FOX

[Spoiler!]

Game of Thrones 8x06: dove vola Drogon alla fine dell'episodio?

di - | aggiornato

Dove è volato Drogon alla fine di Game of Thrones? L'enorme drago prediletto di Daenerys conferma il legame profondo con sua "madre" e lascia dietro di sé molti interrogativi.

Drogon sputa fiamme HBO

48 condivisioni 4 commenti

Condividi

L'ultimo episodio di Game of Thrones è arrivato e ha (ri)annodato molti fili. Ma altrettanti (se non di più) ne ha lasciati liberi. La serie HBO si è conclusa con un finale aperto e una delle questioni rimaste in sospeso è il destino di Drogon.

Attenzione! Possibili spoiler!

Dopo avere raccolto delicatamente il corpo di Daenerys con i suoi enormi artigli, il drago è volato via. Ma dove è andato?

Quando il nuovo re Bran raggiunge il rifondato Concilio Ristretto (formato da Brienne, Bronn, Ser Davos, Sam e Tyrion) chiede notizie del figlio prediletto della Khaleesi e il giovane Tarly risponde riportando informazioni che gli sono giunte:

È stato visto in volo diretto a Est.

Come osserva Esquire, è molto probabile che Drogon sia diretto a Essos. Per la precisione, a Valyria (o almeno, a quello che ne resta). La capitale dell'impero chiamato Fortezza di Valyria era la sede ancestrale delle 40 famiglie che si fregiavano del titolo di Signori dei Draghi, tra cui i Targaryen.

Drogon ha sempre avuto un legame speciale con Daenerys, come hanno dimostrato anche le sue ultime azioni. Il drago ha "sentito" che a sua "madre" era capitato qualcosa ed è volato alla Fortezza Rossa, dove l'ha trovata morta tra le braccia di Jon.

Poi, anziché bruciare l'uomo che l'ha uccisa (perché percepisce in lui il sangue Targaryen? Perché ha capito il gesto di Jon/Aegon?), ha distrutto il Trono di Spade. Come se riconoscesse nello scranno di acciaio la vera causa della tragica fine di Daenerys.

Alla luce di tutto questo, non sembra improbabile pensare che il drago abbia deciso di riportare sua madre alla terra alla quale appartiene. In un'epica tragica e poetica, Daenerys diventerebbe in tutto e per tutto parte di un remoto passato, le cui ultime vestigia sono un cumulo di rovine immerse in una natura primordiale e selvaggia e... Drogon.

Il figlio prediletto della Khaleesi è ancora vivo. Ultimo della sua specie o forse no. La sua lunga assenza durante la permanenza di Dany a Meereen e il suo avvistamento da parte di Tyrion e Ser Jorah sopra le rovine di Valyria ha alimentato diverse teorie, secondo cui Drogon potrebbe avere deposto delle uova oppure avere trovato altri suoi simili.

D'altra parte, potrebbe non avere ancora deposto delle uova e farlo adesso. Dopo che la guerra è finita e sua madre è morta.

In ogni caso, questo significa che la stirpe dei draghi non solo non è estinta, ma può anche riprodursi. E che lo voglia o no, Jon/Aegon è l'ultimo Signore dei Draghi e di fatto l'unico padrone delle più potenti creature conosciute nel mondo di Westeros ed Essos.

Ora, sembra poco credibile che il giovane Stark/Targaryen abbia interesse a esercitare in qualche modo questo diritto. Ma se un nuovo nemico arrivasse a minacciare la ritrovata pace dei Sei Regni e dell'indipendente Nord?

Naturalmente, sono solo speculazioni. Ma per certo, Bran è intenzionato a rintracciare Drogon (anche se non sa se ci riuscirà):

Forse riuscirò a trovarlo.

Se avrà successo, cosa accadrà? Userà i suoi poteri di metamorfo per rendere il drago un prezioso alleato? Oppure si limiterà a scoprire dov'è e lo lascerà al suo destino? Alla luce della natura di Corvo a Tre Occhi di Bran, quest'ultima ipotesi sembra la più probabile. A maggior ragione, se dovesse vedere non solo Drogon, ma altri della sua specie. 

Il tempo continua a scorrere e la storia a compiersi. E il giovane Stark sa di non potere fermare il primo e di non potere cambiare la seconda, ma di essere il custode di entrambi...

Condividi

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.