FoxAnimation

[Spoiler!]

One Piece: una misteriosa Buster Call sui social mette in agitazione i fan

di - | aggiornato

La pagina Twitter ufficiale di Eiichiro Oda e del suo staff viene rinominata Buster Call temporaneamente e, allo stesso tempo, un misterioso video appare indicando una data. Quale sorpresa starà preparando l'autore?

Rufy e i quattro imperatori Shueisha

0 condivisioni 0 commenti

Condividi

One Piece si trova sempre sulla cresta dell'onda per quanto riguarda la sua popolarità, ma in questo periodo, grazie all'uscita del film Stampede (in arrivo anche nei cinema italiani ad ottobre) e all'importantissima saga del Paese di Wa, tutt'ora in corso sia nel manga che nell'anime, è indubbiamente sempre più famoso. A quanto pare sembra che le sorprese non siano finite per il manga di Eiichiro Oda.

L'account Twitter utilizzato dallo staff di Eiichiro Oda per informare i fan sulle nuove uscite e per altre curiosità sul manga, ha visto un misterioso cambio di nome, diventando Buster Call per poco tempo prima di tornare alla normalità. Allo stesso tempo l'account ha pubblicato anche un video poi rimosso che sembra indicare una data per il Buster Call, ossia il 4 ottobre.

Diversi utenti Reddit e Twitter, tra cui il famoso Arthur - Library of Ohara, sempre molto attento a leak e novità relative a One Piece, hanno fatto in tempo a salvare alcuni screenshot del cambio di nome e anche il video stesso.

Il Buster Call all'interno di One Piece è l'attacco militare più potente che la Marina possa decidere di inviare contro un obiettivo. Questo può essere richiamato soltanto da pochissimi individui al mondo, come gli ammiragli della Marina o i personaggi più influenti del Governo Mondiale. Una volta richiamato il Buster Call consiste in dieci navi da guerra delle più grandi e potenti della Marina, capitanate da 5 vice ammiragli. Ogni nave conta circa un migliaio di uomini per una forza pari a quella di un esercito di una nazione.

L'obiettivo del Buster Call è di solito quello di annichilire il bersaglio indicato, nella storia di One Piece è stato utilizzato due volte: la prima ad Ohara, l'isola nativa di Nico Robin quando lei era ancora una bambina. Il motivo scatenante è dovuto alla scoperta del mistero dei 100 anni di vuoto da parte della popolazione locale di studiosi. Questi sono 100 anni in cui ogni evento storico è sconosciuto, o meglio, è stato insabbiato dopo la costituzione del Governo Mondiale 800 anni prima dell'inizio del manga. Il Governo ha infatti fatto sparire ogni indizio e sapere cosa è avvenuto è considerato un taboo inaccettabile. Per questo motivo gli abitanti dell'isola furono annientati per nascondere la verità.

La seconda volta è avvenuta durante la saga di Enies Lobby, quando Rufy e la sua ciurma affrontarono il CP9 per salvare Nico Robin da un'esecuzione certa. In questo caso la ciurma di Cappello di Paglia riuscì a fuggire distruggendo anche alcune navi della Marina nel processo.

One Piece Buster CallHDToei Animation/Shueisha
Il Buster Call avvenuto su Enies Lobby

Ancora non sappiamo a cosa si riferisce il video e il messaggio apparso su Twitter, molti fan pensano possa essere un indizio sugli avvenimenti che stanno avvenendo nella saga del Paese di Wa.

Attenzione! Possibili spoiler!

Attualmente infatti, Big Mom e Kaido hanno formato un'alleanza e la Marina è venuta da poco a saperlo. L'alleanza tra due dei Quattro Imperatori potrebbe risultare una minaccia troppo grande da lasciar correre anche per la Marina, che forse potrebbe decidere di chiamare un Buster Call per fermare questi due potenti pirati prima che la situazione possa peggiorare. Vedendo la forza mostruosa posseduta sia da Kaido che da Big Mom, non è troppo impensabile che questo avvenga, anche se probabilmente nemmeno 10 navi da guerra e un esercito di marine potranno fermare la potenza dei due imperatori.

Non resta dunque che attendere la fatidica data indicata dal video per scoprire la verità sul Buster Call. Voi di cosa pensate che si possa trattare?

Fonte: Comicbook

Condividi

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.