesce a mettersi in contatto con sua sorella Medusa sulla Terra, mettendola involontariamente nei guai: ora gli inumani sanno dove si trova la Regina.

Black Bolt si mimetizza fra gli umani, ma viene denunciato alla polizia per il furto degli abiti e viene arrestato.

Maximus sfrutta il potere di preveggenza di Bronaja per anticipare le mosse del Consiglio Genetico.

Medusa si scontra con #Auran e la uccide - o almeno così crede - mentre su Attilan il nuovo re, Maximus, ottiene il consenso del popolo.

 

 

 

 

Gli episodi de Marvel's Inhumans - Stagione 1

Il cast dell'episodio

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.