FOX  

Il personaggio di Joan Collins in American Horror Story: Apocalypse

di -

Dal grande schermo a quello piccolo, Joan Collins ha dimostrato di saper fare tutto. Non a caso, Ryan Murphy l'ha scelta come il personaggio-simbolo del messaggio di American Horror Story: Apocalypse.

31 condivisioni 0 commenti

Condividi

Ryan Murphy e Brad Falchuk non fanno mai nulla a caso. Nemmeno il personaggio di Evie Gallant, interpretato da Joan Collins in American Horror Story: Apocalypse lo è. Anzi: è il simbolo stesso del messaggio che hanno voluto lanciare con questa nuova stagione. Il messaggio che abbiamo recepito già con il primo episodio.

Noblesse oblige

La nonna di Mr. Gallant, il personaggio interpretato da Evan Peters, si chiama Evie. Vive in una maestosa villa californiana, circondata dal lusso. Servita e riverita. Si comporta come una nobildonna d'altri tempi, ma già pochi minuti dopo averla conosciuta intuiamo la verità: Evie non è una nobildonna, ma si comporta come tale. L'hanno abituata a essere considerata speciale, diversa, superiore a tutti gli altri.

Ecco perché è importante. Ci ricorda come siano solo i privilegiati, i ricchi, i selezionati, a salvarsi dalla fine del mondo.Evie Gallant è il simbolo di quella casta che sopravvive... Per dimostrarsi inadatta alla sopravvivenza fin dal principio. Quando è lo status, e non l'abilità, a stabilire chi vive e chi muore, le cose non possono che finire male. Per tutti.

L'anticamera dell'inferno

Nel mondo spaventoso e spietato di American Horror Story: Apocalypse pensiamo che il bunker di Miss Venable sia una specie di Eden. Scopriamo presto che è l'anticamera dell'inferno. Popolata da dannati. Evie Gallant è stata bellissima. Splendida. Lo è ancora, nonostante l'età avanzata.

Ha avuto amici famosi, potenti, ricchi. È stata amata, invidiata, viziata. Ha conosciuto privilegi che la maggior parte di noi può solo immaginare. O sognare. La sua presenza fra i sopravvissuti ci dice una sola cosa: chi ha già avuto tutto, avrà ancora di più. Fino a quando l'unico mostro che non abbiamo mai saputo sconfiggere, noi stessi, non farà sì che finiscano anche i privilegi.

E allora, tutto sarà da rivedere...

Joan Collins in American Horror Story: ApocalypseFX
American Horror Story: Apocalypse. Joan Collins è Evie Gallant

La biografia di Joan Collins

Un'attrice popolare come Joan Collins, che negli Stati Uniti è conosciuta da tutti - indipendentemente dalla generazione d'appartenenza - contribuisce a fare di Evie Gallant il simbolo che deve rappresentare. Presentata come la conoscevamo in Dynasty, la serie che l'ha resa una star internazionale, Evie parla come potrebbe fare Joan.

Le sue amicizie privilegiate sono le stesse della Collins. La sua vita avventurosa, da sogno, è anche quella della sua interprete. Nata a Londra nel maggio del 1933, Joan Henrietta Collins ha studiato recitazione alla Royal Academy of Dramatic Arts di Londra. Ha debuttato nel 1951 con un cortometraggio e una particina in un film, ottenuta grazie alla sua avvenenza e incentrata proprio su quella.

Ma è sul talento di saper giocare con i propri ruoli - e con la propria bellezza - che Joan Collins ha costruito la sua incredibile carriera. Ha recitato in dozzine di film, da Sesso debole? a Il passo dell'assassino e Appuntamento col destino, da Paura nella notte a Il richiamo del lupo, da Nel bel mezzo di un gelido inverno ad Absolutely Fabulous, in cui interpretava se stessa.

Ma è in TV, sul piccolo schermo, che ha fatto la storia.

Ha preso parte ad alcune fra le serie più popolari di sempre, da Star Trek a Batman e Missione impossibile. Per continuare con Ellery Queen, Spazio: 1999, Baretta, Starsky & Hutch, Fantasilandia, Love Boat. E poi, naturalmente, Dynasty: la sua perfida Alexis Carrington ha travalicato lo schermo per diventare parte integrante della cultura popolare, dei modi di dire, dell'immaginario collettivo.

Joan Collins recitato in drammi e commedie. Ha lavorato ininterrottamente per sessant'anni. Nel 2002 si è unita al cast di Sentieri. Tredici anni dopo era in quello di The Royals.

E ora, nel 2018, ha fatto il verso al suo personaggio più popolare con American Horror Story: Apocalypse. Joan Collins si è sposata 5 volte, ha vinto un Golden Globe e ha avuto 3 figli. La sua sorella minore, Jackie Collins, si è costruita un nome anche grazie a lei. Joan Collins è stata una sostenitrice della Thatcher e delle donne al potere.

Ha sostituito Marilyn Monroe nel film L'altalena di velluto rosso ed è stata fidanzata, fra gli altri, con Warren Beatty. A ottantacinque anni suonati, Joan Collins ci ha dimostrato che c'è un solo modo per non smettere mai di vincere le sfide: continuare ad accettarle.

Condividi

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.