FOX  

I momenti epici di The Walking Dead, n.41: l'arrivo di Negan

di -

Ci sono i cattivi. E poi c'è Negan. L'uomo che ha cambiato tutto. L'uomo che ha piegato Rick Grimes. L'uomo che ci ha messi tutti in ginocchio, al suo cospetto.

108 condivisioni 0 commenti

Condividi

Dopo un’attesa lunghissima, con la creazione di una suspense senza precedenti, finalmente arriva in The Walking Dead. Negan: il più temibile, crudele e potente nemico che Rick e i suoi abbiano mai incontrato in The Walking Dead. Negan, con la sua giacca di pelle e il suo fazzoletto rosso al collo. Negan, con la sua mazza da baseball avvolta nel filo spinato - un’arma che chiama Lucille, e che ha una storia. Negan, che fin dal primo momento terrorizza tutti - Rick, i suoi amici, perfino noi - annunciando una terribile punizione per la violazione del nuovo ordine mondiale. Il suo.

Un mondo in cui tutti lavorano per Negan, gli offrono le loro risorse, vivono per servirlo.

Inquadrato dal basso - per mettere anche noi spettatori in ginocchio al suo cospetto - calmo e tranquillo mentre gli altri sono sconvolti, Negan per tutti noi è uno sconoscuto. Al contrario, conosciamo bene i nostri eroi. Sappiamo di che pasta è fatto Rick Grimes, conosciamo il carattere di Daryl Dixon, la determinazione di Abraham Ford… Sappiamo tutto di loro, quindi per un istante, un breve istante, sottovalutiamo Negan. Grave errore.

Sto facendo tutto questo per poter scegliere chi tra di voi avrà l’onore.

L'onore di pagare per tutti... E quando Glenn interviene per proteggere Maggie, ci aspettiamo che Negan lo colpisca, ma Negan gioca con le sue prede, come un cacciatore sadico. Risparmia Glenn ("il primo è gratis", dice) ma avvisa che non succederà più: niente interruzioni, niente ribellioni, niente di niente.

Per la prima volta dall’inizio della serie, The Walking Dead pone noi - insieme ai protagonisti - in balia di un personaggio che non conosciamo, che è imprevedibile, che potrebbe fare qualsiasi cosa. E quando inizia a fischiare, e poi a fare la conta, sappiamo che era tutto premeditato.

Potete respirare, sbattere le palpebre, potete piangere. Sì… Eccome, se piangerete.

E Lucille cala sul finale di stagione più storico di tutta la serie. Mentre noi restiamo lì, in ginocchio, in attesa di sapere chi ha colpito Lucille...

Condividi

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.