FOX

È morta Miriam Dubini, autrice di libri per bambini e ragazzi

di -

In seguito all’incidente avvenuto a luglio, Miriam Dubini, autrice per l’infanzia, si è spenta domenica. A darne l’annuncio è stata la Bonelli Editore, per cui aveva da poco terminato un libro.

Miriam Dubini Miriam Dubini/Facebook

9 condivisioni 0 commenti

Condividi

Sergio Bonelli Editore ha annunciato la scomparsa di Miriam Dubini, autrice di libri per l’infanzia che per il famoso editore aveva da poco dato alle stampe un romanzo. Milanese d’origine ma romana d’adozione, Miriam ci ha lasciati all’età di 41, in seguito ai postumi di un incidente stradale avvenuto lo scorso luglio.

Chi era Miriam Dubini

Scrittrice, attrice, creativa: Miriam si è dedicata nella sua vita a tante attività nel mondo dell’editoria e non solo. Tant’è che non si è limitata a essere una scrittrice per bambini: Miriam era solita incontrarli e confrontarsi con loro anche attraverso laboratori creativi e manuali che proponeva molto spesso. Classe 1977, si è laureata a Milano con una tesi sulla narrazione delle fiabe, e al contempo introducendosi come autrice e attrice nel mondo teatrale. In seguito ha collaborato con nomi di spicco nel settore dei giochi e dell’editoria dedicata all’infanzia: Mattel e Disney per citarne alcuni. Ha anche ideato e realizzato attività basate sul riciclo per il noto programma Art Attack e ha scritto spettacoli circensi per Ambra Orfei.

In seguito la sua vita l’ha portata a Londra, dove ha scritto la saga di Leila Blue, una streghetta molto disordinata. I volumi sono poi stati pubblicati da Mondadori.

Miriam DubiniMiriam Dubini/facebook

Le sue avventure creative però non si erano ancora esaurite: tornata in Italia, a Roma, Miriam ha scritto Iif, un film per ragazzi, ha pubblicato diversi libri per l’infanzia con i più importanti editori (Piemme, Mondadori e Giunti) e la trilogia Aria, sempre edita Mondadori. In questa trilogia, Miriam metteva in primo piano il suo amore più grande: andare in bicicletta. Perché nella quotidianità, proprio in sella alla sua bici, Miriam era solita gironzolare in cerca di ispirazioni e avventure che avrebbe poi messo nei suoi libri.

L'avventura è un bisogno primario, come l'acqua e il cibo e avendo più bisogno di avventura degli adulti, i ragazzi dimostrano di essere più vivi degli altri.

Così diceva e così viveva Miriam, come un bambino in cerca di avventure e così anche noi la vogliamo ricordare: in sella alla sua bici a caccia di grandi storie da raccontarci!

Condividi

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.