FOX

Nicholas Cage in una nuova intervista parla del teschio di dinosauro, del Santo Graal... e di Johnny Depp

di - | aggiornato

Nicolas Cage a ruota libera. L'attore ha rivelato che il teschio di dinosauro è stata "una cosa sfortunata", ma lo ha condotto... alla ricerca del Santo Graal! Ha anche detto che è stato lui a lanciare la carriera di Johnny Depp.

Nicolas Cage a un evento ufficiale Getty Images

17 condivisioni 0 commenti

Condividi

Non è sparito, anzi. Nel bene e nel male, Nicolas Cage continua a essere protagonista sul grande schermo. Ma ultimamente, di lui si parla più per la sua vita privata che per quella professionale. E dopo una nuova intervista al New York Times, il Premio Oscar per Via da Las Vegas è finito un'altra volta sotto i riflettori per alcune dichiarazioni un po'... bizzarre.

L'attore ha rivelato che il celebre "incauto acquisto" del teschio di dinosauro ("soffiato" a Leonardo DiCaprio) è stato un incidente davvero spiacevole, ma ha dato il via a una nuova fase della sua esistenza:

Il teschio di dinosauro è stata una cosa sfortunata, perché ci ho speso 276mila dollari. L'ho acquistato a un'asta regolare e ho scoperto che era stato portato via illegalmente dalla Mongolia. Ho dovuto restituirlo. È ovvio che debba tenerlo il paese di origine. Ma chi poteva saperlo? Inoltre, non ho mai recuperato i miei soldi. Ma [quell'incidente, n.d.r.] mi ha condotto ad anni in cui tutto quello che facevo era meditare 3 volte al giorno, leggere libri di filosofia e non bere per nulla. È stato allora che ho iniziato una sorta di ricerca del Santo Graal.

E a quanto pare, la ricerca del Santo Graal non è stata solo metaforica. Come il suo personaggio ne Il mistero dei Templari, Nicolas è davvero partito all'avventura:

Una cosa conduce all'altra. È come quando costruisci una biblioteca. Leggi un libro e c'è un riferimento a un altro libro. Allora lo compri e inizi a fare i collegamenti. Nel mio caso, riguardava il posto dove poteva essere il Graal. Era qui? Era lì? È a Glastonbury? Esiste?

L'attore ha raccontato la sua esperienza in Inghilterra:

Se vai a Glastonbury, a Chalice Well, c'è una sorgente la cui acqua ha un sapore di sangue. Immagino che sia così perché contiene molto ferro. Ma secondo la leggenda, quel luogo custodiva il Santo Graal. O meglio, due ampolle: una di sangue e una di sudore.

Nicolas ha rivelato che la ricerca l'ha portato anche in altri luoghi della Gran Bretagna e degli Stati Uniti, tra cui lo stato di Rhode Island. Ma alla fine, ha realizzato che il leggendario calice è qualcosa di più che un semplice manufatto:

Cos'è il Santo Graal, se non la Terra stessa?

Nicolas Cage sul red carpetGetty Images
Come il personaggio di un suo film, Nicolas Cage è partito davvero alla rcerca del Santo Graal

Nel corso dell'intervista, l'attore ha parlato anche della sua infanzia e gioventù, della sua carriera, della necessità di fare film per ragioni economiche, di buona e cattiva recitazione e... di Johnny Depp. Nicolas ha rivelato che è stato lui a convincerlo a recitare:

Era a un punto della sua carriera in cui vendeva penne o qualcosa di simile per tirare avanti. [...] Comunque sia. Eravamo buoni amici e un giorno stavamo giocando a Monopoli. Lui stava vincendo la partita, io l'ho guardato e gli ho detto: 'Perché non provi a recitare?'. All'epoca, Johnny voleva diventare un musicista e mi ha risposto: 'No, non sono capace'. E io gli ho detto: 'Io credo che tu sia capace a recitare'. Così gli ho fissato un appuntamento con la mia agente. Lei lo ha mandato all'audizione per Nightmare - Dal profondo della notte. Ha ottenuto la parte [di Glen Lantz, n.d.r.] il giorno stesso. Il successo immediato non esiste. Ma nel suo caso sì.

Insomma, dalla finzione alla realtà, Nicolas Cage riesce sempre a regalare emozioni...

Condividi

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.