FOX

Poltergeist: i veri scheletri nella piscina e altre curiosità horror sul film del 1982

di -

Poltergeist è uno degli horror più leggendari degli anni '80 e noto anche come uno dei film più maledetti della storia di Hollywood. Ecco tutte le curiosità sulla pellicola.

Poltergeist: la famiglia in una scena del film Warner Bros.

370 condivisioni 0 commenti

Condividi

Era il 1982 quando arrivava nelle sale americane Poltergeist, la pellicola diretta da Tobe Hooper (scomparso nel 1997) e diventata un vero e proprio cult per tutti gli appassionati dell'horror soprannaturale. La sceneggiatura porta la firma di Steven Spielberg che figura anche tra i produttori.

In realtà sono in molti ad attribuire la "paternità" del film al regista premio Oscar visto l'importante apporto tecnico e creativo che Spielberg ha dato alla pellicola di Hooper. Poltergeist - Demoniache presenze è il primo capitolo di una trilogia composta da: Poltergeist II - L'altra dimensione (1986) e Poltergeist III - Ci risiamo (1988).

A causa dei numerosi eventi inspiegabili e tragici, alcuni dei quali avvenuti sul set, in tanti hanno iniziato a parlare della cosiddetta "Maledizione di Poltergeist". Per questo motivo il film è considerato uno dei più maledetti della storia di Hollywood.

Ma cerchiamo di scoprire tutte le curiosità riguardanti la pellicola di Tobe Hooper.

Poltergeist: gli scheletri veri presenti sul set

Una delle scene più memorabili e raccapriccianti di Poltergeist - Presenze demoniache è senza dubbio quella che vede protagonista l'attrice JoBeth Williams, che veste i panni di Diane Freeling. Nel film la donna viene trascinata nella piscina della sua casa da una forza soprannaturale chiamata la "Bestia".

Riesce a fuggire per salvare i suoi figli ma prima viene circondata dagli scheletri delle persone che, all'insaputa sua e della sua famiglia, erano ancora sepolti nel terreno sotto la loro casa. 

PoltergeistHDWarner Bros.

Forse non tutti sanno che la produzione per risparmiare sul budget decise di acquistare scheletri veri invece di quelli di plastica. A confermarlo fu la stessa JoBeth Williams in un'intervista del 2002 rilasciata a VH1 e riportata dal sito Snopes. Questo il racconto dell'attrice:

Dovevo entrare in questo enorme serbatoio di quello che pensavo fosse fango con questi scheletri - che, a proposito, pensavo fossero di plastica ma in seguito ho scoperto che erano veri scheletri. Fu un un vero incubo.

La Williams ha poi approfondito il discorso in un'altra intervista che venne trasmessa all'interno del programma TV Land: Myths & Legends andato in onda nel 2008:

La sequenza richiese circa quattro o cinque giorni per essere girata. Quindi sono rimasta nel fango per quattro, cinque giornate intere consecutive con degli scheletri tutt'intorno a me, urlando. Nella mia innocenza e ingenuità, pensavo che non fossero veri scheletri. Supponevo che fossero degli scheletri fatti di plastica o di gomma. Ho scoperto poi - assieme a tutta la troupe - che stavano usando scheletri veri, perché era troppo costoso avere scheletri finti di gomma.

L'aneddoto venne confermato anche dall'assistente alla regia Bruce Kasson che raccontò che gli scheletri arrivarono dalla Carolina Biological, una società che negli anni '80 vendeva scheletri umani soprattutto alle scuole di medicine. Tuttavia nella filmografia di Kasson riportata da IMDB non figura Poltergeist.

Alla fine del 1982 il makeup artist degli effetti speciali del film, Craig Reardon, venne chiamato a deporre come teste in una causa intrapresa dagli sceneggiatori Paul Clemens e Bennett Michael Yellin contro Steven Spielberg reo di aver "rubato" parti dello loro script.

La causa si risolse per vie extragiudiziali ma Reardon, sotto giuramento, dichiarò tra le altre cose che gli scheletri usati sul set erano reali:

Presi un certo numero di scheletri chirurgici biologici veri, di quelli che vengono appesi nelle aule. Quelli sono scheletri reali di persone vere. Penso che le ossa arrivassero dall'India. Ma in ogni caso ne prendemmo in tutto 13. E li truccammo in modo che non fossero scheletri candeggiati, puliti e imbullonati insieme, bensì che sembrassero cadaveri ormai decomposti. Ho aggiunto della gomma scolpita e altro makeup in modo da avere una sorta di aspetto spettrale e di non farli apparire come dei noiosi cadaveri di tipo clinico.

Sono in molti a pensare che sia stato proprio l'utilizzo di veri scheletri a dar vita alla famosa Maledizione di Poltergeist e a tutti gli eventi macabri e inspiegabili che sono accaduti poi sul set della pellicola.

La prematura scomparsa di Heather O'Rourke e altre curiosità sul film

Tra gli eventi tragici legati a Poltergeist c'è sicuramente la prematura scomparsa di Heather O'Rourke, la giovanissima attrice che nella pellicola interpreta Carol Anne, la bambina rapita da entità soprannaturali.

Erano quasi terminate le riprese di Poltergeist 3, quando la piccola Heather venne ricoverata d'urgenza in ospedale per un arresto cardiaco. Purtroppo morì il 1° febbraio 1988, quando aveva solo 13 anni, durante un intervento a causa di una sepsi. La giovane attrice aveva iniziato ad avere problemi di salute nel 1987 e successivamente le venne diagnosticato il Morbo di Crohn.

Heather O'Rourke HDWarner Bros.

La sua tragica morte contribuì ad avvalorare la tesi della maledizione di Poltergeist. Dopo la scomparsa delle piccola Heather O'Rourke, che aveva recitato anche in Happy Days, la produzione fu costretta a finire il terzo capitolo della trilogia usando una controfigura. 

Tuttavia la giovane attrice non fu l'unica del cast di Poltergeist a morire in circostanze tragiche. Se Will Sampson e Julian Beck, che nel film interpretavano rispettivamente lo stregone e il terribile Reverendo Kane, morirono per cause naturali, Lou Perry venne invece ucciso. L'attore è stato infatti aggredito da un ex galeotto con un'ascia mentre si trovava nella sua casa nel 2009.

La sorte più terribile fu quella che toccò a Dominique Dunne (nel film Dana Freeling) che venne strangolata dal suo ex fidanzato John Thomas Sweeney nel novembre del 1982, subito dopo aver terminato le riprese del primo capitolo della trilogia di Poltergeist. L'attrice era stata inoltre ingaggiata per prendere parte a V-Visitors, serie cult indimenticabile. 

Insomma sono davvero tanti gli aneddoti inspiegabili che fanno di Poltergeist, il film horror più maledetto della storia del cinema. Recentemente è stato anche realizzato un remake della pellicola diretto da Gil Kenan e uscito nelle sale nel 2015. 

Condividi

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.