FOX

[Spoiler!]

Game of Thrones 8x05, dietro le quinte dello scontro più atteso

di - | aggiornato

Il Mastino e la Montagna: i fratelli Sandor e Gregor Clegane si affrontano nell'episodio 8x05 di Game of Thrones. Ecco tutti i retroscena di questa scena già diventata di culto.

Game of Thrones 8x05: I fratelli Clegane HBO

55 condivisioni 0 commenti

Condividi

Il dietro le quinte che mostra gli effetti speciali utilizzati per l'episodio 8x05 di Game of Thrones rende perfettamente l'idea: moltissime comparse, scene da brivido girate dagli stuntmen e tanta, tantissima computer graphic.

Il fuoco è stato senza dubbio l'elemento dominante di un episodio molto discusso (anche io ho detto la mia), che fa da preludio al finale di serie.

Dopo 8 stagioni, le avventure dei personaggi tratti dai romanzi di George R.R. Martin stanno per concludersi.

E, oltre alle impressionanti scene che hanno messo a ferro e fuoco Approdo del Re, c'è stato anche un altro scontro molto atteso.

Un altro scontro in cui il fuoco era l'elemento centrale.

Attenzione! Possibili spoiler!

Una lotta epica

Come mostra questo splendido video dietro le quinte - la parte sullo scontro fra i Clegane inizia intorno al minuto 22 - è stata necessaria una perfetta coordinazione fra i movimenti degli attori, durante il duello.

Un ampio uso di CGI si è aggiunto alle rovine della Fortezza Rossa che fanno da sfondo allo scontro e al grande lavoro di make-up che, per la prima volta dalla quarta stagione (come ci ricordano nel video), ci mostra la Montagna senza armatura.

Come possiamo vedere dalle immagini, durante le riprese per alcuni scontri fisici c’era una coordinazione che evitava il contatto fisico, ma in molte altre scene il povero Sandor viene sollevato da Gregor, sbattuto contro il muro, stretto alla gola… Per questo ogni momento è stato provato ripetutamente con gli addestratori, presenti anche durante le riprese per indicare le tempistiche alla perfezione.

Fisicamente impegnativo, lo scontro ha richiesto agli attori una grande resistenza.

I responsabili degli effetti speciali erano consapevoli che il pubblico avrebbe visto per la prima volta l’aspetto di Ser Gregor dopo la trasformazione subita per mano del Maestro: un novello Frankenstein che non si ferma di fronte a nulla.

Mostrandoci il grande lavoro effettuato al computer per rendere più realistica l’ambientazione e inserire fuoco e fumo, lo speciale ci fa anche assistere al momento in cui gli stunt si lanciano - nella scena conclusiva dello scontro - per precipitare insieme dalla Fortezza.

Cadendo su alcuni blocchi di materiale pensato per assorbire gli urti, offrono in seguito l’occasione di aggiungere l’elemento fondamentale: il fuoco. Affinché tutto finisca là, dov’era iniziato…

View this post on Instagram

Love you 🧟‍♂️😅 @kelc33

A post shared by Hafþór Júlíus Björnsson (@thorbjornsson) on

Il Mastino e la Montagna

Dopo molto, moltissimo tempo, i due fratelli Clegane sono alla resa dei conti.

Sappiamo dalla viva voce del Mastino, Sandor Clegane, cosa c'è realmente dietro il segno delle ustioni sul suo volto.

Quand'era solo un bambino, suo fratello Gregor gli mise il viso su un braciere, per una stupidissima lite fra fratelli.

Venne fermato da alcuni uomini. Se non fossero intervenuti, probabilmente Gregor avrebbe continuato fino alla morte del fratellino.

Da quel momento Sandor Clegane affronta tutto, tranne il fuoco: non teme niente e nessuno, fuorché le fiamme.

Non a caso, sono le fiamme che sceglierà di affrontare nel confronto finale con Gregor, trascinandolo all'inferno con sé dopo aver capito che non avrebbe mai potuto sconfiggerlo.

Game of Thrones 8x05: i fratelli CleganeHDHBO
Game of Thrones 8x05: la resa dei conti per i fratelli Clegane

CleganeBowl

Prontamente ribattezzato su Twitter #CleganeBowl, il duello all'ultimo sangue ha evidenziato alcuni elementi importanti.

Innanzitutto, ben consapevole di andare a morire, il Mastino ha salvato la vita ad Arya, spingendola a non seguirlo.

Un gesto che al tempo stesso perdona Arya, che l'aveva lasciato a morire, e mostra la tempra morale del personaggio, elevandola al di sopra di quella dell'avversario che sta per affrontare.

Un espediente classico in sceneggiatura, che funziona proprio perché il percorso del Mastino gli ha insegnato concetti che durante la sua vita erano stati solo vaghi: giustizia, clemenza, dignità...

La lotta, però, non è ad armi pari: in seguito ai mostruosi esperimenti del Maestro, Ser Gregor è diventato una sorta di morto vivente. Un mostro invincibile e indistruttibile.

Nonostante i ripetuti colpi inferti da Sandor - mortali per qualsiasi uomo comune - Gregor non cede.

Game of Thrones: il MastinoHDHBO
Game of Thrones: il Mastino va incontro al suo destino

Ecco quindi che lo scontro finale fra i due fratelli diventa il simbolo stesso di ciò che ha caratterizzato l'intera storia del trono di spade: la lotta disperata degli uomini contro creature soprannaturali, mostri e morti viventi.

In pratica, lo scontro dell'uomo con le sue più antiche paure.

Quando il Mastino si avvia verso il proprio destino, sa già che non ne uscirà vivo. Ma è anche determinato a portare suo fratello con sé.

Nell'episodio che precede il finale, quello in cui l'ingiustizia - scatenata dalla decisione di Daenerys - regna sovrana, il nostro Cleganebowl riporta equilibro nella Forza.

Non a caso, tutti hanno notato l'incredibile somiglianza del look della Montagna - quando finalmente lo vediamo senza elmo - con Darth Vader in Star Wars. 

Nel momento, anche per lui immediatamente precedente alla fine, in cui è senza casco.

L'unica fine possibile

Il Mastino - cresciuto nella violenza e nella morte: come sappiamo ha iniziato a uccidere quando era solo un bambino - è stato uno dei personaggi più interessanti dal punto di vista evolutivo.

Grazie proprio alla sua vicinanza ad Arya, ragazzina che in qualche modo forse gli ricordava se stesso e gli offriva la possibilità di vedere un destino diverso almeno in lei, ha imparato il significato della compassione, della pietà e del sacrificio.

Quando lo conosciamo, Sandor Clegane è un uomo che pensa esclusivamente a sé, pronto a tutto pur di trarre dei vantaggi personali e talmente abituato a uccidere o usare la violenza che nemmeno si pone il problema.

Inizia a capire che ci sono vie alternative proprio quando una ragazzina gliele mostra.

Game of Thrones, Arya con il MastinoHDHBO
Game of Thrones: Arya e il Mastino

Ed è allora che, con tutto il suo dolore passato e la sua intelligenza - perché la Montagna sarà più forte, ma certamente il Mastino è più sveglio - che inizia il proprio cammino.

Un cammino che non poteva che portarlo là, dove tutto era iniziato: di fronte al fratello. Un mostro, che aveva fatto anche di lui un mostro.

Il riscatto in punto di morte, gli sceneggiatori lo sanno bene, funziona sempre. 

E con Sandro Clegane ci ha regalato un finale grandioso. L'unico possibile, per un personaggio che ci ha dimostrato come perfino i più irrecuperabili, alla fine, possano essere recuperati...

Condividi

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.