FOX

Quel giorno d'estate: il ritratto della generazione Bataclan

di - | aggiornato

Il regista Mikhaël Hers racconta la strage del 13 novembre 2015 a Parigi, attraverso la storia di David e della sua paternità accidentale.

1 condivisione 0 commenti

Condividi

Cosa rappresenta un attentato terroristico per i luoghi e le persone che lo subiscono? Quali sono le conseguenze sociali e personali che questo tipo di attacco costituisce?

È quello che ci si chiede guardando Quel giorno d’estate il film scritto e diretto da Mikhaël Hers che attraverso la storia di David, un giovane che si ritrova a occuparsi della sua nipotina Amanda dopo la morte della sorella in un attentato, racconta della strage avvenuta il 13 novembre 2015 a Parigi e di quella che è stata ribatezzata la “generazione Bataclan”.

Il film, interpretato dalla promessa del cinema francese Vincent LacosteStacy Martin (Nymphomaniac) e, per la prima volta sul grande schermo, la giovanissima Isaure Multrier, è stato presentato alla scorsa Mostra Internazionale del Cinema di Venezia nella sezione Orizzonti e arriverà al cinema dal 30 maggio.

La trama del film

David (Vincent Lacoste) è un ragazzo che vive a Parigi mantenendosi con dei lavoretti occasionali. La sua famiglia è composta dalla sorella Sandrine (Ophelia Kolb) e dalla nipotina Amanda (Isaure Multrier), una bambina di sette anni cresciuta senza un padre.

Durante l’estate il ragazzo incontra Lena (Stacy Martin), appena trasferitasi a Parigi, e tra i due nasce presto un amore. Quando tutto sembra andare per il meglio le loro vite vengono sconvolte da un attacco terroristico nel cuore di Parigi, nel quale Sandrine perde la vita.

Tocca a David prendersi cura della nipote e trovare, insieme a Lena, una nuova serenità per ricominciare, insieme, a vivere.

Quel giorno d’estate è un film che spinge a una riflessione sul terrorismo e le sue disastrose e dolorose conseguenze, ma dà spazio anche ad altre questioni essenziali come il senso di perdita, le relazioni, la famiglia, ed è inoltre una preziosa occasione per parlare della paternità (in questo caso accidentale).

Lodato dalla critica internazionale, che lo ha definito radioso, pieno di speranza, delicato e commovente, Quel giorno d’estate è una storia da conoscere e da consigliare.

Condividi

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.