FOX  

I fumetti di The Walking Dead censurati in una scuola americana

di - | aggiornato

2019, Stati Uniti. Nella cittadina di Wallace, dietro pressioni dei genitori, il sovrintendente scolastico ha messo al bando il fumetto di The Walking Dead nonostante il parare contrario del consiglio. Ecco perché.

43 condivisioni 0 commenti

Condividi

Wallace, Idaho, Stati Uniti: il liceo della cittadina ha messo al bando dalla biblioteca a disposizione degli studenti il fumetto di The Walking Dead.

La notizia arriva nel periodo in cui la storia di Robertk Kirkman e Charlie Adlard arriva a conclusione: l'ultimo numero di The Walking Dead, il numero 193, è uscito ieri negli Stati Uniti.

Mentre aspettiamo l'uscita italiana - prevista per dicembre - ecco la decisione del responsabile scolastico che, nonostante il parere contrario di molti membri del consiglio, ha proibito la lettura del fumetto nella scuola.

The Walking Dead: la copertina dell'ultimo numero a fumetti, il numero 193Sk
The Walking Dead: la copertina dell'ultimo numero a fumetti

Dietro pressione dei genitori degli studenti, che lamentavano la presenza di contenuti graficamente troppo violenti, osceni e con riferimenti espliciti alla sessualità.

Insomma: la censura ha colpito (ancora) The Walking Dead, proprio nel periodo in cui la serie a fumetti è giunta al termine dopo quasi 16 anni.

La tempistica fa riflettere: o i genitori non avevano idea della sua esistenza, o i responsabili scolastici (perché qualcuno, nella biblioteca della scuola, ha inserito il titolo) hanno improvvisamente cambiato idea.

The Walking Dead: il fumettoSky
The Walking Dead: la scena che ha chiuso la stagione 9 nei fumetti

In ogni caso, la notizia riportata da CBR.com contiene anche la conferma di una contraddizione: i numeri del fumetti presenti nella biblioteca scolastica sono stati donati alla biblioteca cittadina... Alla quale gli studenti hanno accesso, rientrando nello stesso circuito.

Ed ecco perché, sempre più spesso, vien da chiedersi se nel 2019 la censura abbia ancora senso: non sarebbe meglio una lettura critica del prodotto "incriminato", per fornire agli studenti gli strumenti necessari a comprenderne il significato più profondo?

Condividi

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.