FOX

All'asta per oltre 1 milione di dollari il laptop infetto da sei dei più pericolosi malware

di - | aggiornato

Quanto vale un laptop che riunisce sei dei più pericolosi malware oggi conosciuti? Il moderno vaso di Pandora è stato venduto all'asta per oltre 1 milioni di dollari.

Foto del Samsung NC10, noto anche come The Persistence of Chaos Deep Instinct

41 condivisioni 0 commenti

Condividi

Alle aste ci si aggiudica davvero di tutto, anche un laptop che "custodisce" al suo interno sei virus che hanno causato danni pari a circa 95 miliardi di dollari. Sembra l'inizio di un film di cyber-spionaggio, con il cattivo di turno pronto a mettere le mani sulla pericolosa arma e a scatenare la piaga contro il nemico giurato, ma in realtà non c'è nulla da temere.

Il laptop Samsung NC10, oggi noto come The Persistence of Chaos, è stato ufficialmente venduto per ben 1.345 milioni di dollari. È stato commissionato dall'azienda di cyber-sicurezza Deep Instinct e creato dall'artista cinese Guo O Dong, che ha voluto così dare una forma fisica alle minacce astratte della rete.

Questi software sembrano così astratti, quasi finti con i loro nomi divertenti e inquietanti allo stesso tempo, ma credo possano dimostrare che il web e la vita reale non sono spazi diversi. Il malware è uno dei modi più tangibili con cui Internet può saltare fuori dal monitor e morderti.

Il Samsung NC10 è sapientemente condito con i virus più famosi al mondo: WannaCry, BlackEnergy, ILOVEYOU, MyDoom, SoBig e DarkTequila. Per farvi un'idea della loro pericolosità, WannaCry ha infettato oltre 200mila computer in oltre 150 paesi e causato oltre 4 miliardi di dollari di danni; BlackEnergy è riuscito addirittura a spegnere una rete elettrica in Ucraina, tra le altre cose.

Questo che sembra essere un moderno vaso di Pandora è però da considerare un'opera d'arte, che potrebbe anche essere utilizzata per scopi accademici. Il laptop è ovviamente innocuo, è stato infatti isolato dalle reti non protette (come quella pubblica) utilizzando la tecnica Air-gap, che previene incursioni esterne ma anche fuoriuscite non autorizzate e incontrollate. Inoltre, per scongiurare ogni pericolo, Deep Instinct e Guo hanno disabilitato tutte le porte del laptop "infestato".

Come giudicate l'idea di questo "bestiario" realizzato da Guo? Credete sia un azzardo riunire sei pericolosi virus in un unico dispositivo?

Fonte Engadget

Condividi

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.