FOX

L'inchiostro programmabile del MIT che cambia colore agli oggetti in pochi minuti

di -

Il MIT è riuscito a mettere a punto un vero e proprio "inchiostro programmabile", che permette di cambiare colore agli oggetti in tempi brevi e ogni volta che si vuole, tramite un processo assolutamente reversibile.

Una scarpa che cambia colore grazie all'uso dell'inchiostro programmabile MITCSAIL/YouTube

0 condivisioni 0 commenti

Condividi

Per tutti coloro che amano indossare sempre capi d’abbigliamento di colore diverso arriva una novità a dir poco esplosiva!

Pare infatti che il MIT sia riuscito a creare un vero e proprio inchiostro programmabile, costituito cioè da coloranti fotocromatici di natura liquida che, una volta applicati sull’oggetto desiderato, sono in grado di passare rapidamente da una tonalità all’altra, proprio come farebbe un camaleonte.

La straordinaria invenzione messa a punto dal CSAIL (Computer Science and Artificial Intelligence Laboratory) del MIT è stata battezzata col nome di “PhotoChromeleon”, e garantisce un cambio di colorazione estremamente preciso in circa 15-40 minuti.

Il processo avviene all’interno di un "mini laboratorio" simile a una sorta di scatola, una scatola contenente un proiettore che emette una luce capace di rimuovere i colori originari di un oggetto e di sostituirli con una tinta e dei motivi completamente nuovi.

E, come se non bastasse, il processo è assolutamente reversibile, e nella clip di seguito potete visionare PhotoChromeleon all’opera.

Straordinario, vero? Ma qual è il meccanismo preciso alla base del cambiamento di colore?

Quando l’oggetto di cui vogliamo effettuare il cambio di tonalità viene inserito nella scatola e sottoposto all’azione del proiettore, il colorante speciale apposto sull’oggetto in questione reagisce in base alla lunghezza d’onda specifica d’ogni sfumatura, in un processo reversibile e ripetibile ogni volta che si vuole.

Il ricercatore Yuhua Jin a capo del progetto PhotoChromeleon tiene a specificare inoltre che si tratta di una reazione ai raggi UV e ai raggi di luce visibile a lunghezze d’onda specifiche.

Gli addetti ai lavori affermano che il loro inchiostro programmabile potrà essere utilizzato per “tinteggiare” vestiti, modellini in scala d’automobili e tanto altro, specificando che non si esclude la possibilità di poter, un giorno, usare PhotoChromeleon per cambiare colore anche alla carrozzeria di vere e proprie autovetture.

Infine c’è la possibilità per gli utenti anche di creare da zero disegni e pattern, in modo da ottenere il massimo della personalizzazione, come potete vedere anche dalla foto seguente.

L'inchiostro programmabile usato sul modellino di un'autovetturaHDMITCSAIL/YouTube
PhotoChromeleon all'opera sul modellino di un'automobile

Insomma, inutile dire che le possibilità offerte da PhotoChromeleon sono infinite, e un suo lancio futuro sul mercato potrebbe far impazzire tutti gli amanti del “tuning compulsivo” e non solo.

Condividi

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.