FoxAnimation

Rimosso il doppiaggio italiano di Evangelion dopo le proteste del pubblico

di - | aggiornato

Netflix ha comunicato di aver deciso di rimuovere il nuovo doppiaggio italiano di Evangelion dopo le innumerevoli proteste da parte del pubblico.

Evangelion polemica adattamento italiano Gainax

5 condivisioni 1 commento

Condividi

A quanto pare la polemica che sta impazzando sui social nell'ultima settimana sembra aver raggiunto una conclusione. Netflix ha infatti deciso di rimuovere il nuovo doppiaggio italiano di Evangelion promettendo di farne una nuova versione.

Ma andiamo con ordine. Lo scorso 21 giugno veniva inserito nel catalogo di Netflix Evangelion, lo storico anime realizzato da Hideaki Anno e dallo studio Gainax, con un nuovo doppiaggio e adattamento.

Ad occuparsi dell'adattamento è stato Gualtiero Cannarsi, già famoso nella cerchia di appassionati di animazione giapponese per aver lavorato a tutti i film dello Studio Ghibli con risultati spesso controversi.

Evangelion serie animataGainax

La nuova versione italiana di Evangelion ha subito un processo simile a quello dei film dello studio di Hayao Miyazaki. Già dopo le prime ore dall'arrivo della serie animata all'interno del servizio di streaming sono spuntati fuori molti post di denuncia sui social network e i primi "meme" relativi al linguaggio utilizzato e agli errori grammaticali presenti nel nuovo adattamento.

Nel centro nel mirino diverse scelte fatte da Cannarsi, come gli Angeli divenuti Apostoli, nonostante la nomenclatura ufficiale al di fuori del Giappone sia sempre stata Angeli, o Unita Prima per indicare l'Eva 01. Questa è soltanto la punta dell'iceberg, perché gli utenti lamentavano principalmente un'impossibilità nel seguire i dialoghi, troppo astrusi e inutilmente farciti di paroloni, a volte anche inventati, per comprendere quanto detto dai personaggi.

Vi riportiamo un paio di esempi dalla pagina facebook "Gli sconcertanti adattamenti italiani dei film Ghibli" che si limita a prendere lo screenshot della scena incriminata e mettere in forma scritta il dialogo di quel momento per farvi un'idea della complessità degli scambi tra personaggi.

In solo una settimana si è generata una polemica talmente imponente che è stata ripresa in vari articoli anche su alcuni quotidiani nazionali come La Stampa, la Repubblica e il Corriere della Sera.

Alla fine, dopo una settimana di silenzio, Netflix ha annunciato tramite un post sulla sua pagina Facebook di aver capito lo "stato di furia" del suo pubblico, decidendo di rimuovere completamente la nuova versione del prodotto e promettendo inoltre di sistemare doppiaggio e sottotitoli italiani. Secondo quanto detto nei commenti al post dalla stessa Netflix il doppiaggio non verrà cambiato con quello realizzato negli anni '90, ma sarà rifatto da capo, stavolta con un nuovo e più corretto adattamento.

Netflix su EvangelionHDNetflix pagina facebook

In questa settimana Cannarsi è intervenuto diverse volte anche in alcuni dibattiti video sul web, discutendo con alcuni Youtuber appassionati di animazione giapponese e con alcuni esperti del settore delle traduzioni, delle sue scelte stilistiche, dicendo di voler essere il più fedele possibile alla versione originale del testo giapponese, traducendo spesso letteralmente diverse frasi senza riadattarle secondo la grammatica italiana.

Cannarsi ha anche dichiarato che per lui il pubblico non è importante perché con gli anni passerà e se ne creerà sempre di nuovo, mentre l'arte rappresentata dall'opera resterà immutata. A quanto pare sia i suoi datori di lavoro sia il pubblico che, secondo la sua visione non conta molto nel percorso di adattamento, non sono stati molto d'accordo con la sua teoria, dato che la sua versione di Evangelion è stata bocciata da entrambi.

Condividi

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.