FoxCrime

Cannes 2019: C'era una volta a... Hollywood entra ufficialmente in competizione

di - | aggiornato

Il concorso del Festival di Cannes 2019 si arricchisce di due titoli molto attesi. Il primo è C'era una volta a... Hollywood, l'ultima fatica di Quentin Tarantino. L'altro è Mektoub, My Love: Intermezzo di Abdellatif Kechiche.

25 condivisioni 0 commenti

Condividi

Ci hanno tenuto in sospeso fino all'ultimo, ci avevano detto che non era pronto per l'annuncio del programma e poi girava voce che il film sarebbe comunque passato. Adesso è stato finalmente annunciato: C'era una volta a... Hollywood di Quentin Tarantino è ufficialmente in concorso a Cannes 2019!

L'eccitazione dei fan del regista di Knoxville è ovviamente alle stelle. Il suo nuovo lavoro ha fatto parlare di sé già dalle primissime notizie che giravano intorno alla trama, che sarà ambientata nella Los Angeles nel 1969 sullo sfondo dei brutali omicidi compiuti dalla Manson Family.

Come si legge sul sito ufficiale del festival, il direttore artistico Thierry Frémaux ha inoltre motivato il ritardo dovuto all'annuncio del lungometraggio:

Temevamo che il film non sarebbe stato pronto, in quanto non sarebbe stato rilasciato fino alla fine di luglio, ma Quentin Tarantino, che non ha mai lasciato la sala di montaggio in questi quattro mesi, è un vero, leale e puntuale figlio di Cannes! Come già con Bastardi senza gloria, ci sarà sicuramente, a 25 anni di distanza dalla Palma d'oro per Pulp Fiction, con un film pronto e proiettato in 35mm e il suo cast al seguito.

C'era una volta a... Hollywood porterà infatti una sfilza di star sul red carpet. Il film vanta tra i suoi interpreti Leonardo DiCaprio, Brad Pitt, Margot Robbie, Dakota Fanning, Al Pacino, Emile Hirsch e il recentemente scomparso Luke Perry.

C'era una volta a... Hollywood uscirà in Italia il 19 settembre 2019 con Warner Bros. Per vederlo dovremo quindi aspettare al prossimo autunno. Tuttavia, Frémaux (che chiaramente ha già avuto modo di visionarlo), ha già descritto con parole di entusiasmo l'ultima fatica del regista statunitense:

Il film è una lettera d'amore alla Hollywood della sua infanzia, un tour di musica rock del 1969 e un'ode al cinema nel suo insieme.

La trama di C'era una volta a... Hollywood racconta la scalata sociale tentata da Rick Dalton, attore in declino, e la sua controfigura Cliff Booth. I due uomini si confrontano quotidianamente con un'industria del cinema diversa rispetto a quando hanno mosso i primi passi e in cui cercano faticosamente il reinserimento. Rick ha però un asso nella manica: la sua vicina di casa è infatti Sharon Tate, astro nascente del cinema hollywoodiano e moglie del regista Roman Polanski.

Cannes 2019: anche Kechiche entra in concorso

Con C'era una volta a... Hollywood Frémaux ha inoltre annunciato la presenza di un altro titolo a lungo atteso. Si tratta di Mektoub, My Love: Intermezzo, sequel di Mektoub, My Love: Canto Uno, presentato alla Mostra del Cinema di Venezia nel 2017.

Il film è diretto da Abdellatif Kechiche, regista tunisino naturalizzato francese anch'egli già vincitore di una Palma d'oro, quella per La vita di Adele (2013).

Dopo l'anteprima veneziana del primo capitolo, incentrato sull'estate di un gruppo di giovani francesi alle prese con i cambiamenti dell'adolescenza, era chiaro che il finale che avevamo visto sarebbe continuato con un sequel. 

Per tutto questo tempo Kechiche è stato infatti impegnato con il montaggio di Mektoub, My Love: Intermezzo, di cui per un po' sembravano essersi perse le tracce.

Il lavoro di post-produzione sembra però ormai prossimo alla fine e Fremaux ha dichiarato che il secondo capitolo verrà proiettato negli ultimi giorni del festival per consentire al regista di ultimarlo in tempo:

Ho visto il film giovedì scorso, poiché era ancora in fase di montaggio e sicuramente ci saranno delle modifiche. Ma dovrebbe essere pronto e il regista ha detto che sarà lungo quattro ore. Verrà proiettato alla fine del festival.

Nel cast ritroveremo ovviamente i protagonisti già incontrati nel capitolo precedente: Shain Boumedine, Ophélie Bau (nel ruolo che le è valsa la nomination ai César come migliore promessa femminile) e Salim Kechiouche.

Il poster ufficiale di Cannes 2019 con Agnès Varda mentre gira La pointe courteCannes 2019

Altri nuovi titoli presenti nelle altre sezioni

Oltre ai film summenzionati, Frémaux ha annunciato inoltre la presenza di altri lavori inclusi in Un certain regard, proiezioni speciali e proiezioni di mezzanotte. Tra questi spicca Lux Æterna di Gaspar Noé, che proprio la scorsa edizione vinceva il Premio Art Cinéma con il suo controverso Climax, presentato nella Quinzaine des Réalisateurs:

Di seguito riportiamo l'elenco dei titoli con relativo autore e sezione:

  • Chicuarotes - Gael García Bernal (Proiezioni speciali)
  • 58 - Dan Krauss (Proiezioni speciali)
  • Ice on Fire - Leila Conners (Proiezioni speciali)
  • La cordillera de los sueños - Patricio Guzmán (Proiezioni speciali)
  • La famosa invasione degli orsi in Sicilia - Lorenzo Mattiotti (Un certain regard)
  • Lux Æterna - Gaspar Noé (Proiezioni di mezzanotte)
  • Odnazhdy v Trubchevske - Larissa Sadilova (Un certain regard)

La 72esima edizione del festival avrà luogo nell'omonima località francese dal 14 al 15 maggio. Come titolo d'apertura verrà proiettato The Dead Don't Die di Jim Jarmusch, che tornerà sulla Croisette a tre anni di distanza da Paterson. Les jeux sont faits!

Condividi

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.