FOX

Apple, WWDC19: le novità di iOS 13, iPadOS e macOS Catalina

di - | aggiornato

La WWDC19 si è aperta con un keynote particolarmente abbondante. Apple ha presentato le tante novità di iOS 13, iPadOS (nuovo sistema operativo per i tablet dell'azienda) e macOS Catalina.

Tim Cook sul palco della WWDC19 Apple / MondoFox

6 condivisioni 0 commenti

Condividi

Sul palco del San Jose McEnery Convention Center, Apple ha dato il via alla WWDC 2019 con un keynote ricco di novità. Come da tradizione, l'azienda di Cupertino ha aperto le danze della conferenza dedicata agli sviluppatori presentando gli aggiornamenti dei suoi sistemi operativi, e le sorprese non mancano.

iOS 13

iPhone è il prodotto di maggior successo di Apple e i dati confermano che gli utenti amano gli aggiornamenti (l'85% ha installato iOS 12). Per tale motivo, anche quest'anno il protagonista della WWDC è il sistema operativo per lo smartphone dell'azienda di Cupertino. iOS 13 rinnova il sistema operativo sotto diversi punti di vista: introduce la tanto desiderata Dark Mode, nuovi strumenti per tutelare la propria privacy, rinnova tutte le app di sistema e migliora notevolmente le prestazioni.

Dark Mode

Da anni gli utenti iOS attendevano la Dark Mode per il sistema operativo, e Apple ha finalmente esaudito il loro desiderio.

Questa abbraccia le applicazioni di sistema e tutti gli altri elementi dell'interfaccia. Oltre a essere accattivante da un punto di vista estetico, la modalità scura rende meno stancante l'utilizzo dello smartphone nelle ore notturne. Può essere attivata manualmente dal Centro di Controllo, ma non manca un'opzione per far sì che si attivi in automatico di sera.

Immagine stampa della Dark Mode di iOS 13HDApple

Nell'attesa della relase pubblica di iOS 13, sono già diverse le applicazioni che consentono l'utilizzo di una interfaccia scura, come Twitter, YouTube, TV Time e Microsoft News.

Foto e Fotocamera

Con la nuova versione di iOS, l'app Fotocamera permette di modificare l'intensità della luce in Modalità Ritratto. Per quest'ultima è stato aggiunto il nuovo effetto monocromatico che si va dunque ad aggiungere a Luce Naturale, Set Fotografico, Contoruing, Teatro e Teatro Bianco e Nero.

Foto promozionale della modalità Portrait Monochromatic di iOS 13HDApple

Per quanto riguarda invece l'applicazione di sistema Foto, Apple ha ridisegnato il tab principale che migliora notevolmente l'organizzazione dei contenuti. Sfruttando il machine learning, l'applicazione in automatico nasconde foto simili tra loro - mostra solo lo scatto migliore - e rimuove screenshot e altri contenuti ritenuti meno importanti. Lo scopo è quello di migliorare l'esperienza d'utilizzo, ponendo in primo piano i ricordi davvero importanti divisi in giorni, mesi e anni.

Immagine stampa della rinnovata app Foto di iOS 13HDApple

Altra novità particolarmente apprezzata (anche dai presenti all'evento) riguarda il pacchetto di strumenti di editing, che permette di avere maggior controllo sugli effetti. Hanno strappato tantissimi applausi anche i nuovi tool per modificare i video, che finalmente possono essere ruotati direttamente dall'app Foto. Meglio tardi che mai.

Immagine stampa degli strumenti per la modifica dei video in Foto di iOS 13HDApple

Privacy

Anche a questo giro Apple ha voluto dedicare un po' di spazio alla privacy e alla tutela dei dati personali. In tal senso, una novità di iOS 13 riguarda il nuovo metodo 'Accedi con Apple' per effetture l'accesso su quei siti che richiedono la creazione di un account. In questo modo, non è più necessario compilare un modulo o creare una password, e - in caso di necessità - il software può creare una email unica che 'nasconde' quella personale da occhi indiscreti.

Immagine promozionale della nuova opzione di log-in Sign in with AppleHDApple

Con l'obiettivo di tutelare dati sensibili e informazioni personali, il colosso tech ha introdotto una nuova funzione grazie alla quale è possibile condividere la posizione con un'app solo per una volta e ha presentato un sistema con crittografia end-to-end per le videocamere di sicurezza. Tutti i video registrati vengono memorizzati su iCloud e sono quindi accessibili solo al proprietario dell'account.

Mappe

L'applicazione Mappe in iOS 13 si aggiorna con una immersiva esperienza 3D per esplorare le città (qualcosa di molto simile a Street View di Google Maps). Il software permette con un solo tap di impostare la navigazione verso un luogo salvato nei Preferiti, come Casa, Lavoro, Ristorante e così via e creare una sorta di lista dei luoghi assolutamente da visitare (ad esempio in vacanza) da condividere con amici e parenti.

Immagine promozionale della navigazione 3D di Mappe in iOS 13HDApple

Come parte dell'aggiornamento, inoltre, Apple incluso in Mappe molti più dettagli su strade, parchi, spiagge, palazzi e altro. L'azienda ha confermato che entro il 2019 tale update abbraccerà l'intero territorio statunitense, ma toccherà poi anche altri paesi (nessuna conferma per l'Italia, purtroppo).

Siri

Partiamo con il dire che finalmente Siri - almeno nella versione statunitense - ottiene con iOS 13 una voce più naturale. Per il raggiungimento di questo obiettivo, Apple ha fatto affidamento su una tecnologia neural-to-speech avanzata.

Novità legate a Siri riguardano anche l'applicazione Shortcuts, che ora unisce gli shortcust delle app a quelli creati dall'utente, e HomePod. L'assistente virtuale riesce infatti a riconoscere le voci delle singole persone e può quindi proporre brani, tramite lo smart speaker, in base ai gusti personali dell'utente.

Apple ha poi migliorato l'esperienza con gli AirPods. Siri ad esempio può leggere i messaggi in entrata, a cui è possibile rispondere con la dettatura vocale. Anche in questo caso, la dimostrazione alla conferenza è stata molto convincente. Con iOS 13, infine, è possibile abbinare due paia di AirPods allo stesso iPhone, per guardare un film (o una serie TV) o ascoltare una canzone in compagnia di un amico o del partner.

Memoji, Messaggi e Tastiera

Con iOS 13 non poteva mancare un aggiornamento delle Memoji, ovvero gli avatar virtuali da utilizzare in diverse applicazioni di messaggistica, Messaggi su tutte. Con la nuova versione del sistema operativo è ora possibile personalizzare le proprie creazioni con il make-up e accessori come piercing e AirPods.

Una novità particolarmente gradita è la possibilità di utilizzare le Memoji sotto forma di sticker anche in applicazioni di terze parti. Il pacchetto di adesivi viene creato in automatico dal software ed è accessibile dalla tastiera.

Per rendere le conversazioni in Messaggi meno fredde, l'applicazione condivide in automatico nome e foto profilo delle persone che stanno partecipando alla conversazione. Ovviamente, si può decidere se condividere queste informazioni con tutti o solo con determinate persone (come ad esempio, solo i contatti in rubrica).

Per la tastiera Apple ha invece annunciato il QuickPath Typing, ovvero il supporto allo swipe. Per digitare una parola, basta passare da una lettera all'altra trascinando il dito sulla tastiera.

Immagine promozionale della nuova funzione QuickPath TypingHDApple

Altre applicazioni di sistema

L'applicazione Promemoria è stata completamente ridisegnata. Ora è più semplice aggiungere data, ora, luogo, foto e altro ancora per la creazione di un promemoria, e Siri è in grado di suggerirne di nuovi durante altre attività. Ad esempio, se in una conversazione in Messaggi si parla di un appuntamento, l'assistente virtuale può creare un promemoria con le informazioni fornite.

Immagine stampa della rinnovata applicazione Promemoria di iOS 13HDApple

Mail supporta strumenti per la formattazione del testo (stile del font, dimensioni, colore, allineamento e così via); Voice Control permette di utilizzare un iPhone con soli comandi vocali, uno strumento davvero utile per persone con difficoltà motorie; Note include ora una nuova vista Galleria e consente la condivisione di cartelle con altre persone; Safari propone una pagina iniziale più ricca, con suggerimenti di Siri, preferiti e siti più visitati; l'applicazione File ora permette di accedere e gestire file memorizzati su periferiche esterne (come le tradizionali penne USB); grazie ad ARKit 3, le applicazioni in realtà aumentata riconoscono la presenza di persone nell'inquadratura; rinnovate le opzioni di condivisione all'interno delle app di sistema, che suggeriscono persone e applicazioni da utilizzare; infine Salute è stata rinnovata nelle funzioni e nel design.

Per il gaming

Non è stata citata durante il keynote della WWDC di quest'anno, ma tra le novità di iOS 13 vi è anche il supporto ai controller per PlayStation 4 e Xbox One S. Una notizia davvero interessante per coloro che usano iPhone anche per giocare a titoli più competitivi come Fortnite o PUBG.

Compatibilità e lancio

La release pubblica di iOS 13 sarà disponibile in autunno, ma la prima beta per gli sviluppatori è già disponibile al download. Il nuovo sistema operativo è compatibile con i seguenti dispositivi:

iPadOS

Non è un caso che nel paragrafo dedicato ad iOS non abbia citato iPad. Apple, infatti, ha presentato alla WWDC19 la prima versione di iPadOS, sistema operativo dedicato esclusivamente alla famiglia dei tablet dell'azienda di Cupertino. Una svolta attesa praticamente da tutti, con iOS considerato un limite e non un alleato per dispositivi che mettono a disposizione tanto spazio (in particolare gli ultimi iPad Pro).

La modalità Split View è essenziale su iPad. Con iPadOS è possibile tenere sempre a portata di mano le applicazioni preferite grazie a Slide Over ed è possibile utilizzare una stessa applicazione in Split View, soluzione ideale per lavorare su due documenti fianco a fianco.

La modalità di SplitView di iPadOSHDApple

Altra novità riguarda la Home Screen che ora ospita più applicazioni e - all'occorrenza - anche i widget prima consultabili solo effettuando uno swipe da sinistra verso destra. Anche in questo caso vale il detto 'Meglio tardi che mai'.

Immagine promozionale di iPadOSHDApple

Non mancano novità per Apple Pencil, che con una latenza di 9ms (prima 20ms) garantisce un'esperienza senza precedenti per gli utenti che utilizzano il pratico stylus. Questo è inoltre supportato dall'inedita funzione Sidecar di macOS Catalina, che permette di utilizzare l'iPad come workspace aggiuntivo.

iPadOS introduce anche nuove gesture Multi-touch per selezionare e modificare parti del testo. Con un pinch con tre dita si taglia una porzione di testo selezionato, con un pinch-out invece lo si incolla. Infine, in caso di errore, basta annullare l'ultima modifica con un swipe da destra verso sinistra con tre dita.

Screen della nuova gesture con tre dita di iPadOS per tagliare una porzione di testoHDApple

Miglioramenti anche per la tastiera su schermo. Con un pinch si può rimpicciolire e spostare la tastiera su qualsiasi parte dello schermo (senza occupare spazio nella parte inferiore), e non manca il supporto al succitato QuickPath Typing, per digitare con comodi e rapidi swipe. Infine, Apple ha pensato di introdurre il supporto agli shortcut per le tastiere fisiche, ovvero quelle combinazioni di comandi per azioni rapide come aprire un nuovo tab (command + L) oppure ricaricare la pagina (command + R).

Immagine promozionale di iPad Pro con un tastiera esternaHDApple

L'applicazione File è stata aggiornata anche su iPadOS, che trasforma il tablet in qualcosa di molto vicino ad un laptop. Migliorata e semplificata la gestione dei file memorizzati sul dispositivo (con la possibilità di condivisione con altre persone), e - anche in questo caso - è possibile accedere a file contenuti su hard drive esterni come lettori di card SD e USB Drive (è concesso gridare al miracolo).

iPad Pro legge i file memorizzati su una periferica esternaHDApple

A concludere la lista delle novità di iPadOS la navigazione su Safari in stile desktop con tanto di Download Manager, il supporto alla Dark Mode, i nuovi strumenti di sicurezza, le citate novità per l'applicazione Foto e, infine, miglioramenti generali delle prestazioni.

Compatibilità e lancio

Come iOS 13, anche la versione pubblica di iPadOS sarà disponibile in autunno. Il nuovo sistema operativo per iPad potrà essere installato sui seguenti dispositivi:

  • iPad Pro da 12.9", 11", 10.5" e 9.7"
  • iPad di quinta e sesta generazione
  • iPad mini di quinta generazione
  • iPad mini 4
  • iPad Air di terza generazione
  • iPad Air 2

macOS Catalina

Sulla scia di iOS 13 e iPadOS, anche macOS Catalina rivoluziona, seppur parzialmente, il sistema operativo per Mac e MacBook.

Addio iTunes

Si parte con l'addio a iTunes, che probabilmente non mancherà a nessuno (nemmeno ad Apple). Lo storico software, non più al passo con le novità degli ultimi anni, è stato diviso in tre applicazioni indipendenti, ovvero Music, Apple TV e Apple Podcast.

Music non è altro la versione per Mac di Apple Music, piattaforma di streaming dell'azienda di Cupertino che offre oltre 50 milioni di brani. In termini di funzioni e design ricorda molto iTunes, ma questa volta si punta tutto sulla musica. Nel menu laterale i tre tab Apple Music, Libreria e Preferiti, utili per accedere rapidamente ai propri contenuti.

Immagine stampa dell'applicazione Music di macOS CatalinaHDApple

Apple TV sbarca ufficialmente anche su macOS. Apple ha intenzione di puntare molto sui contenuti originali, quindi sulla sua piattaforma di streaming Apple TV+. Il servizio sarà disponibile anche in Italia, ma privo dei canali come HBO accessibili oltreoceano.

Immagine stampa della nuova applicazione Apple TV di macOS CatalinaHDApple

Infine, Apple Podcast è - come suggerisce il nome - la piattaforma per accedere ai contenuti podcast di oltre 700 mila show. Nessuna particolare novità da segnalare rispetto alla controparte per iOS.

Immagine stampa dell'app Apple Podcast di macOS CatalinaHDApple

Le app per iPad su Mac

Le indiscrezioni sono state alla fine confermate: le applicazioni per iPad arriveranno anche su macOS, grazie a Project Catalyst. Quando si parla di Apple si parla di ecosistema, di continuità. Per tale motivo l'azienda di Cupertino ha deciso di fornire agli sviluppatori gli strumenti per rendere le applicazioni per iPad perfettamente compatibili con Mac e MacBook, a partire da macOS Catalina.

Non tutte le applicazione per tablet saranno disponibili sui Mac, molto dipenderà infatti dalle strategie dei singoli sviluppatori. Durante il keynote della WWDC, Craig Federighi ha confermato che Gameloft ha quasi ultimato i lavori per portare Asphalt 9 su macOS, così come Twitter, che tornerà finalmente sui Mac con un'app nativa.

Asphalt 9 in esecuzione su macOS CatalinaHDApple

Foto, Note, Promemoria e Safari

L'applicazione Foto di macOS Catalina è stata completamente rinnovata sull'esempio di quanto fatto con iOS 13 e iPadOS. Le foto sono ora organizzate nei tab Anni, Mesi, Giorni e Tutte le Foto. L'app - proprio come su iPhone e iPad - predilige gli scatti migliori, nascondendo duplicati e foto di dubbia qualità.

Immagine stampa della rinnovata applicazione Foto per macOSHDApple

Note supporta la nuova Gallery View, mentre un nuovo strumento di ricerca permette di trovare le note in tempi ancora più rapidi. Le cartelle condivise permettono a più persone di lavorare agli stessi documenti, a cui si aggiunge l'opzione Checklist che supporta comode gesture.

Immagine stampa della rinnovata applicazione Note di macOS CatalineHDApple

Anche su macOS Catalina Promemoria ha un design totalmente rinnovato. La nuova interfaccia è accompagnata da strumenti per creare, organizzare e tenere traccia di tutti i promemoria. Le liste smart organizzano e mostrano promemoria imminenti in modo automatico, Siri invece ne suggerisce la creazione di nuovi anche quando si utilizzano altre applicazioni, come Messaggi.

Per Safari le novità riguardano in particolare la schermata iniziale, che permette di accedere rapidamente ai siti preferiti e a quelli più consultati. Anche in questo caso non manca il contributo di Siri, che suggerisce siti in base alle abitudine dell'utente.

Sidecar

Sidecar è la nuova funzione che estende lo spazio di lavoro utilizzando un iPad o un secondo display. L'aspetto più interessante è che è possibile interagire direttamente con le periferiche aggiuntive, anche con un Apple Pencil su iPad Pro. Tra le applicazioni già compatibili con Sidecar si segnalano Adobe Illustrator, Affinity Designer, Affinity Photo, Final Cut Pro e ZBrush.

Immagine stampa della funzione SideCar di AppleHDApple

ScreenTime anche su Mac

ScreenTime è un utile strumento esordito su iOS che permette di controllare quanto tempo viene speso utilizzando un iPhone e ora anche un Mac. Il tool permette di monitorare l'utilizzo ma anche di impostare limiti per applicazioni e navigazione sul web su tutti i dispositivi.

Immagine stampa di ScreenTime per macOSHDApple

Privacy e sicurezza

Anche per macOS Catalina Apple ha riservato novità per la privacy e la tutela dei dati personali. Il processore Apple T2 si assicura che il Mac esegua solo software verificati e garantisce la massima sicurezza quando si utilizzano il Touch ID e Apple Pay. Inoltre le applicazioni hanno sempre bisogno del permesso dell'utente per accedere ai file memorizzati sul Mac.

Novità degna di nota è la nuova applicazione Trova il mio che combina Trova il mio iPhone e Trova i miei amici in un'unica applicazione per Mac, iPad e iPhone. Questa può localizzare un Mac - anche se offline - inviando un segnale Bluetooth che può essere rilevato da altri dispositivi Apple nelle vicinanze che inviano poi le informazioni su iCloud.

Immagine promozionale della nuova app Find My di AppleHDApple

Il tutto avviene nel completo anonimato e con la garanzia della crittografia end-to-end. Quindi nessuno, a esclusione del legittimo proprietario, può accedere alla informazioni sul dispositivo smarrito.

Voice Control

Voice Control permette agli utenti che non possono fare affidamento sui tradizionali metodi di input di utilizzare dispositivi macOS, iPadOS e iOS con la propria voce. Ogni elemento dell'interfaccia diventa così accessibile grazie a un sistema di griglie e numeri. Tutto è a portata di voce.

Compatibilità e lancio

macOS Catalina sarà disponibile in autunno e potrà essere scaricato sui seguenti dispositivi:

  • MacBook (2015 e successivi)
  • iMac (2012 e successivi)
  • MacBook Air (2012 e successivi)
  • iMac Pro (2017 e successivi)
  • MacBook Pro (2012 e successivi)
  • Mac Pro (2013 e successivi)
  • Mac mini (2012 e successivi)

Cosa ne pensate delle novità di iOS 13, iPadOS e macOS Catalina?

Condividi

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.