FoxCrime

Pet Sematary: il trailer finale (e il parere di Stephen King sul remake)

di - | aggiornato

Paramount Pictures ha diffuso il trailer finale di Pet Sematary, adattamento cinematografico del noto romanzo di Stephen King. Ecco il filmato e le dichiarazioni dello scrittore in merito al nuovo film.

29 condivisioni 1 commento

Condividi

In apertura dell'articolo potete gustarvi il trailer finale di Pet Sematary, atteso remake del film Cimitero Vivente del 1989, a sua primo adattamento cinematografico del noto romanzo di Stephen King dal titolo, appunto, Pet Sematary.

La pellicola è stata vista in anteprima assoluta proprio daStephen King che, come spesso accade, non ha mai avuto troppe remore nel dire la sua in merito agli adattamenti televisivi o cinematografici dei suoi lavori. Ebbene, come ci informa CinemaBlend, pare che il Re dell'horror sia rimasto davvero soddisfatto del film ispirato ad uno dei suoi romanzi più celebri:

È dannatamente fantastico! È davvero un bel film. È un film adulto, maturo. Non è la storia di ragazzini di 12 anni uccisi ad un campo estivo. In questo particolare lasso di tempo, sapete, ci sono stati diversi film che hanno avuto successo. Film dell'orrore come Scappa - Get Out di Jordan Peele dell'anno scorso. E poi penso che anche noi avremo avremo un grande impatto quando arriverà al cinema. Sarà qualcosa di enorme. Sono dei tipi di storie per adulti.

Stephen King ha anche ribadito di essere d'accordo con alcuni dei cambiamenti che Pet Sematary opera rispetto al suo romanzo. Non spoileriamo nulla (visto che si vede anche nel trailer) dicendo che in quest'adattamento (al contrario di quanto accade nel libro e nel film dell'89) a morire e poi "resuscitare" è la figlia del dottor Creed, Ellie, e non il maschietto più piccolo, Gage:

È qualcosa di diverso. Hanno fatto un buon lavoro. Devo ammettere di aver letto online i post delle persone che si sono lamentate dei cambiamenti visti nei trailer, quando si sono resi conti che a morire sarebbe stata Ellie e non Gage. Ricordo di aver pensato: 'Cavolo, queste persone...' È tutto un po' esagerato, andiamo!

Lo scrittore ha poi aggiunto:

Per arrivare a Tampa puoi prendere la Route 301 o la Route 17. Viaggiando su entrambe le strade, indovinate un po', arriverete a Tampa! Capite cosa voglio dire? Per me, che muoia uno o l'altra, non comporta nessun cambiamento. Quando l'ho visto ho pensato, 'Ok, capisco perché l'hanno fatto, perché è più facile rendere zombie una bambina di undici anni che un bambino di tre'.

Pet Sematary (2019)

Data uscita in Italia: 09 maggio 2019 voto 6
  • Titolo originale: Pet Sematary

  • Genere: Horror, Thriller

  • Nazione: Stati Uniti d'America

  • Regista: Kevin Kölsch, Dennis Widmyer

  • Durata: 101 min

  • Cast: Jason Clarke, John Lithgow, Amy Seimetz, Jeté Laurence, Hugo Lavoie, Lucas Lavoie, Maria Herrera, Obssa Ahmed, Alyssa Brooke Levine, Sonia Maria Chirila, ...

Ponendo importanti quesiti e riflessioni sui confini che è più o meno giusto e lecito superare, e su temi importanti come la vita e la morte, Pet Sematary vede come protagonista il dottor Louis Creed che, da Boston, si trasferisce insieme alla moglie Rachel (Amy Seimetz) e ai loro due figli in un piccolo e tranquillo paesino del Maine. Qui, Creed scopre l'esistenza di un misterioso cimitero degli animali nella foresta vicino alla sua nuova casa. Quando la morte di sua figlia sconvolgerà la sua famiglia, Louis stringerà amicizia con il suo vicino, Jud Crandall (John Lithgow), scatenando delle reazioni che potrebbero avere delle conseguenze fatali.

Pet Sematary arriverà nei cinema statunitensi il 4 aprile, mentre in Italia dovremo attendere il 9 maggio 2019 per gustarci finalmente la pellicola.

Condividi

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.