FoxAnimation  

Quando I Simpson crearono inconsapevolmente un meme a tema Harry Potter

di - | aggiornato

I Simpson, si sa, sono sempre stati terreno fertile per i memer: oggi vi raccontiamo di quella volta in cui una rana principe divenne virale su internet!

12 condivisioni 0 commenti

Condividi

Avete idea di quanti meme sui Simpson siano nati dall'avvento di internet ad oggi? Potremmo star lì ad elencarvi tanti, tantissimi momenti diventati cult al punto tale da essere postati praticamente ovunque: dalla spiegazione del rapporto tra Willie e gli scozzesi - o con la Gran Bretagna in generale - a Ralph unicorno, fino ad arrivare al must dei must con Homer che scompare nella siepe. Quest'ultimo, tra l'altro è stato addirittura utilizzato in una puntata della 30esima stagione!

Oggi, però, vogliamo parlarvi di un meme più underground, ma utilissimo in situazioni di sdegno notevoli. Per risalire alle sue origini, però, bisogna tornare indietro all'anno del Signore 2001, data in cui venne mandato in onda il mini-episodio Maghi Maghetti de La Paura fa Novanta XII.

La trama di Maghi Maghetti e la rana principe

La storia narrata in questo terzo mini-episodio de La Paura fa Novanta XII, prima d'apertura della 13esima stagione, è chiaramente ispirata alla saga letterale e cinematografica di Harry Potter, al tempo in cui il primo capitolo della serie stava per sbarcare nei cinema di USA e Regno Unito.

Nella scuola per piccoli maghi di Springwart, Lisa, Bart e compagni sono chiamati dalla signora Edna Caprapall a trasformare una rana in principe. Comincia maluccio Milhouse, che trasforma l'animale in uomo abbastanza in carne e palesemente ubriaco. Va bene, benissimo invece a Lisa, che muta la propria rana in un lord inglese a cui la compianta Edna garantisce un incontro privato nel proprio ufficio - tra lo sdegno del neo-principe -. E Bart? Lui, che ovviamente non aveva studiato, trasforma la sua rana in un qualcosa di... non sappiamo neanche come definirlo. Una sorta di feto umano deforme rivestito di pelle di rana, che altro non fa se non chiedere la morte e vomitare ovunque. La sua memorabile frase d'esordio, che tra l'altro sarà quella che le regalerà la gloria eterna sul web, è chiara e concisa.

Uccidimi, ti prego!

Seguirà, dopo un confronto molto acceso con Lisa e il suo principe - e annessi conati di vomito - anche un altro straziante appello.

Ogni secondo che vivo è un'agonia.

Simpson: Maghi Maghetti

Secondo voi, poteva una roba del genere non diventare un meme? Ovviamente no! L'avvento dell'era social e della comicità internettiana, poi, ha fatto il resto, relegando e regalando a questa rana la gloria eterna.

Il resto dell'episodio

Il mini-episodio, ovviamente, non si limita però soltanto alla trasformazione di rane in principi più o meno dubbi: negli angoli più scuri, infatti, Lord Montymort - davvero, vi ricorda qualcosa? - sta tramando alle spalle di Lisa assieme al suo pitone Strisciter. I due, impersonati da un'accoppiata Burns e Smithers in stato di grazia, tentano di plagiare Bart per farsi aiutare nell'impresa che dovrebbe portare al furto dell'essenza vitale di Lisa.

Vota anche tu!

E voi, quante volte avevate già visto Maghi Maghetti, tratto da La Paura fa Novanta XII?

Leggi di più tra 5

Annulla redirect

Tentano, appunto, perché il piano si rivelerà un fallimento clamoroso: Bart, infatti, salverà la sorella al fotofinish uccidendo Montymort. Come? Trafiggendolo nella tibia, il suo stinco incantato. Il mini-episodio si conclude poi con Smith... cioè, Strisciter che divora il corpo senza vita dello stregone, chiudendo così anche lo special. E voi, ricordavate questo fantastico episodio?

Condividi

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.