FOX

Cary Fukunaga spiega perché ha lasciato davvero IT

di - | aggiornato

Il regista Cary Fukunaga ha spiegato i veri motivi che lo hanno portato a lasciare la regia di IT, l'adattamento cinematografico del best seller di Stephen King affidato poi ad Andy Muschietti.

Bill Skarsgard nei panni di Pennywise in IT New Line

81 condivisioni 0 commenti

Condividi

Come molti sapranno, IT - Capitolo Uno, prima parte dell'adattamento cinematografico del best seller omonimo di Stephen King, è stato nel 2017 uno dei più grandi successi commerciali dell'anno, diventando il film horror più redditizio di sempre.

La pellicola è stata diretta (come accadrà anche per la seconda parte della storia) da Andy Muschietti, il cui lavoro ha messo d'accordo critica e pubblico. Quel che forse non tutti sanno è che la direzione della pellicola, inizialmente, era stata affidata a Cary Fukunaga. Il regista, però, abbandonò le riprese di IT per non meglio precisate "divergenze creative", con tutto ciò che ne è conseguito.

In una recente intervista concessa a GQ, il regista, noto per la direzione di film come Jane Eyre e di tutti gli episodi della prima stagione della serie TV True Detective, ha confessato il vero motivo per cui avrebbe abbandonato il progetto e che, secondo lui, sarebbe legato alla (percepita) scarsa possibilità per la produzione (New Line) di controllare il suo lavoro:

Credo che lo studio avesse paura di non riuscire a controllarmi. Ma in realtà sarei stato un perfetto collaboratore. È questa la parte ridicola. Si trattava solo di una percezione. Non è mai successo che, a una nota dello studio, io abbia risposto: 'Ca**o gente, questo non la faccio'. C’è sempre stato un dialogo con loro.

Cary FukunagaHDGetty
Il regista Cary Fukunaga inizialmente scelto per la regia di IT

Fukunaga ha poi aggiunto che, mentre a volte tende a "rendere le cose più difficili di quanto debbano essere", non si considera un regista "difficile" e non disposto a scendere a compromessi: 

Non penso di aver mai realizzato qualcosa senza arrivare a compromessi. Ad esempio, qualcuno ha commentato riguardo a Beasts of No Nation [film che ha diretto nel 2015 e distribuito su Netflix, n.d.R]: 'Oh, come ci si sente a girare un film senza paletti?' Davvero, senza paletti? Ho dovuto riscrivere tutto il terzo atto perché non avevamo i soldi per finire il film! Sono sceso a compromessi praticamente sempre.

In passato Cary Fukunaga ha spiegato il suo approccio a IT come insolito, dicendo:

Loro [New Line, n.d.R.] non volevano dei personaggi, ma archetipi e paura. Avevo scritto la sceneggiatura. Loro volevano che realizzassi una sceneggiatura molto più inoffensiva e convenzionale. Ma io non credo si possa adattare nel modo giusto Stephen King rendendolo inoffensivo. 

IT, una scenaHDNew Line
Bill Skarsgard nei panni di Pennywise in IT - Capitolo Uno

Non sapremo mai come sarebbe stato IT diretto da Fukunaga, nonostante sembra che le sue prime bozze (che contenevano delle scene descritte come raccapriccianti) differissero in maniera notevole dal materiale sorgente di King.

Mentre il regista arriverà nuovamente su Netflix con la commedia dark Maniac il 21 settembre 2018, le riprese della seconda parte di IT continuano a Toronto. La pellicola di Andy Muschietti debutterà nei cinema statunitensi il 6 settembre 2019.

Via: SlashFilm

Condividi

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.