FOX

Il Signore degli Anelli torna in una nuova traduzione italiana (e la discussione è già accesissima)

di - | aggiornato

Il Signore degli Anelli torna in libreria il 30 ottobre con una nuova traduzione curata dal pluripremiato Ottavio Fatica. Non mancano però le prime polemiche da parte dei fan di Tokien.

Particolare della copertina della nuova edizione de Il Signore degli Anelli Bompiani

56 condivisioni 1 commento

Condividi

In attesa della serie TV che arriverà sul piccolo schermo non prima del 2021, Il Signore degli Anelli è pronto a ritornare nelle librerie italiane con una nuova edizione e, soprattutto, con una nuova traduzione che sta già provocando non poche discussioni tra tutti i fan del grande J.R.R. Tolkien.

Ma procediamo con ordine. Considerato una delle più importanti opere letterarie del 20esimo secolo, con oltre 150 milioni di copie vendute in tutto il mondo, Il Signore degli Anelli è stato tradotto in ben 38 lingue ed è stato più volte ripubblicato in nuove edizioni nel corso degli anni. Dal 30 ottobre, in tutte le librerie italiane, sarà disponibile il kolossal di Tolkien con una nuova traduzione, curata da Ottavio Fatica (uno dei più grandi traduttori italiani) e pubblicata da Bompiani. Anche in questo caso l'opera sarà edita in tre volumi, che usciranno a distanza di sei mesi l'uno dall'altro.

Ebbene, se molti fan di Tolkien hanno accolto con entusiasmo la notizia, non stanno mancando le polemiche in merito proprio alla traduzione dell'opera.

L'AIST (Associazione Italiana Studi Tolkieniani) ha infatti pubblicato sui propri profili social la quarta di copertina della nuova edizione de Il Signore degli Anelli su cui campeggia la traduzione della celebre poesia dell'Anello che gli appassionati ben conoscono e amano. Di seguito, la poesia pubblicata sull'account Facebook dell'AIST.

Tre Anelli ai Re degli Elfi sotto il cielo,

Sette ai Principi dei Nani nell'Aule di pietra,

Nove agli Uomini Mortali dal fato crudele,

Uno al Nero Sire sul suo trono tetro

Nella Terra di Mordor dove le Ombre si celano.

Un Anello per trovarli, Uno per vincerli,

Uno per radunarli e al buio avvincerli

Nella Terra di Mordor dove le Ombre di celano.

Come potete leggere nei commenti, non mancano aspre critiche alla traduzione di un particolare nome o verso, con i Tolkieniani che sembrano più agguerriti che mai nell'affermare come i versi tradotti della poesia dell'Anello siano distanti dalla traduzione a cui siamo stati abituati per decenni.

La versione "classica" della poesia dell'Anello, come la conosciamo oggi (e pubblicata per la prima volta nell'edizione Rusconi del 1974) recita invece, in italiano, le seguenti parole:

Tre Anelli ai Re degli Elfi sotto il cielo che risplende,

Sette ai Principi dei Nani nelle lor rocche di pietra,

Nove agli Uomini Mortali che la triste morte attende,

Uno per l’Oscuro Sire chiuso nella reggia tetra,

Nella Terra di Mordor, dove l’Ombra nera scende.

Un Anello per domarli, un Anello per trovarli,

Un Anello per ghermirli e nel buio incatenarli,

Nella Terra di Mordor, dove l’Ombra cupa scende.

Di seguito, invece, la poesia dell'Anello letta in lingua originale dallo stesso Tolkien.

Three Rings for the Elven-kings under the sky,

Seven for the Dwarf-lords in their halls of stone,

Nine for Mortal Men doomed to die,

One for the Dark Lord on his dark throne

In the Land of Mordor where the Shadows lie.

One Ring to rule them all, One Ring to find them,

One Ring to bring them all, and in the darkness bind them,

In the Land of Mordor where the Shadows lie.

Di certo, aleggia ora molta curiosità in merito alla nuova traduzione dell'opera, visto che l'obiettivo dichiarato di Fatica sembra essere proprio quello di restituire ai lettori lo stile originale di Tolkien, con un registro medio, alti e bassi a seconda del personaggio di riferimento, e uno stile narrativo più ricco di arcaismi.

Non sono, inoltre, mancate anche polemiche, o forse è meglio dire perplessità, in merito alla scelta della copertina del primo volume della nuova edizione, su cui domina un paesaggio roccioso, quasi marziano, che non sembra destare molto entusiasmo. Che possa essere un chiaro richiamo alla Terra di Mordor così come descritta del libro e vista nella trilogia di Peter Jackson? I fan attendono risposte.

La compagnia dell'anello. Il Signore degli Anelli: la copertina della nuova edizioneBompiani

Altra domanda: si argineranno le polemiche nei confronti di questa nuova fatica letteraria per il momento confinata alla sola poesia dell'Anello? Di certo lo scopriremo a partire dal 30 ottobre, giorno in cui Tolkieniani e non potranno acquistare la nuova edizione tradotta de Il Signore degli Anelli e fare tutte le riflessioni sulla qualità e sull'impegno profuso nella traduzione da Ottavio Fatica.

Via: AIST/Facebook

Condividi

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.