FOX

[Spoiler!]

Stranger Things 3 ha una scena post-credit: spiegazioni e teorie

di - | aggiornato

La nuova stagione di Stranger Things ha introdotto una grossa novità. Dopo l'ultimo episodio c'è una scena post-credit, che ha scatenato la fantasia dei fan. Cosa vuole dire? Cosa anticipa (se anticipa qualcosa)?

Millie Bobby Brown è Undici in Stranger Things 3 Netflix

50 condivisioni 1 commento

Condividi

È uscita il 4 luglio e in pochi giorni è diventata l'argomento più caldo del web. Stranger Things 3 ha regalato ai fan una nuova, emozionante e spaventosa (ben più delle precedenti) avventura di Undici e dei suoi amici. E ancora di più un finale destinato a fare (molto) discutere.

Non solo o non tanto per quanto mostrato nell'episodio 3x08, La battaglia di Starcourt, ma soprattutto per la scena post-credit che (per la prima volta) chiude la stagione. I Duffer Brothers hanno cambiato le regole con una scelta che se da un lato lascia aperta la porta... di 10 cm a un probabile capitolo 4, dall'altro semina un bel po' di interrogativi.

E ovviamente, le spiegazioni e le teorie in merito non mancano.

Attenzione! Possibili spoiler!

Cosa accade nella scena post-credit di Stranger Things 4

Dopo l'addio struggente che vede i piccoli e grandi eroi di Hawkins prendere strade diverse, le immagini virano verso quello che inizialmente sembra il nero dei titoli di coda. Ma ben presto, il vento che sibila e fiocchi di neve che cadono portano l'azione in una remota e segreta base russa in Kamchatka (Estremo Oriente Russo).

L'azione si sposta all'interno e vengono mostrati due soldati che entrano in una zona adibita a prigione e passano davanti a delle celle chiuse da pesanti porte di ferro.

Quando una guardia fa per aprirne una, l'altra la ferma e dice:

No, non l'americano.

L'uomo va alla cella successiva e tira fuori un prigioniero chiaramente terrorizzato. I soldati lo trascinano in una sorta di gabbia, lo chiudono dentro e poi aprono una porta che conduce all'intero del recinto.

E in un attimo, dall'apertura si affaccia un Demogorgone. La creatura striscia dal piccolo passaggio, poi si erge in tutta la sua altezza e spalanca le fauci mostruose per mangiare il malcapitato scelto per essere il suo pasto.

Stranger Things 3: un nuovo DemogorgoneHDNetflix
Il Demogorgone presente nella base in Russia

Chi è "l'americano"?

L'unica battuta pronunciata dalle guardie ha scatenato i fan. Chi è "l'americano" di cui parlano i due soldati?

Come osservano Screen Rant e CBR, speranza e ragione per una volta sembrano coincidere e condurre entrambe alla stessa risposta: Jim Hopper.

Lo sceriffo di Hawkins è (apparentemente) morto da eroe per permettere a Joyce di chiudere il portale che mette in comunicazione il mondo reale e il Sottosopra. Ma se fosse sopravvissuto (in qualche modo) alla esplosione e fosse stato catturato dai russi?

L'assenza di un corpo sembra un indizio. Stranger Things 3 non ha avuto paura di mostrare scene raccapriccianti e morti terribili (anche quella di Billy), ma non ha fatto vedere quella di Hop. La sua fine è "ufficializzata" da un articolo di giornale presente nel montaggio della pubblicità di un talk show sui misteri di Hawkins.

Inoltre, per tutta la stagione, lo sceriffo è stato apostrofato dai russi come "l'americano".

Anche Entertainment Weekly ritiene la spiegazione (più che) plausibile e porta a ulteriore conferma un commento di qualche tempo fa di Millie Bobby Brown a proposito del momento in cui Undici legge la lettera dello sceriffo:

La mia reazione è di pura devastazione e disperazione. È la reazione di una bambina sconvolta che ha appena perso suo padre. O almeno, così pensa.

La postilla della giovane attrice significa che le cose non stanno come sembrano?

Stranger Things 3: Joyce e Hopper indagano insiemeHDNetflix
Lo sceriffo Hopper è vivo? C'è ancora speranza per i "Jopper"?

D'altra parte, EW non esclude che il misterioso prigioniero possa essere qualcun altro. Secondo il sito, la frase "tieni la porta aperta 10 cm" che chiude la lettera potrebbe essere un indizio lasciato dai Duffer Brothers e fare riferimento non solo a quella della camera di Undici, ma al portale del Sottosopra.

Se fosse corretto, Hop sarebbe imprigionato nella spaventosa dimensione alternativa e avrebbe bisogno dell'aiuto della figlia adottiva per riacquistare la libertà. A cascata, nella cella ci sarebbe qualcun altro. Ma chi?

Tra i nomi suggeriti da EW ci sono quelli del Dottor Owens e del sindaco Larry Kline, ma sono gli altri 4 della lista i più interessanti e all'apparenza con maggiore fondamento.

Il primo è quello di Billy. Il fratello di Max è morto sotto agli occhi di tutti e c'è un corpo, ma se quello che gli ha fatto il Mind Flayer lo avesse trasformato e gli avesse dato la possibilità di "risorgere"? In questo caso, i russi avrebbero molto interesse a studiarlo.

Per un'analoga ragione, EW ritiene che il prigioniero potrebbe essere Murray Bauman. Lo scombinato (ex) giornalista è fuggito dalla fortezza sotterranea dello Starcourt Mall con Joyce, ma potrebbe essere stato rintracciato e condotto nella base segreta per via delle conoscenze acquisite dallo scienziato russo Alexei.

D'altra parte, il sito ritiene anche che nella cella potrebbe esserci il Dottor Brenner. Nella seconda stagione, nell'episodio 2x07, La sorella perduta, uno degli ex collaboratori dell'uomo dice a Undici che il suo sedicente "padre" è vivo. Se (come sembra) fosse così, il Dottor Brenner sarebbe senza dubbio una pedina di fondamentale importanza nei piani dei russi.

Infine, l'ultima ipotesi è che il prigioniero misterioso potrebbe essere proprio un "fratello psichico" di Undici.

Ogni teoria è incredibilmente suggestiva e lascia socchiusa la porta a un gran numero di sviluppi elettrizzanti, ma... solo di teorie per l'appunto si tratta. 

Come fa a esserci un Demogorgone in Russia?

Cosa ci fa un Demogorgone o, per essere precisi, un Demodog che sta completando lo sviluppo per diventare un Demogorgone, nella base in Kamchatka?

Come osserva Comic Book, i russi non sono riusciti ad aprire il portale del Sottosopra in patria, ragione per cui hanno costruito un sito segreto a Hawkins. 

Nell'episodio 3x06, L'arma, mentre Dustin ed Erica vagano nella base segreta nei sotterranei dello Starcourt Mall, la sorellina di Lucas vede una gabbia e chiede al suo improbabile compagno di avventura:

Ehi, Dustin, quanto grande hai detto che è questo Demogorgone?

La battuta sembra tutt'altro che casuale e potrebbe essere un indizio del fatto che la creatura sia stata "catturata" dai russi a Hawkins. Un'ipotesi che sembra avvalorata anche dal fatto che non ha ancora raggiunto il suo sviluppo definitivo.

Stranger Things 3: i protagonistiHDNetflix
A quanto pare, la minaccia del Sottosopra non è ancora sconfitta...

Ma potrebbe anche esserci un'altra eventualità. Screen Rant si spinge a ipotizzare che gli scienziati della potenza straniera siano riusciti a costruire (per caso o a seguito dei loro esperimenti) una macchina per il teletrasporto, che collega il mondo reale e il Sottosopra.

L'idea nasce dal fatto che Stranger Things è un continuo omaggio agli anni '80 e il film cult La mosca di David Cronenberg (incentrato proprio su esperimenti di teletrasporto) è del 1986. Senza contare che l'opera di Cronenberg ha influenzato indiscutibilmente la stagione 3 della serie.

In questo caso, i russi potrebbero avere portato il Demogorgone nel mondo reale (anche) nella base in Kamchatka.

Ma qualunque sia la risposta, il punto è un altro. Come facevano a sapere dell'esistenza del Sottosopra e delle sue creature?

Nell'episodio 3x06, il povero Alexei spiega che i suoi compatrioti vogliono aprire il portale per scopi militari. Probabilmente, i russi hanno scoperto per caso dell'esistenza del Demogorgone e, dopo avere visto il suo potere, hanno iniziato a lavorare per assoldarlo nelle fila del proprio esercito.

Se così fosse, una eventuale stagione 4 di Stranger Things avrebbe molti, molti fili da tirare e tante, tantissime risposte da dare.

In primis, alle domande lasciate in sospeso nella scena post-credit.

Condividi

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.