FOX

Cina sviluppa transistor di diametro pari a un filamento di DNA umano

di -

Alcuni ricercatori cinesi sono al lavoro su dei transistor di diametro pari a quello di un filamento di DNA umano. Una tecnologia che conferirebbe ai sistemi elettronici più efficienza a costi energetici estremamente ridotti.

Alcuni transistor collegati a dei chip Shutterstock

25 condivisioni 0 commenti

Condividi

Alcuni ricercatori dell’Accademia cinese delle scienze di Pechino sono riusciti a mettere a punto dei transistor larghi più o meno quanto un filamento di DNA umano, ovvero circa 3 nanometri (ricordiamo che un nanometro è uguale a 0.000000001 metri e il diametro di un filamento di DNA è pari a 2 nanometri), transistor così piccoli che ne servirebbero decine di miliardi per amplificare il segnale di un chip grande quanto un’unghia.

Un’invenzione del genere, secondo il capo degli addetti ai lavori Yin Huaxiang, aumenterebbe enormemente l’efficienza dei microchip e ridurrebbe di parecchio il loro fabbisogno energetico.

Lo stesso Huaxiang infatti tiene a evidenziare gli innumerevoli vantaggi nell’utilizzo della tecnologia che il suo team sta sviluppando:

Bisogna poi considerare il vantaggio pratico nel poter contare su minuscoli transistor: più piccoli essi diventano, più facilmente possono essere collegati a dei chip, maggiore sarà l’incremento in termini di performance di un processore. Il risparmio energetico che otterremmo consentirebbe poi, ad esempio, l’utilizzo di uno smartphone senza bisogno di ricaricare le batterie per molto più tempo rispetto a oggi.

Yin specifica però che per mettere in commercio i nuovi transistor ci vorranno alcuni anni, giusto il tempo di effettuare i dovuti controlli e di scegliere i materiali migliori da adottare, e spiega anche quanto potrebbe essere importante per la Cina riuscire a sviluppare una tecnologia così competitiva:

In passato la Cina restava a guardare gli altri darsi battaglia nel campo dello sviluppo dei chip, adesso invece potrà competere in qualità di top player.

Il chip cerebrale mostrato nella versione Director's Cut di Terminator 2 - Il giorno del giudizioCarolco Pictures/Pacific Western Productions/Lightstorm Entertainment/StudioCanal
Si spera di non incappare mai in "progressi tecnologici" del genere...

Inoltre c’è da dire che altri ricercatori cinesi sono al lavoro per riuscire a realizzare dei transistor addirittura della grandezza di mezzo nanometro, quindi è evidente la voglia della Cina di dominare in campo elettronico.

E voi che ne pensate? Credete che i nuovi, minuscoli transistor cinesi potranno davvero riuscire a rivoluzionare il nostro modo di vivere?

Condividi

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.