FOX  

Roba da Nerd con The Big Bang Theory: Buon 35esimo anniversario Ghostbusters

di - | aggiornato

Nessuno è immune al fascino degli Acchiappafantasmi!

8 condivisioni 0 commenti

Condividi

Spesso i ragazzi della serie TV The Big Bang Theory si sono ritrovati a guardare i loro programmi preferiti in TV, tra serie e film. Ricorderete, per esempio, quella volta in cui Sheldon ed Amy hanno discusso del ruolo di Indiana Jones nel film di Steven Spielberg I predatori dell'arca perduta, o quella volta che Howard ha interrotto la visione di Ritorno al Futuro per capire meglio come funzionano i viaggi nel tempo.

In questo appuntamento di Roba da Nerd con The Big Bang Theory, torniamo al quinto episodio della stagione 8 intitolato L'attenuazione della concentrazione, per festeggiare il 35esimo anniversario del primo film del franchise Ghostbusters! Infatti, il lungometraggio diretto da Ivan Reitman e interpretato, tra gli altri, da Dan Aykroyd, Harold Ramis, Bill Murray ed Ernie Hudson, è stato proiettato per la prima volta, negli Stati Uniti, il 7 giugno 1984.

Nella clip che abbiamo scelto, Sheldon, Leonard, Howard e Raj stanno facendo un esperimento in laboratorio e a un certo punto introducono il concetto di "sollecitazioni negative". Secondo Sheldon il termine corretto da usare è punizioni positive, perché le sollecitazioni negative tendono a rimuovere gli stimoli positivi. Da questo discorso si arriva all'esperimento che Peter Venkman svolge nel laboratorio dell'università in cui lavora.

Venkman (interpretato da Bill Murray) sta cercando di studiare gli effetti delle sollecitazioni negative sulla percezione extrasensoriale (potete vederlo nel video qui sotto), anche se, nel suo caso, l'esperimento è il mezzo per flirtare con una ragazza (interpretata da Jennifer Runyon). Questo esperimento mette sotto stress il volontario, al fine di far concentrare le sue capacità psichiche. È da notare che il ragazzo (interpretato da Steven Tash) inizia effettivamente a percepire le figure: all'inizio le sbaglia, poi ci va vicino e infine indovina le linee ondulate. 

Le sollecitazioni negative tendono a portare il soggetto a non voler subire più quella brutta sensazione di fastidio, quindi fanno concentrare la mente. Probabilmente, è questo quello Sheldon & co. stanno cercando di fare con il nastro adesivo applicato sulla parte del braccio dove sono presenti i peli.

Tornando alla puntualizzazione di Sheldon (punizioni positive invece di sollecitazioni negative), quello che bisogna specificare è che la punizione positiva è uno stimolo che la persona non vuole più ricevere (come nel caso del nastro adesivo strappato sul braccio), per non riceverlo più si comporterà di conseguenza (nel caso di The Big Bang Theory, non si distrarrà più). La sollecitazione negativa si riferisce a un elemento positivo che viene sottratto al soggetto, quindi per esempio se la punizione, invece di essere riferita al dolore dei peli strappati dal braccio, fosse stata l'eliminazione di qualche piacere, allora si sarebbe chiamata sollecitazione negativa.

Dopo aver visto una breve clip di Ghostbusters e appurato che Sheldon ha ragione nel fare la differenza tra punizioni positive e sollecitazioni negative, i ragazzi non resistono al fascino di Ghostbusters e abbandonano il loro esperimento, per tornare a casa e vedere l'intero film!

I fan di Ghostbusters si riuniranno per il primo Fan Fest organizzato da Sony e Ghost Corps in California, un evento che vedrà la partecipazione di attori, membri della troupe e registi, compreso Jason Reitman che sta lavorando al nuovo film del franchise in uscita nel 2020.

Lunga vita a Ghostbusters!

Condividi

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.