FOX

Le app che non possono mancare sullo smartphone di un chitarrista

di - | aggiornato

Gli smartphone sono validi alleati dei chitarristi, con applicazioni per accordare, registrare o semplicemente divertirsi con effetti degni dei Guitar God.

Immagine promozionale di Fender Play Fender

42 condivisioni 0 commenti

Condividi

App Store e Play Store, i negozi digitali di applicazioni di Apple e Google rispettivamente, sono in grado di soddisfare (quasi) tutte le richieste degli utenti. Ci sono proposte per tutti i gusti, anche per coloro che amano pizzicare le sei corde di una chitarra. Purtroppo, escludendo quelle per lo streaming (come Spotify o TIDAL), le app legate al mondo della musica fanno fatica ad affermarsi nelle classifiche di quelle più popolari, ma tra queste ce ne sono alcune davvero utili per un chitarrista che meriterebbero più visibilità.

In questo articolo vi segnalo le applicazioni che non possono mancare sullo smartphone di un chitarrista, che sia alle prime armi o meno. Archivio di accordi e tablature per milioni di canzoni, accordatore e altro ancora. Il vostro smartphone è anche questo.

Accordatori

Prima di iniziare a suonare la chitarra è necessario accordare lo strumento. I più esperti riescono a farlo a orecchio, ma in alternativa si può chiedere aiuto al proprio smartphone. In questo caso, le due migliori applicazioni sono GuitarTuna e Fender Tune, che in quanto a precisione sono pressoché identiche.

GuitarTuna

GuitarTuna (che con l’ultimo aggiornamento occupa ancora meno spazio sul dispositivo) è gratuita ed è disponibile sia per iOS che Android. È un accordatore molto semplice da utilizzare: facendo vibrare le singole corde della chitarra (una per volta), l’app vi dirà se il tono è giusto o meno. Il software, sfruttando il microfono dello smartphone, riesce a riconoscere in modo preciso l’audio in entrata eliminando rumori di fondo. Non sono richiesti cavi o amplificatori, quindi potete utilizzare chitarre classiche, acustiche ed elettriche senza alcun tipo di problema.

E se per un brano è richiesta un’accordatura diversa da quella standard (EADGBe), l’app ne include oltre 100 tipologie diverse, come Drop D (o altri abbassamenti di tono), accordature per chitarre a 7 corde, a 12 corde e così via. Inoltre, nonostante abbia presentato GuitarTuna come un accordatore per chitarra, l’app funziona anche con basso, mandolino, ukulele, viola, violino, violoncello, banjo, violino folk e balalaika.

Infine, GuitarTuna include anche un metronomo (molto utile per le esercitazioni) e un archivio di accordi per chitarra e ukulele con rispettive posizioni sul manico.

Fender Tune

Fender Tune ha alle spalle una delle più grandi e famose aziende produttrici di strumenti musicali, un brand di cui è difficile dubitare. L’applicazione, nella versione gratuita per iOS e Android, si presenta come un comodo accordatore per chitarra, basso e ukulele, che condivide molte delle funzioni con GuitarTuna. Anche in questo caso, il software è semplice da utilizzare, con un’interfaccia chiara e intuitiva.

Screen dell'app Fender Tune per iOS e AndroidHDFender

Alcuni acquisti in-app permettono di scaricare contenuti aggiuntivi come metronomo, beat di accompagnamento, archivi di accordi e scale, ma se avete bisogno solo di un accordatore, allora Fender Tune potrebbe fare al caso vostro. Dalle impostazioni scegliete prima lo strumento che dovete accordare, poi tra l’opzione automatica (che riconosce la nota e guida l’utente all’intonazione giusta) e quella manuale. Pizzicate la corda, date uno sguardo all’accordatore e girate le meccaniche per raggiungere l’intonazione perfetta. Nulla di più semplice.

Ultimate Guitar: Chords & Tabs

Avete accordato la chitarra? Bene, ora è il momento di suonare qualche canzone. Ultimate Guitar è il più grande catalogo al mondo di accordi, tablature e testi per chitarra, basso e ukulele. Nato come sito web, è ora utilizzabile anche come app su smartphone e tablet (iOS / Android). È gratuita (qualche anno fa era a pagamento), ma alcune funzioni sono accessibili solo passando dall’account base a quello Pro.

Nella sua versione base UG Tabs permette di accedere a tutto il suo l’archivio di accordi, tablature e testi. I contenuti sono in costante aggiornamento grazie all’attività dei chitarristi di tutto il mondo le cui proposte vengono approvate - se ritenute valide - da un team di esperti. Per ogni canzone (in base anche alla popolarità) esistono diverse versioni di accordi e/o tablature, starà poi a voi scegliere quale seguire. Ad esempio, di Stairway To Heaven dei Led Zeppelin UG Tabs offre 8 versioni con accordi, 27 Pro Tabs (accessibili solo con account Pro), 5 tablature dell’intera canzone, 5 tablature degli assoli, 2 tablature per il basso e 5 versioni per ukulele. Ogni singola versione è accompagnata da un punteggio (stelle), ovvero una media dei voti della community. Il consiglio è dunque quello di seguire accordi e tablature con almeno 4-5 stelle.

Immagine promozionale dell'app di Ultimate-Guitar per smartphoneHDUltimate-Guitar

Gli accordi sono indicati con le sigle internazionali, quindi Do corrisponde a C, Re a D, Mi a E, Fa a F, Sol a G, La a A e Si a B. Cercate di ricordare queste sigle, perché (varianti comprese) ve le ritroverete in ogni dove su UG. Le pagine degli accordi di una canzone includono poi un utile comando di autoscorrimento (di cui è possibile anche modificare la velocità). Questo vi permette di seguire accordi e testo senza alcun tipo di problema.

Le tablature indicano invece le singole note da suonare sulla tastiera, ma attenzione a non fare confusione con gli spartiti tradizionali. Le note sono infatti indicate come numeri. Ad esempio, il numero 5 indicato sulla corda E (quindi Mi) corrisponde a La (quinto tasto sulla tastiera). L’aspetto positivo delle tablature è che vi permettono di capire rapidamente dove posizionare le dita (non quali) e in che successione; quello negativo è che invece vi allontanano dallo spartito.

Tablatura dell'intro di Master of Puppets dei MetallicaHDUltimate Guitar
L'intro di Master of Puppets dei Metallica (tab)

Ultimate Guitar è un’applicazione che uso quotidianamente, ed è sul mio iPhone praticamente da sempre. È utile e facile da usare, con un archivio credo ineguagliabile: accordi e tablature di brani da tutto il mondo (Italia compresa), anche in versioni semplificate. Una piattaforma per imparare a suonare le prime canzoni e mettersi alla prova con quelle più ostiche.

Provatela, non ve ne pentirete.

ToneBridge

Replicare il suono delle chitarre di Slash, Steve Vai, Petrucci, Mayer, Clapton e altri Guitar God sembra un’impresa impossibile, in particolare per quei chitarristi che hanno da poco abbracciato lo strumento e non hanno né una chitarra né una pedaliera adatta al raggiungimento di questo obiettivo. Per alcuni suoni è richiesta poi la magia di pedali, distorsori e amplificatori, ma ToneBridge potrebbe essere un’alternativa decisamente più economica.

L’applicazione per iOS e Android è gratuita e porta la firma di Ultimate Guitar ed è sinonimo di divertimento. No, purtroppo non trasformerà la vostra chitarra in quella fantastica Les Paul utilizzata da Slash nel video di November Rain, ma vi permetterà di avvicinarvi al suo suono - per quanto possibile.

L’app include oltre 9 mila preset di popolari canzoni di ogni genere, potete spaziare dal jazz al metal, dal pop all’hard rock. Con un semplice tap potete passare dal suono tipico di Jimi Hendrix a quello sperimentale di Steve Vai, da quello più graffiante dei Queens of The Stone Age a quello più orecchiabile dei Maroon 5. Il divertimento è assicurato.

I preset possono essere modificati a proprio piacimento ed essere aggiunti alla lista dei preferiti, per averli sempre a portata di tap. È inoltre possibile creare il proprio preset con amplificatori e pedali in-app, da utilizzare anche in altre applicazioni come GarageBand di Apple. Date libero sfogo alla vostra immaginazione (e ai vostri gusti musicali).

L’unico neo di ToneBridge è che necessita di periferiche esterne per funzionare. Le più note sono quelle della serie iRig di IK Multimedia, che si trovano anche a prezzi ragionevoli (in particolare quelli più datati). Io, ad esempio, uso un iRig di prima generazione a cui posso collegare le cuffie o in alternativa un altoparlante esterno o un amplificatore.

Foto della confezione di iRig 2 di IK MultimediaIK Multimedia

Memo musicali

Memo musicali è un’applicazione in esclusiva per i dispositivi iOS, sviluppata da Apple e scaricabile gratuitamente da App Store. Per dirla semplice, è la classica app per i memo vocali… ma per la musica. Basta un tap per registrare in un formato non compresso l’idea di un brano in un momento di particolare ispirazione.

L’applicazione sfrutta il microfono di iPhone o un microfono esterno ed è ottimizzata per chitarra e piano. Ma Memo musicali, oltre a registrare, crea. Infatti, analizzando l’arrangiamento di base, l’app suggerisce un accompagnamento di basso e batteria, che con precisione segue le variazioni del ritmo. Nella maggior parte dei casi, il risultato è più che soddisfacente.

Memo musicali è un alleato delle idee, delle ispirazioni del momento. Pensate che alcune hit sono nate proprio con un semplice memo, come ‘Attention’ di Charlie Puth. Il cantante statunitense ha infatti raccontato che l’idea del brano gli è venuta a Tokyo, durante il tour in Giappone, e di aver registrato la melodia sul proprio iPhone sotto forma di memo vocale. Potete ascoltarla in chiusura del video ufficiale:

Bonus

Lezioni dallo smartphone

Yousician (iOS / Android) e Fender Play (iOS / Android) sono due applicazioni grazie alle quali i chitarristi alle prime armi possono apprendere le basi dello strumento. L’obiettivo finale è quello di fornire all’utente i mezzi per padroneggiare la chitarra, con video-guide esaustive e ricche di informazioni.

Di seguito un esempio delle tipologie di lezioni che potete trovare su Fender Play:

Le due applicazioni sono dunque ideali per l’autoapprendimento. Tutte le lezioni sono a portata di mano, ma sono accessibili solo tramite abbonamento. Yousician prevede diversi piani, tra cui quello mensile a 19,99 euro e quello annuale a 119,99 euro; Fender Play offre solo due opzioni, quella mensile e quella annuale a 10,49 euro e 92,99 euro rispettivamente.

GarageBand

GarageBand è l’applicazione di Apple che trasforma iPhone, iPad e Mac in studi di registrazione. L’applicazione consente la creazione di brani completi di tutti gli strumenti, chitarra compresa.

Nel caso specifico dello strumento a sei corde, basta collegare la chitarra al dispositivo (con una delle succitate periferiche) per registrare usando modelli di amplificatori classici (le versioni made-in-Apple di celebri amplificatori a marchio Fender, Marshall, Orange e così via) ed effetti pedale. L’azienda di Cupertino , inoltre, aggiorna costantemente la libreria di suoni per scaricare gratuitamente nuovi strumenti, suoni e loop.

Lo studio di registrazione di Apple potrebbe essere un must-have per chi ama comporre musica, l’unico neo è il peso dell’applicazione, oltre 1,7 GB (che aumenta con il download di contenuti aggiuntivi).

Cosa ne pensate di queste applicazioni per chitarristi? Ne avete altre da consigliare?

Condividi

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.