FOX

Fa uno scherzo a tema Breaking Bad: diventa (per sbaglio) un trafficante di droga

di -

Josh è un uomo di Columbus, Ohio, ed è un grande fan della serie TV con Bryan Cranston e Aaron Paul: per 24 ore nella sua vita, è diventato senza volerlo un boss del traffico di metanfetamine. Ecco la sua incredibile storia (vera).

24 condivisioni 0 commenti

Condividi

La serialità televisiva e il suo fandom assumono spesso caratteri estremi, come dimostra l'incredibile storia vera di Josh, un fan di Breaking Bad diventato oggetto di un servizio di Vice che trovate in apertura di quest'articolo.

Sarà per la presenza pervasiva dei media o per l'atteggiamento patologizzante degli appassionati, ma la vicenda di questo ragazzo di Columbus, Ohio, ha del mirabolante. Tutto comincia quando Josh, appassionato di chimica e grande fan dello show con Bryan Cranston ed Aaron Paul, ha la pessima idea di fare uno scherzo ispirato proprio alla serie AMC.

Una foto di Aaron Paul e Bryan Cranston nella serie TV Breaking BadHDAMC
Aaron Paul e Bryan Cranston

Josh conduce una vita normale: è un bravo ragazzo, ha lasciato un buon posto da ingegnere di sistema in una società elettrica per prendersi un anno sabbatico e capire davvero cosa vuole fare nella vita. Appassionato di musica, suona in una band e inizia a girare videoclip nel suo piccolo studio domestico.

Con i suoi amici, appassionati come lui di Breaking Bag, ci scherza su. "Un giorno diventerò il nuovo Heisenberg", ripete spesso. Tanto che in molti cominciano a domandarsi come faccia a campare se ha mollato il lavoro e trascorre tutto il giorno rintanato nel suo scantinato. È questo il sospetto che lo inchioderà alla sua stessa beffa.

Un caffè della catena Los Pollos Hermanos e delle bustine di metanfetamine come in Breaking BadHDGetty Images
Il caffè di Los Pollos Hermanos e le metanfetamine di Breaking Bad

Il passo decisivo che trasforma la sua casa in un laboratorio di metanfetamine arriva quando Josh decide di mettere in pratica lo scherzo che si rivela fatale. Per prendersi gioco delle voci sul suo conto, comincia a montare dei video di fake news, nei quali viene arrestato per traffico di droga. Compra addirittura il dominio www.wbns10news.com (quello vero è 10tv.com) e copia i font e il design dell'originale per rendere la burla il più realistica possibile.

Non contento, Josh semina indizi fasulli per tutta la casa, si fa crescere la barba e si scatta delle foto segnaletiche, paga una persona per fare da voce narrante al suo finto servizio. A quel punto, d'accordo con un gruppo di amici, chiede loro di postare la notizia sui social: il suo arresto diventa ben presto virale. Il mattino seguente, mentre la famiglia sprofonda nel panico e nello sconforto, tutti – senza un minimo di fact checking – cominciano a credere che questa storia sia dannatamente vera.

La finta foto segnaletica di Josh nel servizio di ViceHDVice
La (finta) foto segnaletica di Josh

Scosso dalla viralità di quel pesce d'aprile e dalle migliaia di condivisioni e commenti, Josh chiama sua madre e le dice la verità. Quello che non immagina è la mail che gli arriva poco dopo dal vice presidente senior di 10TV. Il network gli ordina di chiudere quel sito e oscurare quel video: peccato che per cancellare un account ci vogliano almeno 60 giorni. A Josh allora vengono date due opzioni: o cede il dominio a 10TV oppure gli faranno una causa per danni pari a 150mila dollari. Josh sceglie ovviamente la prima ipotesi.

"Josh è un genio, ma è anche privo di buon senso", commenta la zia nel video. Chissà cosa succederà ora che arriverà nelle sale di tutto il mondo il film sequel con Jesse. E voi sareste disposti a diventare come Walter White per la vostra serie TV preferita?

Condividi

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.