FOX

Bad Women: le villain più potenti dei fumetti DC e Marvel

di - | aggiornato

Intelligenti, affascinanti e terribilmente letali, sono le bad women dei fumetti! Spulciando tra Marvel e DC Comics abbiamo trovato una serie di villains tutte al femminile che sono entrate di prepotenza nell'immaginario collettivo.

160 condivisioni 1 commento

Condividi

Con l'arrivo sul grande schermo di Captain Marvel, e prima ancora di Wonder Woman, il mondo sembra essersi accorto di quanto potenti siano le eroine dei comics. Chi conosce bene il mondo cartaceo di Marvel e DC, sa benissimo però che oltre alla combattenti della giustizia il mondo dei comics è popolato da personaggi femminili altrettanto forti e caparbie: le bad women.

Intelligenti, ostinate, bellissime e totalmente devote al male, le villains dei fumetti hanno fatto sognare milioni di lettori (sia uomini che donne), che spesso hanno finito per preferirle anche alle good girls. Ma chi sono le più letali? Scopriamolo insieme!

Lady Deathstrike

Partiamo da una vecchia conoscenza degli X-Men (di Wolverine in particolare), Yuriko Oyama AKA Lady Deathstrike. Il personaggio per la prima nei fumetti Marvel nel 1993, creata dal duo Dennis O'Neil e Larry Hama. Yuriko è la figlia del criminale noto come Lord Ventonero, scienziato che elaborò il processo di fusione dell'adamantio sullo scheletro umano. Pilota kamikaze giapponese, Ventonero, scontò la vergogna del fallimento sfregiando il suo volto e quello dei suoi figli maschi, morti mentre lo servivano fedelmente. Yuriko, per vendicare i fratelli e salvare se stessa da una vita di sottomissione, si alleò con Daredevil contro il genitore, e dopo aver ucciso Lord Ventonero tentò di far scappare il suo amato Kiro. Il ragazzo, fedele al criminale, decise di suicidarsi piuttosto che passare una vita di disonore accanto a lei.

Yuriko OyamaHDMarvel

Affranta, la ragazza scopre ben presto che gli appunti sulla fusione dell'adamantio sono stati rubati e abbracciando gli ideali paterni parte alla ricerca della propria vendetta. Si scontra quindi con Wolverine, ritenuto colpevole del furto dato il suo scheletro completamente coperto del prezioso metallo. Sconfitta, Deathstrike raggiunge il Mojoverso (dimensione parallela dove regna l'orribile Mojo, il cui scopo è l'intrattenimento cruento), qui venne sottoposta alle manipolazioni di Spirale che le dona parti cibernetiche e fonde lo scheletro romasto proprio con il metallo. Da quel momento vendicarsi di Wolverine è stato un punto cardine della sua vita, che l'ha portata anche ad alleanze pericolose, tra cui: il Club Infernale, i Reavers e Sabretooth.

Harley Quinn

Quando si parla di bad-girls il nome di Harley Quinn è il primo che ci salta in mente. Personaggio creato da Paul Dini e Bruce Timm per la serie televisiva Batman, riuscendo però a sfondare anche nel mondo dei comics, conquistando una popolarità sempre maggiore, tanto che Jim Lee l'ha definita il quarto pilastro della DC Comics dopo Batman, Superman e Wonder Woman. 

Harleen Frances Quinzel HDDC Comics

Harleen Frances Quinzel era una psichiatra dell'Arkham Asylum, il manicomio di Gotham City. Desiderosa di scrivere un libro sul Joker, fece carte false per incontrarlo, quando riuscì ad organizzare un colloquio ne rimase completamente affascinata tanto da far diventare il criminale una vera e propria ossessione. Decisa a dichiararsi, Harleen, fa fuggire Joker dalla sua cella, ma quando lui l'abbandona lei capisce di essere stata solo sfruttata, nonostante ciò decide di abbracciare comunque il suo lato oscuro diventando una delle villain più famose (e amate) dell'universo DC. Nonostante l'abbandono, Joker e Harley, lavorano spesso insieme, non riuscendo a rimanere legati per più di troppo tempo. Negli ultimi anni il personaggio è tornato molto in voga grazie al film Suicide Squad, dove Harley Quinn viene interpretata dalle bellissima Margot Robbie

Hela

Creata da Stan Lee e Jack Kirby, Hela, ispirata all'omonima dea della mitologia norrena, è la regina dei regni di Hel e Niflheim, luoghi dove finiscono le anime di coloro non destinati al Valhalla, si potrebbe considerare una vera e propria Dea della Morte. Le sue origini sono avvolte dal mistero, nonostante esista da diversi millenni prima viene indicata come figlia di Loki (dio dell'inganno e fratello di Thor).

Hela, la dea della morteHDMarvel

La storia venne spiegata in diverse occasioni ma solo una versione fu successivamente accettata: Hela creò dal nulla un'ancella di nome Leah nel quale fuse una parte della sua anima. La giovane ancella diventò amica, compagna di giochi e primo amore di Loki (regredito in quel periodo a dodicenne), quando Hela venne ferita gravemente, Leah sacrificò se stessa per guarirla. Il giovane Loki provò a ricrearla usando la magia ma eliminando la sua coscienza e cedendo il controllo alla sua controparte malvagia, per non farla soffrire, Leah, venne spedita da Hela nel passato senza darle una minima spiegazione. Ritrovatasi in un'epoca sconosciuta poco successiva alla nascita dei nove mondi. Diventata adulta, ed incattivita dalla sua storia, capì di essere lei stessa la Hela del futuro e a conferma dei suoi sospetti venne nominata da Odino Dea della Morte. Spietata e assetata di Potere, Hela, ha tentato di conquistare più volte gli altri mondi, compresa la stessa Asgard, diventando una delle più letali nemiche di Thor. 

Catwoman

inserire Catwoman in questa categoria è molto limitante, la sua evoluzione come personaggio l'ha resa un'anima molto più complessa rispetto alla classica dicotomia bene/male, diventando un eroe-antieroe che, a seconda della gestione, passava da ladra/criminale ad eroina. Creata da Bob Kane e Bill Finger, Catwoman nasce proprio con l'idea di dare a Batman un nemico di sesso femminile che potesse comunque intrigarlo anche a livello sentimentale. Selina Kyle è fondamentalmente una ladra che inizia la sua attività molto giovane, fuggita dall'orfanotrofio inizia con l'accatonaggio agli angoli delle strade di Gotham City proprio mentre nella città incomincia ad imperversare l'uomo-pipistrello, l'idea di un eroe mascherato le da la spinta per creare un proprio personaggio ispirato ad un gatto, ed ecco irrompere sulla scena Catwoman.

Selina KyleHDDC Comics

La sua attività di ladra la porta a scontrarsi spesso con Batman, mentre il suo alter-ego Selina si ritrova fianco a fianco con Bruce Wayne (l'uomo dietro la maschera) e in entrambi i casi la donna si innamora sia di Batman che di Bruce. Catwoman non ha grandi poteri ma è dotata di riflessi molto sviluppati, una muscolatura atletica ed un'attitudine alle arti marziali, senza contare il suo formidabile intelletto e la sua capacità (sviluppata nel corso degli anni) di riuscire a "vedere" al buio.  

Mystica

Personaggio creato da Chris Claremont e Jim Mooney, attualmente la vera identità di Mystica sconosciuta avendo usato, nel corso degli anni, diverse identità. Tra i tanti pseudonimi, quello utilizzato più spesso rimane Raven Darkhölme. Misteriosa, ambigua e letale, Mystica è tutto ciò che una villain dovrebbe essere. Poco sappiamo della sua storia personale, avvolta nel mistero, la sua prima apparizione si ha come nuovo leader della Confraternita dei Mutanti, da quel momento la sua presenza è diventata fissa all'interno delle storie degli X-Men. 

MystiqueHDMarvel

Dire per quale fazione giochi Mystica è davvero difficile, la sua attitudine al tradimento la rende indipendente e poco incline alla collaborazione, affiliata sia Magneto che degli X-Men ha sempre ricavato un tornaconto personale da ogni rapporto che ha stabilito e non si è mai apertamente schierata passando dall'essere una mercenaria ad agente governativo. Anche le sue relazioni amorose hanno subito lo stesso corso della sua vita: instaurò una relazione con il mutante Azazel da cui ebbe un figlio, l'X-Man noto come Nightcrawler e si frequentò con lo stesso Sabertooth, da cui nacque Graydon Creed, fanatico anti-mutante.

Le uniche persone importanti della sua vita sono state Irene Adler meglio conosciuta come Destiny e con la quale Raven ha avuto una lunga relazione fino alla morte prematura di lei e Rogue, figlia adottiva, l'unica che sembra avere un posto speciale nel suo cuore. Mutaforma esperta, è capace di replicare le persone a livello atomico riuscendo a mutare retina, impronte digitali e corde vocali, la sua abilità la rende immune all'invecchiamento, malattie e veleni. 

Poison Ivy

Creata da Robert Kanigher e Sheldon Moldoff, la prima versione di Poison Ivy vedeva la Dottoressa Lilian Rose sedotta da un ladro che la avvelenò con delle erbe egizie che invece di ucciderla la trasformarono. Dopo il crossover Le Crisi delle Terre Infinite le origini cambiarono completamente: Pamela Lillian Isley crebbe in una famiglia senza amore e divenne una studentessa di botanica, fu sedotta dal professor Jason Woodrue, che la utilizzò come cavia per i suoi esperimenti trasformandola. Il processo oltre a renderla immune a qualunque tipo di veleno o tossina la rese capace di creare feromoni in grado di attrarre e controllare mentalmente gli uomini, la trasformazione la rese però mentalmente instabile.

Pamela Lillian IsleyHDDC Comics

Si traferì a Gotham City, dove iniziò la sua carriera di criminale, minacciando di rilasciare spore velenose nell'aria se non venissero accolte le sue richieste, come da copione venne fermata da Batman, che divenne una vera e propria ossessione per Poison Ivy: doveva sconfiggere l'uomo che non era riuscita a controllare. Ha fatto parte di diversi gruppi come la Suicide Squad e le Gotham City Sirens insieme ad Harley Quinn e Catowman, ha avuto una relazione con Dick Grayson. La sua conoscenza in materia botanica la rende in grado di creare diversi veleni e tossine che utilizza attraverso le labbra. 

Condividi

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.