FOX  

Roba da Nerd con The Big Bang Theory: cosa c'è che non va in Ritorno al Futuro?

di - | aggiornato

The Big Bang Theory è la serie TV principe dei riferimenti all'universo della pop culture. È tutto connesso e abilmente mescolato dagli sceneggiatori che lavorano agli episodi. Questa rubrica esalta questi aspetti e li pone alla vostra attenzione.

43 condivisioni 0 commenti

Condividi

Dopo essere entrati nella doccia con Penny, aver salvato la relazione di Amy e Sheldon e aver spiegato a quest'ultimo che I Predatori dell'Arca Perduta può ancora essere il suo film preferito, proviamo a capire cosa non quadra ai ragazzi di TBBT con Ritorno al Futuro - Parte II.

Nel quinto episodio dell'ottava stagione della serie TV The Big Bang Theory, i ragazzi guardano insieme Ritorno al Futuro - Parte II. A un certo punto, Howard mette in pausa il film perché non capisce i cambiamenti che avvengono nella linea temporale.

Ritorno al Futuro - Parte II è un film cult, diretto da Robert Zemeckis e, come suggerisce il titolo, è il sequel di Ritorno al Futuro del 1985. I protagonisti del film sono il ragazzo Marty McFly (interpretato da Michael J. Fox) e lo scienziato Emmett Brown detto Doc (Christopher Lloyd), i due viaggiano nel tempo per risolvere alcuni problemi di Marty, che potrebbero influenzare il presente e il futuro della sua famiglia. In particolare, in Ritorno al Futuro - Parte II i due protagonisti devono risolvere il furto dell'Almanacco Sportivo (che rivela i risultati sportivi fino al 2000) da parte del cattivo Biff Tannen, che lo usa per piazzare le giuste scommesse e vincere, fino a costruire un impero e dominare la città in cui i protagonisti vivono, ovvero Hill Valley.

I ragazzi di The Big Bang Theory che stanno vedendo il film, vengono interrotti dalla spiegazione di Howard sui viaggi nel tempo. Se Biff Tannen consegna l'Almanacco Sportivo al suo Io più giovane, come può tornare al futuro dove Marty McFly ed Emmett "Doc" Brown sono già presenti? Dovrebbe tornare al futuro alternativo che è stato influenzato dai cambiamenti che il suo sé più giovane ha creato.

Il discorso di Howard viene corretto (giustamente) da quello di Leonard, che fa notare che Biff non ha piazzato la prima scommessa nel 1955 ma solo quando compie 21 anni, ovvero 3 anni dopo. Ciò permette al vecchio Biff di tornare in un futuro non ancora alterato.

Infine, interviene Sheldon, per spiegare che il Biff del 2015 non avrebbe potuto portare l'almanacco al Biff del 1955, sostenendo che la nuova linea temporale in cui vivono Marty e Doc nel 1985 non è quella in cui vanno a prendere l'Almanacco Sportivo, poiché probabilmente gli eventuali problemi dei figli di Marty nel 2015 (periodo nel quale Marty compra nel negozio l'Almanacco Sportivo) non esisterebbero in quella linea temporale. La sua considerazione, probabilmente, parte dal fatto che Marty e Jennifer non si sarebbero sposati nel futuro ma questo non viene detto nel film. Inoltre, quello che Sheldon non mette in conto è che i personaggi del film (lo suggerisce il titolo ma lo dice anche Doc a Marty con la frase "È tutto nel passato") vanno indietro nel futuro, ovvero tutte le azioni che si compiono nel proprio futuro si considerano futuro, anche se svolte nel proprio passato e non sono in grado di alterare le linee temporali già consolidate ma sono solo in grado di crearne altre.

Di certo, è una situazione intricata che può essere discussa ulteriormente e, probabilmente, ognuno ha la propria idea in merito.

Condividi

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.