FOX

The Witcher: come leggere in ordine i libri di Andrzej Sapkowski

di - | aggiornato

Portato agli occhi del mondo dalla saga videoludica e dall'imminente serie Netflix, Geralt di Rivia è un personaggio nato originariamente sulle pagine dei libri. Scoprite la cronologia con cui affrontare le sue storie, tra romanzi e racconti perduti.

Geralt di Rivia e tutti i libri della saga di The Witcher Editrice Nord

106 condivisioni 0 commenti

Condividi

C'è qualcosa di tremendamente oscuro nei racconti dello scrittore polacco Andrzej Sapkowski che con la saga di The Witcher propone un fantasy molto diverso e lontano da quanto siamo abituati con Tolkien o J.K. Rowling.

Nelle storie del witcher - o strigo - Geralt di Rivia, la divisione tra bene e male non è mai netta. I personaggi intessuti nelle trame di Sapkowski sono sempre ricoperti da una patina di dolore, dall'impressione continua di sentirsi sbagliati e sempre in balia di un destino che non gli lascia scampo.

Se pensavate di approcciarvi ad un racconto fantastico abitato dai classici elfi, nani, magie e draghi non c'è niente di più sbagliato, perché l'autore prende queste colonne portanti del fantasy e le trasforma: gli elfi perdono la loro aura di prestigio e diventano reietti sempre in conflitto con l'uomo; i prodi e coraggiosi cavalieri delle favole si tramutano in avidi signori della guerra pronti ad usare la loro nomina solo per nascondere la propria malvagità; i maghi imparano che la magia non si studia in una scuola, ma richiede sacrificio e che per ogni nuovo potere c'è sempre un prezzo da pagare; le creature, i draghi e le bestie invece sono forse i personaggi più umani di tutti, ma cacciati dall'uomo come orribili mostri. E infine gli strighi, mutanti modificati geneticamente per cacciare mostri al soldo dell'uomo. Questi personaggi però nascondono molto di più e vanno scoperti. A poco a poco, cominciando dai racconti fino ad arrivare al cuore dei romanzi.

The Witcher: Da dove cominciare?

Artwork della collezione The Witcher 3 ArtHDGrzegorz PrzybyŚ

Queste poche righe sulla letteratura di Sapkowski sono solo un piccolo assaggio di quello che vi aspetta in The Witcher, un mondo così vasto e dettagliato che ha già ispirato la saga videoludica di CD Projekt Red e ha spinto Netflix a realizzare una serie TV di cui si conosce per il momento solo il ricco cast. Il modo più veloce per conoscere il mondo dello strigo Geralt è però partire dalla fonte primaria, i libri. Ecco quindi come iniziare una discesa cronologica tra le pagine dei romanzi editi in italia dalla Casa Editrice Nord.

Indice della cronologia dei romanzi e dei racconti di The Witcher:

Le antologie di The Witcher: Tutto ha inizio con un racconto...

A differenza di molti altri personaggi che hanno beneficiato sin da subito del capitolo iniziale di una vera e propria saga, lo strigo Geralt di Rivia è nato in un racconto del 1985 intitolato Wiedźmin (Lo strigo). Questo racconto, arrivato terzo ad un concorso letterario indetto dalla rivista fantascientifica polacca Fantastyka, ha spinto il suo creatore, Andrzej Sapkowski, a crearne degli altri fino a descrivere tutti gli elementi utili a narrare il suo personale universo fantasy. I racconti sono il perfetto punto di partenza per iniziare a capire e comprendere i personaggi di The Witcher, la geografia dei luoghi, le lotte di potere tra i vari regni e lo stile che permea ogni storia.

Artwork dello strigo Geralt di RiviaHDStudio Kxx

In Italia tutti i racconti - tranne due storie mai tradotte che vedremo nei successivi capitoli - sono stati raccolti in due volumi di antologie e un libro con una sola storia, cronologicamente disposti in quest'ordine:

  • Il Guardiano degli Innocenti (2011)
  • La Stagione delle Tempeste (2016)
  • La Spada del Destino (2010)

Nonostante la pubblicazione di queste storie sia avvenuta con tempistiche differenti (come mostrato dalle date che si riferiscono alla pubblicazione della prima edizione italiana), gli eventi raccontati nei libri seguono quest'ordine. Il Guardiano degli Innocenti introduce il personaggio dello strigo Geralt e altri importanti co-protagonisti come il bardo Ranuncolo e la maga Yennefer. La Stagione delle Tempeste, ultimo in ordine di pubblicazione, si inserisce invece tra gli eventi narrati nel Guardiano degli Innocenti, come se fosse un lungo racconto che si interseca con quelli presenti in entrambe le antologie. Infine La Spada del Destino introduce l'importante personaggio di Cirilla, o Ciri, che avrà un ruolo fondamentale in tutti i romanzi centrali della serie.

I romanzi principali di The Witcher: Un destino chiamato Cirilla

Artwork di Cirilla, coprotagonista nelle avventure del Witcher GeraltHDStudio Kxx

Il ciclo dei racconti si interrompe nel 1994 quando lo scrittore polacco decide finalmente di dedicare al suo personaggio una serie di ben 5 romanzi e che avrà fine nel 1999. C'è chi preferisce iniziare a leggere prima questi libri e poi le antologie di racconti, ma risulta un po' come mangiare un cheeseburger senza formaggio: si ha sempre la sensazione che manchi qualcosa. La cronologia da seguire è la seguente ed è la stessa della pubblicazione:

  • Il Sangue degli Elfi (2012)
  • Il Tempo della Guerra (2013)
  • Il Battesimo del Fuoco (2014)
  • La Torre della Rondine (2015)
  • La Signora del Lago (2015)

Senza spoilerare troppo sulla trama in questi libri vedremo lo svilupparsi del rapporto tra Yennefer e Geralt, lo scoppio della guerra tra i Regni del Nord e l'Impero di Nilfgaard, la crescita dei poteri di Ciri e l'arrivo della mortale leggenda che risponde al nome di Caccia Selvaggia.

Le storie mai tradotte di The Witcher: il passato dello Strigo

Artwork di Triss Merigold e Yennefer di Vengerber, compagne dello strigo GeraltHDStudio Kxx

Letti questi 8 volumi, la saga dello strigo Geralt di Rivia è terminata. Ci sono però ancora due storie del 1988 che purtroppo non sono mai state tradotte ufficialmente in nessun'altra lingua oltre al polacco, questo perché non ritenute dall'autore in linea con il resto dell'opera.

La prima si chiama "Coś się kończy, coś się zaczyna", letteralmente "Qualcosa finisce, qualcosa inizia" ed è un racconto umoristico su un ipotetico matrimonio tra Geralt e Yennefer, scritto da Sapkowski come regalo di nozze per una coppia di amici e colleghi.

La seconda invece si chiama "Droga, z której się nie wraca" tradotto semplicemente con "Droghe" o con "La strada del non ritorno". In questa storia viene narrato l'incontro di Visenna e Korin, personaggi che inizialmente non facevano parte di The Witcher ma che più tardi, una volta che la serie prese forma, vennero inseriti come personaggi fondamentali del passato del protagonista. Fortunatamente, entrambe le storie, sono state tradotte in italiano dalla rete e potete recuperarle ai seguenti link:

The Witcher: tutta la saga in ordine cronologico

Le copertine dei libri di The Witcher edito da NordCasa Editrice Nord

Giunti alla fine di questo viaggio dell'universo letterario di The Witcher vi offriamo un piccolo compendio che funge da mappa per avere in poche righe tutta la saga in ordine cronologico:

  1. La Strada del non Ritorno (Racconto, 1988)
  2. Il Guardiano degli Innocenti (Antologia di racconti, 2011)
  3. La Stagione delle Tempeste (Racconto da inserire tra le 2 antologie o dopo di esse, 2016)
  4. La Spada del Destino (Antologia di racconti, 2010)
  5. Il Sangue degli Elfi (Romanzo principale, 2012)
  6. Il Tempo della Guerra (Romanzo principale, 2013)
  7. Il Battesimo del Fuoco (Romanzo principale, 2014)
  8. La Torre della Rondine (Romanzo principale, 2015)
  9. La Signora del Lago (Romanzo principale, 2015)
  10. Qualcosa Finisce, Qualcosa Inizia (Racconto umoristico extra, 1988)

A questo punto speriamo che l'oscuro universo dello strigo vi incanti come ha incantato noi e vi auguriamo buona lettura!

Condividi

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.