FOX

Microsoft guarda a un futuro del gaming senza confini: da xCloud a Wireless Display App

di - | aggiornato

Microsoft punta su un futuro del gaming in cui le barriere tra le diverse piattaforme sono sempre più sottili: dopo aver sostenuto il cross-network play, la casa di Redmond torna su Project xCloud e lancia Wireless Display per lo streaming di PC su Xbox.

17 condivisioni 0 commenti

Condividi

Quello a cui guarda Microsoft è sempre più un futuro dai confini aperti tra le diverse piattaforme: a suggerirlo sono le novità annunciate nelle scorse ore dal gigante di Redmond, che è tornato sull'argomento Project xCloud e ha anche sciolto le briglie all'applicazione Wireless Display, pensata per chi gioca su PC e possiede Xbox One.

I tempi dello streaming: Project xCloud

L'idea alla base di Project xCloud è estremamente ambiziosa: attraverso il cloud e lo streaming dei contenuti, Microsoft intende portare la libreria di videogiochi di Xbox su qualsiasi piattaforma possibile non importano le sue specifiche tecniche, né che sia uno smartphone o una smart TV.

Project xCloud in azione in un'immagine promozionaleHDMicrosoft
Project xCloud consentirà di giocare i titoli della libreria Xbox su qualsiasi dispositivo

Attraverso questa tecnologia, quindi, secondo Microsoft gli appassionati avranno maggiori possibilità di avvicinarsi all'universo dei videogiochi, poiché non sarebbero più costretti ad acquistare una piattaforma a essi dedicata.

In ogni caso, non parliamo di una tecnologia intenzionata a sostituire le console tradizionali. Come spiegato da Kareem Choudhry, responsabile per il settore cloud di Microsoft, si tratta invece di una tecnologia che deve affiancare il gaming tradizionale, in modo tale che il mercato offra più opzioni: come spiega Choudhry,

stiamo aggiungendo nuove vie che consentano di giocare ai titoli Xbox.

Anche Phil Spencer, responsabile della divisione Xbox, in precedenza aveva assicurato che lo streaming non sostituirà le console tradizionali: ci troviamo, piuttosto, davanti all'idea di un Netflix per videogiochi.

Pochi giorni fa, nel corso dell'evento Inside Xbox, Microsoft ha mostrato in anteprima come dovrebbe funzionare Project xCloud: passando attraverso i server, abbiamo visto il gioco di corse Forza Horizon 4 venire giocato su uno smartphone, con collegato attraverso Bluetooth un controller Xbox One.

Per il momento, Project xCloud è ancora in sviluppo, ma la compagnia madre di Xbox ha annunciato che lo vedremo debuttare entro il 2019.

Wireless Display: da PC a Xbox One

Dopo averci lavorato per diverso tempo, Microsoft ha anche dato pubblicazione alle novità per l'applicazione Wireless Display, che consente ai giocatori su PC di trasmettere in streaming i contenuti su Xbox One.

Grazie all'applicazione, è ad esempio possibile eseguire i giochi del proprio PC anche sul grosso televisore del salotto al quale avete collegato Xbox One, interagendo con essi direttamente attraverso il controller della console. Non sono supportate, almeno per ora, tastiera e mouse, quindi l'impresa potrebbe essere un po' ostica nel caso di giochi punta e clicca o strategici in genere.

È stato anche precisato che, per ottimizzare le performance, Wireless Display propone tra le sue opzioni diverse impostazioni per la latenza, in maniera che possiate trovare la soluzione a voi più congeniale e contare sul minimo ritardo tra input del segnale e risposta dell'immagine di gioco.

Il logo del marchio Xbox di MicrosoftHDMicrosoft
Fondata nel 2001, la divisione Xbox di Microsoft si concentra sul gaming e ha visto l'uscita delle console Xbox, Xbox 360 e Xbox One

L'applicazione consente lo streaming di giochi anche attraverso client, come ad esempio Steam, mentre contenuti come quelli di Netflix sono protetti e non possono essere proiettati da PC a Xbox One.

Appare chiaro, in definitiva, che il futuro del gaming per Microsoft passi sempre più per lo streaming e per l'immaterialità delle piattaforme: una forte integrazione tra PC e Xbox One, prima di tutto, può garantire una enorme base installata ai videogiochi supportati dalla casa di Redmond. Un potenziale che, sicuramente, Phil Spencer e la sua squadra non possono né vogliono farsi sfuggire.

Condividi

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.