FOX

È nato prima l'uovo o la gallina? Arriva la risposta definitiva, dalla scienza

di -

Arriva direttamente dalla fisica quantistica la risoluzione dell'antico paradosso dell'uovo e della gallina, grazie a un recente studio condotto da un team di scienziati australiani e francesi.

Un uovo a sinistra, una gallina che sbuca da un uovo a destra Vladimir Prusakov/Shutterstock

597 condivisioni 0 commenti

Condividi

È dall’alba dei tempi che scienziati, filosofi e intellettuali d’ogni sorta si chiedono quale sia la risposta all'eterna domanda:

È nato prima l’uovo o la gallina?

Il paradosso dell’uovo e della gallina venne infatti formulato per la prima volta nell’antica Grecia, da Aristotele e Plutarco, e serviva per descrivere il problema della determinazione di causa ed effetto o, in senso più profondo, anche per tentare di rispondere al seguente quesito:

Qual è l’origine della vita?

La risposta della scienza, fino a poche ore fa, risolveva l’eterno dubbio su uova e galline ponendo la questione dal punto di vista prettamente evoluzionistico:

Gli uccelli, e quindi si parla anche di galline, derivano da specifici ceppi di rettili, animali a sangue freddo in grado di deporre uova. Il diretto predecessore degli uccelli, dunque, deponeva già le uova, pur non essendo ancora propriamente un uccello né tantomeno una gallina.

Ci pensano però i fisici australiani dell’Università del Queensland e i francesi dell’Institut Néel a smentire tutte le teorie messe in gioco fino ad ora, sostenendo che sia l’uovo che la gallina “sono entrambi nati per primi”.

Il logo dell'Università del QueenslandHDThe University of Queensland
Il logo ufficiale della gloriosa Università del Queensland

Jacqui Romero, ricercatrice dell’equipe australiana, afferma infatti che, in fisica quantistica, gli eventi possono accadere senza seguire un ordine preciso.

Prendiamo ad esempio il tragitto giornaliero di una persona qualunque. Se questa persona prende l’autobus e poi un treno per recarsi a lavoro, sta a significare che ha dovuto per forza di cose prendere prima l’autobus e poi il treno, ma per la fisica quantistica il discorso è differente. Nel nostro esperimento infatti, entrambi questi eventi possono verificarsi per primi, secondo un processo definito come 'ordine causale indefinito', e una cosa del genere non può essere osservata nella vita quotidiana.

In particolare, il team di scienziati ha utilizzato uno strumento chiamato interferometro per risolvere il paradosso dell’uovo e della gallina, in un esperimento dove i fotoni sono stati protagonisti.

Nell’interferometro infatti due percorsi divergono e poi si ricongiungono, e tale esperimento ha dimostrato che un fotone è in grado di percorrere contemporaneamente due strade, rendendo così impossibile stabilire in che ordine esso attraversi il dispositivo, vanificando dunque il concetto di un prima e di un dopo.

A tal proposito Fabio Costa, collega di Romero nell’importante ricerca, ha spiegato nello specifico cosa accade:

Misurando la polarizzazione dei fotoni all’uscita dell’interruttore quantico, siamo riusciti a dimostrare che il fotone può percorrere in contemporanea due percorsi. Questa che siamo riusciti ad ottenere costituisce solamente una prima prova di principio, ma siamo certi che, su un ordine causale indefinito su più ampia scala, possiamo arrivare a reali applicazioni pratiche, come il rendere i computer più efficienti o migliorare il modo di comunicare.

In definitiva, l’esperimento di Romero, Costa e compagni, oltre al risolvere il paradosso dell’uovo e della gallina, apre le porte a un numero infinito di possibilità, che potrebbero avere degli effetti importanti sulle nostre vite, sulle nuove tecnologie a nostra disposizione in futuro e sul nostro modo di comunicare.

E voi che ne pensate? Credevate fosse nato prima l'uovo o la gallina?

Condividi

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.