FOX

Anche Chris Evans contro l'omofobica 'Straight Parade', la risposta etero al Gay Pride

di - | aggiornato

Chris Evans si è schierato contro gli organizzatori della 'Straight Pride Parade' nata in risposta al Gay Pride.

Chris Evans durante la promozione di Avengers: Endgame Getty Images

51 condivisioni 0 commenti

Condividi

Giugno è il mese del Gay Pride, ma nonostante ciò a Boston, una delle città più gay-friendly degli Stati Uniti, è nata l'idea di una parata per manifestare l'orgoglio di essere eterosessuali. L'artefice della Boston Straight Pride Parade porta il nome di Mark Sahady e il suo intento, secondo quanto scritto in un commento su Facebook, è quello di prendersi gioco di quella che chiama politica dell'identità della sinistra.

Secondo il Washington Post Sahady non è il solo organizzatore dell'evento: accanto a lui, altri due uomini di Boston hanno chiesto alla città un permesso per poter ospitare la parata prevista per il 31 agosto.

John Hugo, uno dei tre uomini a capo dell'evento, ha detto: "Ci sentiamo una maggioranza oppressa. Vogliamo tolleranza e la vogliamo per tutti, non solo per la comunità LGBTQ".

La notizia non è passata inosservata e ha catturato l'attenzione di Chris Evans.

L'attore, che usa spesso Twitter come mezzo per prendere posizione in ambito politico e sociale, ha espresso il suo pensiero sulla sfilata eterosessuale e ha scritto:

Wow! Gran bella iniziativa, ragazzi! Pensavo solo che invece di parata per 'l'Orgoglio Etero' potreste chiamarla: 'Il disperato tentativo di reprimere i nostro pensieri gay tramite l'omofobia perché nessuno da bambini ci ha insegnato come avere accesso alle nostre emozioni'. Che dite? Troppo pretenzioso?

L'interprete di Capitan America ha poi condiviso un post dello scrittore James Fell, che ha espresso la sua sulla marcia in questione.

Lo scrittore si è detto grato di essere etero. Ha detto di essere felice di non aver mai dovuto combattere con le difficoltà e le ingiustizie a cui la comunità LGBTQ deve far fronte quotidianamente. Ha detto anche di non essere orgoglioso di essere etero. 

Non ne vedo il motivo. Quello che vedo invece è che questa sfilata porta il nome sbagliato. Non è una 'Straight Pride Parade'. Dovrebbe chiamarsi 'Sono un omofobo pezzo di m***a'.

Evans ha aggiunto, in un messaggio rivolto agli omofobi: 

Invece di farvi pervadere dalla rabbia (che altro non è che paura di ciò che non comprendete), trovate un momento per crescere e divenire più empatici.

Per Chris Evans, quella dell'equità di diritti per la popolazione LGBTQ, è una battaglia personale. Il fratello minore dell'attore, Scott, è apertamente gay e in passato Chris ha detto che crescere con lui e con due sorelle lo ha reso più sensibile a determinate tematiche.

"Mi hanno aiutato a essere più compassionevole e comprensivo" ha rivelato in un'intervista per Out Magazine.

Condividi

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.