FOX

Starlink, previsto per oggi il lancio dei primi satelliti di Elon Musk

di -

Elon Musk ha annunciato nelle ultime ore il lancio dei primi satelliti di Starlink, progetto nato con l'intento di creare una mega costellazione di satelliti, in modo da fornire copertura internet a ogni angolo della Terra.

Uno dei satelliti di SpaceX in orbita AP/REX/SHUTTERSTOCK

21 condivisioni 0 commenti

Condividi

Elon Musk aveva annunciato, qualche tempo fa, il lancio di Starlink, progetto di cui il CEO di Space Exploration Technologies Corporation e Neuralink vuole servirsi per portare internet in qualsiasi angolo della Terra, inviando il segnale dallo spazio.

Un’impresa a dir poco colossale, che avrà ufficialmente inizio tramite il lancio di 60 satelliti caricati su di un razzo Falcon 9, che spiccherà il volo da Cape Canaveral il prossimo 15 maggio, cioè oggi.

L’esiguo numero di satelliti che verranno proiettati nello spazio domani rappresenta soltanto una minuscola parte dell’ambizioso progetto di Musk.

Starlink nasce infatti con l’intento di diventare una mega costellazione di satelliti (12mila in tutto), che verrà stanziata nella porzione più bassa dell’orbita terrestre.

Il via libera alle operazioni è già stato dato dalla Commissione federale per le comunicazioni (FCC), permettendo così a SpaceX il lancio di due gruppi satellitari targati Starlink: prima un “modesto” gruppo di 4.409 satelliti, seguito poi da una vera e propria legione satellitare di 7.518 satelliti, che trasmetterà il segnale a un’altitudine inferiore rispetto al primo gruppo.

Elon Musk in posa per una fotoART STREIBER
Il grande Elon Musk è sempre proiettato verso il futuro

C’è però una limitazione imposta dalla FCC, ovvero che i lanci di tutti e 12mila satelliti devono essere ultimati entro i prossimi 6 anni. Finora l’azienda aerospaziale di Musk ha inviato in orbita solo due satelliti di prova chiamati TinTin A e TinTin B. I 60 satelliti che verranno lanciati oggi presentano caratteristiche differenti da quelli di prova, però sono comunque ancora prototipi da perfezionare.

Gwynne Shotwell di SpaceX ha infatti spiegato infatti che si tratta di “satelliti dimostrativi”, necessari a effettuare dei test per capire qual sia la strada migliore per riuscire a posizionare in orbita con successo l’intera mega costellazione di satelliti.

Elon precisa infine che ci vorranno almeno altri 6 lanci per ottenere una copertura internet basilare, ma per una maggiore diffusione di rete saranno necessari addirittura 12 lanci da 60 satelliti l’uno.

Musk inoltre si dice però inaspettatamente pessimista circa la riuscita della prima missione del progetto Starlink, affermando che “molto probabilmente, andrà male”.

E voi che ne pensate? Fate il tifo per l'ennesimo ambizioso progetto di Elon Musk?

Condividi

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.