FOX

Deadwood: il trailer ufficiale del film scandito da colpi di pistola

di - | aggiornato

Intrighi, vendette, minacce: è meglio che indossiate il vostro miglior cinturone per affrontare il selvaggio West!

11 condivisioni 0 commenti

Condividi

Dopo un teaser trailer molto intrigante, finalmente è possibile vedere di più nel trailer ufficiale del film Deadwood (guardatelo in apertura di questo articolo), pubblicato da HBO.

Nonostante gli elogi della critica, la serie Deadwood è stata cancellata dopo solo tre stagioni, secondo rumor per motivi di budget. Dopo la cancellazione, il creatore David Milch ha preso in considerazione la possibilità di fare un film per dare un vero finale alla sua serie. Ma, dalla chiu3sura dello show del 2006, il film non si è mai materializzato e con il passare degli anni sembrava improbabile che se ne facesse uno. Nel 2018, invece, qualcosa si è mosso e HBO si è convinta che fosse la cosa giusta da fare e le riprese si sono svolte alla fine dell'anno scorso. Adesso il film è reale e i fan americani lo vedranno il 31 maggio in prima serata su HBO.

La sinossi ufficiale del film recita:

Si riaccendono le antiche rivalità, si mettono alla prova le alleanze e si riaprono le vecchie ferite, tutti devono districarsi tra gli inevitabili cambiamenti che la modernità e il tempo hanno apportato.

Deadwood The Movie (questo il titolo ufficiale) è ambientato 10 anni dopo la fine della serie per festeggiare la nascita dello stato del Sud Dakota (storicamente datato 2 novembre 1889).

I fan saranno contenti nel sapere che quasi tutto il cast della serie è tornato per lavorare al film, su tutti i protagonisti Ian McShane, nei panni di Al Swearengen, e Timothy Olyphant, nelle vesti di Seth Bullock. Inoltre è noto che il film introdurrà un nuovo personaggio interpretato dall'attrice Jade Pettyjohn.

In conclusione, dal trailer sembra che il tono della serie sia stato mantenuto in toto, compreso il linguaggio colorito di alcuni suoi personaggi. I temi legati al selvaggio West si riducono in favore dell'inevitabile complessità politica, portata dalla nascita di uno stato. La canzone, per chi se lo stesse chiedendo, è Sleeping on the blacktop eseguita da Colter Wall.

Condividi

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.