FoxCrime

La battaglia di Hacksaw Ridge: la trama del film di Mel Gibson e la storia vera che l'ha ispirato

di - | aggiornato

Andrew Garfield è il protagonista de La battaglia di Hacksaw Ridge, pellicola ambientata durante la Seconda Guerra Mondiale e ispirata alla vera storia di Desmond Doss.

La battaglia di Hacksaw Ridge Eagle Pictures

24 condivisioni 1 commento

Condividi

Presentato fuori concorso alla 73esima edizione della Mostra internazionale d'arte cinematografica di Venezia nel 2016, La battaglia di Hacksaw Ridge è un film drammatico diretto da Mel Gibson e ispirato alla storia vera di Desmond Doss, il primo obiettore di coscienza dell'esercito degli Stati Uniti.

La pellicola vede protagonista Andrew Garfield nei panni del giovane Desmond e ad affiancarlo troviamo Teresa Palmer, Vince Vaughn, Sam Worthington, Luke Bracey e Hugo Weaving. La sceneggiatura è stata firmata da Andrew Knight e Robert Schenkkan.

Distribuito in Italia da Eagle Pictures, il film ha avuto un buon successo di critica e di pubblico incassando oltre 175 milioni di dollari in tutto il mondo a fronte di un budget iniziale di soli 40 milioni. La battaglia di Hacksaw Ridge ha ottenuto ben sei nomination agli Oscar nel 2017 riuscendo a portare a casa due statuette per il Miglior montaggio e Miglior sonoro.

Le riprese del film si sono svolte nel 2015 e sono state interamente girate in Australia, in particolare in diversi luoghi storici di Sydney e dintorni tra cui spiccano il Centannial Park e il Sydney Olympic Park. 

Se volete saperne di più sulla pellicola drammatica di Mel Gibson con protagonista Andrew Garfield, a seguire trovate la trama del film e la vera storia che l'ha ispirato. 

La battaglia di Hacksaw Ridge: la trama

Il film racconta la storia del giovane Desmond Doss (Andrew Garfield), cresciuto a Lynchburg in Virginia e istruito secondo la fede della Chiesa Cristiana avventista del settimo giorno. Convinto della sua fede, crede fortemente nel comandamento del "non uccidere" soprattutto dopo che da piccolo stava quasi per ammazzare suo fratello minore durante il gioco della lotta. 

All'eta di 23 anni, Desmond aiuta un uomo rimasto ferito mentre stava riparando la sua macchina e in ospedale incontra l'infermiera Dorothy Schuttle (Teresa Palmer) e se ne innamora. I due iniziano una relazione e Doss le confessa di voler diventare un medico. L'improvviso scoppio della Seconda Guerra Mondiale, spinge però Desmond ad arruolarsi nell'esercito ma come semplice soccorritore in quanto lui è un obiettore di coscienza.

Questa decisione fa irritare suo padre Tom (Hugo Weaving), un veterano della Prima Guerra Mondiale che non ha mai superato l'orrore dei campi di battaglia ed è diventato un alcolizzato. Prima di partire per Fort Jackson nella Carolina del Sud, Desmond decide di chiedere la mano alla sua fidanzata che accetta. Durante il periodo di addestramento sotto la guida del sergente Howell (Vince Vaughn), il giovane fornisce ottime prestazioni fisiche ma viene deriso dai suoi commilitoni per il suo rifiuto di impugnare il fucile.

Howell e il capitano Glover (Sam Worthington) cercano più volte di far espellere Desmond per motivi psichiatrici senza però riuscire a convincere il loro superiore che si rifiuta di mandarlo via. Il sergente decide così di tormentare in ogni modo il giovane obiettore di coscienza per cercare di spingerlo a lasciare l'esercito e tornare a casa. Una notte alcuni suoi commilitoni pestano pesantemente Doss, ma lui rifiuta di identificare i suoi aggressori e prosegue il suo addestramento.

Il poster italiano de La battaglia di Hacksaw RidgeEagle Pictures

Una volta terminato l'addestramento, Doss e i suoi commilitoni vengono congedati e Desmond vorrebbe approfittarne per sposare la sua amata Dorothy ma viene arrestato per insubordinazione a causa del suo continuo rifiuto di usare le armi. Il giovane finisce sotto processo e si dichiara non colpevole rischiando così di eessere condannato. Tuttavia poco prima del verdetto finale, suo padre Tom interviene in tribunale mostrando una lettera di un ex comandante che afferma che la decisione di suo figlio è protetta da una legge del Congresso.

Desmond viene così prosciolto e insieme al suo plotone vengono assegnati alla 77esima divisione di fanteria e condotti alla battaglia di Okinawa in soccorso ad un'altra divisione che sta sorvegliando la Maeda, nota anche come "Hacksaw Ridge". Durante uno scontro iniziale in cui in molti perdono la vita, Doss riesce a salvare diversi soldati, alcuni anche in gravi condizioni. L'esercito americano si accampa per la notte e Desmond trova riparo in una trincea insieme a Smitty, uno dei primi a deriderlo per il suo rifiuto di usare il fucile.

La mattina seguente i giapponesi lanciano un contrattacco e gli americani sono costretti a spingersi verso una scarpata. Molti vengono uccisi, tra cui Smitty, mentre il sergente Howell e altri commilitoni restano gravemente feriti. Senza armi, Desmond riesce a portare i soldati feriti sul bordo della scarpa e li fa scendere giù legandoli con una corda.

In questo modo il giovane soccorritore riesce a salvare decine dei suoi compagni che vengono subito portati nell'ospedale da campo. Alla fine della battaglia, l'esercito americano ne esce vincitore spinto anche dall'incredibile coraggio di Doss che alla fine è riuscito a salvare ben 75 soldati e per questo riceve la medaglia d'onore del Congresso dal presidente Harry S. Truman.

Chi era Desmond Doss? La storia vera che ha ispirato il film

Desmond Doss è nato il 7 febbraio del 1919 a Lynchburg, in Virginia. Figlio del carpentiere William Thomas Doss e della casalinga Bertha Edward Oliver, dopo lo scoppio della Seconda Guerra Mondiale nell'aprile del 1942 decide di arruolarsi come volontario nell'esercito degli Stati Uniti d'America. Tuttavia si rifiuta di impugnare le armi in battaglia e uccidere i soldati nemici in quanto la sua fede cristiana avventista glielo impedisce e diventa così un soccorritore militare.

Grazie a una legge del 1940, l’esercito americano aveva l'obbligo di permettere anche agli obiettori di coscienza come Doss di arruolarsi come non combattente. Assegnato alla 77esima Divisione di Fanteria nelll'estate del 1944, Desmond ha prestato servizio come medico soccorritore riuscendo a portare in salvo molti dei suoi commilitoni. 

Per le sue straordinarie azioni svolte sull'isola di Okinawa, il 12 ottobre del 1945 Doss è stato decorato con la Medaglia d'Onore diventando il primo obiettore di coscienza a ricevere questo importante riconoscimento. A insiglirlo dell'onoreficenza, l'allora presidente degli Stati Uniti Harry S. Truman che durante la cerimonia ha pronunciato le seguenti parole:

Sono orgoglioso di te, te lo sei veramente meritato. Io considero questo un onore più grande di quello di essere Presidente.

Il presidente Harry Truman e Desmond DossHDDesmond Doss Council

Sul numero di soldati portati in salvo da Desmond, si è dibattuto a lungo. Doss ha più volte dichiarato di aver salvato circa 50 uomini ma i suoi commilitoni ne hanno contati almeno il doppio. Nel film di Mel Gibson sono 75 i soldati sopravvissuti grazie al medico soccorritore. Durante la guerra Desmond è rimasto ferito più volte ed ha anche contratto la tubercolosi, che lo ha costretto a lasciare per un periodo l'esercito. 

Il 10 luglio del 1990 gli viene intitolata una strada che prende così il nome di Desmond T. Doss Medal of Honor Highway. Desmond Doss poi muore il 23 marzo del 2006 nella sua casa in Alabama, a causa di problemi respiratori, e viene sepolto presso il National Cemetery di Chattanooga, nel Tennessee.

Per quanto riguarda la sua storia d'amore raccontata nella pellicola con Andrew Garfield, Desmond e Dorothy Doss in realtà non si sono conosciuti in ospedale ma in chiesa in quanto la donna è diventata infermiera solo dopo la guerra. La coppia si è sposata il 17 agosto del 1942, prima che Desmond partisse con la sua Divisione per il conflitto nel Pacifico. 

E voi cosa ne pensate de La battaglia di Hacksaw Ridge e della storia vera che ha ispirato il film?

Condividi

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.