FOX

Samsung ha le idee chiare: vuole realizzare il display perfetto per smartphone

di - | aggiornato

Samsung ha da poco presentato i nuovi smartphone della linea Galaxy S caratterizzati dal display Infinity-O. L'azienda però già guarda al futuro, e lavora al display perfetto.

Immagine promozionale del Samsung Galaxy S10+ Samsung

131 condivisioni 0 commenti

Condividi

Samsung ha da poco presentato i nuovi Galaxy S10e, S10 ed S10+, tre dispositivi che hanno conquistato gli esperti del settore perché esempi di ottimizzazione. Per la nuova generazione di smartphone il colosso tech ha adottato i display Infinity-O, ovvero pannelli con piccoli ma visibili fori, necessari per far spazio a sensori e fotocamere anteriori.

Nonostante l'ottimo lavoro svolto con gli ultimi della linea Galaxy S, Samsung sta già pensando al futuro, e precisamente a come realizzare il display perfetto. A confermarlo è il vice presidente del team ricerca e sviluppo dell'azienda sud-coreana, Yang Byung-duk:

Nonostante non sia possibile realizzare uno smartphone full-screen nei prossimi 1-2 anni, la tecnologia può essere migliorata fino a rendere invisibile il foro per la fotocamera anteriore, senza però influenzare in alcun modo il suo funzionamento.

Secondo Yang il display Infinity-O dei Galaxy S10 è una "pietra miliare" per l'azienda, ma è evidente che quest'ultima vuole spingere ancora di più sull'acceleratore, per trovare una soluzione per abbandonare fori nel display ed evitare meccanismi pop-up, come quello di Vivo V15 Pro.

La fotocamera pop-up di Vivo V15 ProVivo

Samsung ha grandi ambizioni, ma è da anni che non arriva prima sul mercato con sostanziose novità. Il sensore biometrico per le impronte digitali integrato nel display ha esordito ben prima dei Galaxy S10, mentre il primo smartphone con foro sul display è stato il View 20 di Honor (anche se Samsung è stata la prima a farlo su un display OLED).

Quando arriverà il primo smartphone di Samsung con il display perfetto? Ad oggi le notizie scarseggiano, l'unica certezza è che bisognerà attendere almeno due anni.

Condividi

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.