FOX

Tenet, il nuovo motion poster è un altro riferimento a Inception?

di - | aggiornato

L'affascinante suggestione del sequel segreto di Inception continua e stavolta ad alimentare queste teorie è il motion poster del film, che si unisce alle altre speculazioni sui "legami" tra i due lavori: ecco tutti i dettagli.

Un primo piano di Christopher Nolan Warner Bros.

25 condivisioni 0 commenti

Condividi

Da quando è circolato nelle sale statunitensi il primo teaser di Tenet, il nuovo film di Christopher Nolan, in rete non si fa altro che parlare di un'affascinante suggestione: l'undicesimo lungometraggio del regista inglese sarà davvero un sequel segreto di Inception? E cosa c'entra Inception con i viaggi nel tempo e gli intrighi di spionaggio alla 007?

Ovviamente non stiamo parlando di rumors, ma di una semplice teoria. Elettrizzante ed entusiasmante, ma pur sempre una "fan theory". Detto questo, il nuovo motion poster del film (con il titolo che gira come una trottola...) e il contemporaneo lancio del sito web ufficiale hanno alimentato ulteriormente queste speculazioni.

Sinora la teoria del sequel segreto di Inception si era basata soltanto su un paio di ipotesi: la tagline, ovvero "È tempo di un nuovo protagonista, è tempo per una nuova missione"; il loop in cui è avvolto il protagonista John David Washington, che farebbe pensare ad un'evoluzione della macchina dei sogni di Cobb trasformata, per scopi politici, in uno strumento per viaggiare nel tempo; la presenza di Michael Caine nel cast (insieme a Washington, Robert Pattinson, Elizabeth Debicki e Kenneth Branagh).

In realtà, della trama di Tenet o delle intenzioni di Nolan non si sa altro. L'unica indicazione emersa è che si tratta di un action thriller ambientato nel mondo dello spionaggio internazionale, e che è stato girato in sette diversi Paesi (Italia compresa) con macchine da presa 70mm e IMAX.

In un articolo apparso su The Hollywood Reporter, vengono però citate alcune dichiarazioni fatte dal regista a Variety nel 2010. In quell'occasione, Nolan aveva rivelato l'idea di espandere l'universo di Inception ai videogame. Quindi l'idea di proseguire la narrazione del film c'è sempre stata.

La famosa trottola del finale di InceptionHDWarner Bros.
La trottola di Inception

Il videogioco di Inception non si è mai concretizzato, ma Warner Bros. ha realizzato due fumetti prequel, The Cobol Job e The Big Under, scritti dal co-produttore Jordan Goldberg. Una pratica che Nolan ha aggiornato anche nel caso di Interstellar, con il graphic novel prequel di Sean Gordon Murphy.

Secondo molti, la prospettiva di un "ritorno" ad Inception non è poi così campata per aria. Soprattutto dal punto di vista "industriale": Inception si è guadagnato lo status di cult movie (secondo molti fan è il vero capolavoro di Nolan), ha incassato 828 milioni di dollari al botteghino internazionale (dati Box Office Mojo) ed è stato uno dei pochi blockbuster capaci di vincere ben 4 Premi Oscar: miglior fotografia (Wally Pfister), miglior sonoro (Lora Hirschberg, Gary Rizzo, Ed Novick), miglior montaggio sonoro (Richard King) e migliori effetti speciali (Paul J. Franklin, Chris Corbould, Andrew Lockley e Peter Bebb). Senza considerare le nomination a miglior film e alla migliore sceneggiatura originale.

Christopher Nolan alla Notte degli OscarHDGetty Images
Christopher Nolan

In un'intervista concessa a Wired nel 2010, Nolan ha spiegato che il mondo di Inception "ha infinite possibilità". Se i suoi film precedenti si sono spesso e volentieri focalizzati su tematiche come il senso del dovere, il sacrificio e il tempo perso perché lontani da casa, Tenet potrebbe essere una riflessione sui compiti delle "giovani generazioni". Una suggestione del Nolan "maturo", già avviata in Interstellar nello scambio di ruoli tra Cooper (Matthew McConaughey) e la figlia Murph (Mackenzie Foy) e in Dunkirk con i soldati dell'armata anglo-francese che diventano eroi nel territorio di guerra creato dagli "anziani".

Questa teoria sarebbe confermata dal cast artistico scelto dal regista. In particolare il compositore Ludwig Göransson (Creed, Black Panther) e la montatrice Jennifer Lame (Manchester by the Sea, Hereditary), rispettivamente 35 e 37 anni. Due specialisti che hanno preso il posto di pezzi da novanta come Hans Zimmer (ufficialmente impegnato con Denis Villeneuve in Dune) e Lee Smith (storico collaboratore di Nolan dai tempi di Batman Begins).

Seguendo ancora questa congettura, Kyle Kizu di THR si è spinto ad ipotizzare che il figlio di Cobb in Inception, interpretato dal vero figlio del regista, Magnus Nolan, sia cresciuto e in Tenet sia diventato il personaggio di Robert Pattinson, che (non a caso) si sarebbe tinto i capelli di biondo, come apparso in alcune recenti foto, per far coppia con la "sorella" Elizabeth Debicki. Entrambi nipoti di quel professor Miles (Caine) al quale si deve la scoperta della "condivisione onirica". Ma qui, va sottolineato, siamo nel campo delle pure possibilità.

  • Genere: Azione, Drammatico, Thriller

  • Nazione: Canada, Regno Unito, Stati Uniti d'America

  • Regista: Christopher Nolan

  • Cast: Elizabeth Debicki, Robert Pattinson, Aaron Taylor-Johnson, John David Washington, Clémence Poésy, Michael Caine, Kenneth Branagh, Dimple Kapadia, Yuri Kolokolnikov, Aleksei Podlesnov

Ad oggi, ad esclusione della trilogia del Cavaliere Oscuro, Christopher Nolan non ha mai diretto sequel. È giunto finalmente il momento? Ed è una scelta che avrebbe compiuto perché ha avuto la libertà di farla in modo "creativo"?

La risposta che molti appassionati del regista britannico si stanno dando in questi giorni è che, sì, se proprio ci fosse un film di cui realizzare un sequel, complice il suo finale aperto e sospeso, quel film sarebbe proprio Inception.

Condividi

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.