FOX

Luke Perry: ricordiamo l'attore con le sue serie TV preferite

di - | aggiornato

Luke Perry era molto diverso da Dylan McKay, il personaggio di Beverly Hills 90210 che lo aveva reso celebre. Lo dimostra questo video, in cui parla delle sue serie TV preferite. E scherza su Game of Thrones...

196 condivisioni 0 commenti

Condividi

Io sono una di loro: una della generazione 90210. Una di quelle che il giovedì sera staccava il telefono e non rispondeva al citofono, perché andava in onda Beverly Hills 90210 e dovevo sapere cosa sarebbe successo fra Dylan e Brenda.

Per oltre un decennio ho usato la maglietta con l'effige di Dylan McKay per dormire. Quando Kelly tradì Brenda, mettendosi insieme al suo grande amore, mi sentii un po' tradita anche io.

Dylan McKay è stato il sogno proibito di tante ragazzine dell'epoca, inclusa me, nella prima serie TV della storia riuscita a diventare virale anche senza il web...

Icona di un'epoca

Luke Perry - tragicamente scomparso a soli 52 anni in seguito a un ictus - è stato l'icona di una generazione, di un'epoca, di una rivoluzione televisiva.

Affrontando le vite apparentemente perfette e privilegiate dei ragazzi ricchi di Beverly Hills, la serie di Darren Star fu la prima a introdurre in un teen drama - stabilendo i canoni del genere - argomenti difficili.

Alcol, droga, dipendenze, gravidanze indesiderate, paura dell'AIDS, suicidio giovanile, violenza domestica e molto altro: nella versione originale, alla fine degli episodi più significativi per ciascun argomento, uno dei protagonisti rivolgeva un appello al pubblico, indicando un numero utile per chiedere aiuto in caso di necessità.

Era la prima volta nella storia che la TV provava a parlare di argomenti così delicati e invitava i giovani a chiedere aiuto.

E Dylan McKay era uno dei personaggi scelti per farlo. Bello e impossibile, ricco ma trascurato, figlio di un uomo che si rivela essere peggio di quanto credessimo, Dylan cercava attenzione attraverso la ribellione.

Aveva finito per infilarsi in brutte situazioni, scegliendo le compagnie sbagliate, e il suo primo grande amore - Brenda Walsh (Shannen Doherty) - in qualche modo aveva provato a salvarlo.

Da figlio ribelle a padre 

Dal sex symbol che cerca di attirare l'attenzione di un padre assente con la ribellione, Luke Perry era passato al ruolo di padre.

Da Beverly Hills 90210 a Riverdale.

Padre anche nella vita, in questo breve e intenso video pubblicato da EW parla del suo amore per la TV.

Delle sue passioni da telespettatori, dei suoi sogni, del suo guilty pleasure segreto: Project Runway, nella versione originale USA. Un programma che amava proprio come padre, per il tempo che gli consentiva di dividere insieme alla figlia, appassionata fan del reality show dedicato alla moda.

Luke Perry era nato in Ohio nel 1966. Quand'era un ragazzino, in TV c'era una serie di culto destinata a diventare il primo titolo che gli veniva in mente quando parlava delle sue passioni: Starsky & Hutch.

Come molti di noi dopo di lui, era cresciuto a pane e serie TV.

Solo che noi guardavamo la serie in cui lui dava vita a quei sogni e quelle aspirazioni che parlavano un linguaggio universale, per tutti gli adolescenti del mondo.

Il trono di spade e i papà sexy

Non manca Game of Thrones fra le serie citate da Perry. Né il gioco di parole che trasforma Hodor nelle iniziali di Hot Dads of Riverdale (i papà sexy di Riverdale). Il senso dell'umorismo non era mai mancato a Luke Perry, decisamente più schivo e meno sfacciato del suo personaggio più famoso.

Avrebbe amato un crossover fra la sua serie, Riverdale, e Game of Thrones, ispirato proprio dall sua battuta sui papà sexy.

E gli sarebbe piaciuto anche un reboot di Land of the Lost, serie TV del 1974 che racconta la storia di una famiglia, i Marshall, catapultata indietro nel tempo, all'epoca dei dinosauri, che deve trovare il modo di sopravvivere.

Di fronte all'ultima domanda dell'intervista, quella su chi fosse il suo personaggio televisivo preferito in assoluto, Luke Perry non aveva saputo scegliere solo un nome. Ma il primo a venirgli in mente era stato quello di Al Swearengen, interpretato dal grande Ian McShane in Deadwood.

Un fuorilegge difficile da dimenticare, in una delle migliori serie western di tutti i tempi. Ma anche Sheldon Cooper di The Big Bang Theory, e tutti i personaggi compresi fra lui e Al. Come Barney Fife, l'indimenticabile personaggio di Don Knotts nel The Andy Griffith Show.

Luke Perry nel 2017HDGetty Images
Luke Perry nel 2017

Un grande vuoto

La grande, sterminata passione di Luke Perry per la TV - ma soprattutto per sua figlia e la sua famiglia - ci ricorda come l'attore abbia lasciato un grande vuoto.

I suoi cari, i suoi amici di una vita, i suoi colleghi: tutti rimpiangono quella presenza pacata ed educata, così in contrasto con il personaggio da gioventù bruciata che l'aveva reso una star e gli era valso il soprannome di "James Dean degli anni '90".

Luke Perry non c'è più. Entertainment Weekly ha voluto pubblicare questo video per rendergli omaggio. 

E noi non potevamo non proporvelo, per ricordare anche noi un uomo che ci ha lasciati troppo presto, e che ha fatto parte - in vari modi - della vita di molti di noi.

Ciao Luke. Ricorderemo te, il tuo lavoro e le tue passioni.

Condividi

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.