FOX

Intervista a Quentin Tarantino: se avessi fatto un film sui Supereroi...

di - | aggiornato

Arrivato a Roma per presentare, insieme a Margot Robbie e Leonardo DiCaprio, il suo nono film, abbiamo incontrato il regista Quentin Tarantino, che ci ha raccontato anche di quella volta in cui, per poco, non ha diretto un supereroe Marvel al cinema

3 condivisioni 0 commenti

Condividi

Sorride e gesticola come un italiano il regista nato a Knoxville, Tennessee, arrivato con C’era una volta a…Hollywood al suo nono lungometraggio. Sulla terrazza dell’hotel Hassler di Roma abbiamo incontrato Quentin Tarantino, che ci ha raccontato anche di quella volta in cui è mancato davvero poco che arrivasse alla regia di un adattamento cinematografico di un fumetto, Luke Cage:

E’ una domanda interessante, è vero ci sono molti riferimenti alla cultura pop, tra Batman e Robin e fumetti in generale sparsi per il film. Ci sono andato vicino all’adattamento di un cinecomics subito dopo Le Iene o Pulp Fiction. C'è un personaggio della Marvel, Luke Cage, che mi piaceva molto quando collezionavo fumetti da ragazzo era il mio supereroe preferito. E per una piccola frazione di tempo ero in trattative per l'adattamento cinematografico di Luke Cage. Anche se poi il progetto non è andato in porto.

Tarantino non sa dirci se farà mai un cinecomics, ma, anche se crede di essere troppo vecchio ora, c'è un tempo giusto per questo tipo di cinema, e forse l'ha superato. Ad ogni modo fu lui a scegliere di non fare Luke Cage, di non prendere nessun supereroe esistente. Voleva inventarlo lui il Supereroe.

C’era una volta... a Hollywood (2019)

Data uscita in Italia: 19 settembre 2019

C’era una volta a…Hollywood è invece una fiaba moderna che preserva l’innocenza e la purezza di Hollywood. C’è ancora speranza per il mondo dell’intrattenimento? Per Quentin Tarantino la speranza è l’ultima a morire

Credo ci sia ancora speranza, è vero che è una favola, ma possiamo definire il film anche come una fiaba, che è leggermente meno irrealistica, con un aggancio più forte alla realtà.Quindi diciamo che nel mondo reale c'è più possibilità per una fiaba di diventare realtà.

Nel film compare anche Francesca, una starlet italiana interpretata da Lorenza Izzo (nata a Santiago in Cile e ex moglie del regista Eli Roth), che ricorda molto Edwige Fenech, diva della commedia sexy all’italiana, altro genere amato dal regista:

Sono un grande fan di Edwige Fenech, credo che Edwige Fenech sia molto più di classe rispetto a Francesca. Non ho avuto una sola ispirazione in mente quando scrivevo il ruolo di Francesca perché non è ancora una star a tutti gli effetti per quello l'ho definita starlet, quindi diciamo che è al livello di un'attrice di un B-Movie italiano di media qualità.

C’era una volta a…Hollywood arriverà nelle sale italiane dal prossimo 18 settembre

Condividi

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.