FOX

Morto d'infarto il regista Alessandro Valori: aveva 54 anni

di - | aggiornato

Il regista 54enne Alessandro Valori è morto d'infarto fulminante mentre era a cena: tra i suoi film Radio West con Pietro Taricone e Chi nasce tondo con Sandra Milo.

Alessandro Valori Getty Images

1 condivisione 0 commenti

Condividi

Alessandro Valori è morto, stroncato da un infarto fulminante lunedì 9 settembre 2019. Il regista 54enne si trovava a Recanati in un ristorante per una cena di lavoro quando si è accasciato sulla tavola. Non sono serviti a nulla i soccorsi, purtroppo Alessandro era già morto. 

A cena con lui c’erano due sceneggiatori americani e l’amico e compagno di lavoro Iginio Straffi, padre delle Winx. È stato proprio Straffi a raccontare l’accaduto: 


Se ne è andato in due minuti. Era una persona eccezionale, generosa, insieme stavamo progettando grandi film, di caratura internazionale. A cena era allegro, felice, stava bene.

Il regista Alessandro ValoriHDGetty Images

Alessandro inizia a seguire la sua passione per il cinema da giovanissimo. Dopo aver studiato a San Marino nella scuola di Tonino Guerra, affianca grandi registi come Lina Wertmüller, Sergio Corbucci e Paolo e Vittorio Taviani. 

Il suo debutto alla regia avviene dopo una serie di cortometraggi e videoclip musicali per cantanti come Gigi D’Alessio. È il 2003 quando esce al cinema il suo primo film: Radio West con Pietro Taricone e Kasia Smutniak

A Radio West fanno seguito Chi nasce tondo (2008) con Valerio Mastandrea e Sandra Milo, Come saltano i pesci (2016) con Simone Riccioni e Marianna di Martino e Tiro libero (2017) con Simone Riccioni. 

Alessandro lascia la compagna Carmen e il loro figlio di 17 anni e i due fratelli, Federico e Alfonso. I funerali si terranno mercoledì 11 settembre a Macerata, sua città natale, dove la famiglia Valori è molto conosciuta. Il papà di Alessandro è stato un deputato del PCI (Partito Comunista Italiano) e un avvocato penalista di grande fama, nonché primo fan del figlio regista.

Tanti gli amici che si sono stretti intorno alla famiglia e hanno ricordato il sorriso, la bontà e la capacità di inseguire i propri sogni di Alessandro. Nel ricordare l’amico, Iginio Straffi ha aggiunto: 

Ho visto morire Alessandro, c’è oggi un grande senso di ingiustizia: ecco cosa provo. Alessandro era nel pieno del suo sforzo creativo, ricco di idee, di stimoli, di speranze e di voglia di concretizzare i tanti progetti immaginati insieme. Faceva tutto questo senza frenesia, ma con la sua forza tranquilla di uomo buono, di intellettuale profondo ma gentile e mai arrogante.

R.I.P. Alessandro Valori

Condividi

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.