FOX

Ecco Milly, il cane più piccolo e più clonato del mondo: ha 49 copie

di -

Si chiama Milly ed è un chihuahua da record: è la cagnolina più piccola del mondo. Ma anche la più clonata.

Milly e i suoi cloni Academy of World Records

678 condivisioni 0 commenti

Condividi

Si chiama Milly ed è il chihuahua più piccolo del mondo. E, incredibilmente, anche il più clonato. La cagnolina, che è nata a Porto Rico e vive in Florida, è entrata nei Guinness World Records per queste due sue peculiarità, che le sono valse la notorietà – e ben 49 cloni.

Così piccola che è da studiare

Milly ha sei anni e, per le sue dimensioni ridotte, ha attirato le attenzioni della Sooam Research Foundation di Seoul, in Corea del Sud, che da oltre un decennio lavora alla clonazione degli animali domestici. L'intento degli studiosi era quello di scoprire il patrimonio genetico di Milly, per individuare i geni che le hanno consentito di essere così piccola. La sua proprietaria, Vanessa Semler, ha acconsentito, dando il via alla clonazione della cagnolina.

Milly e alcuni dei suoi cloniHDWorld Record Academy
Milly e i suoi primi cloni, insieme alla proprietaria Vanesa Semler

Inizialmente, come raccontato proprio da Vanessa, l'intento era quello di realizzare poche copie, ma il numero dei cuccioli clonati a fin di studio negli anni è diventato decisamente più esteso, arrivando a ben 49 copie:

L'idea originale era quella di realizzare in totale dieci cloni, nove per la ricerca e uno per noi, ma poi hanno deciso di clonare Milly per più volte. È stata scelta perché è il cane più piccolo del mondo, volevano capire cosa le consentisse di essere così piccola e studiare i suoi geni per identificare quello che porta questa caratteristica.

Gli 11 cuccioli cloni che convivono con la Milly originale non sono esattamente identici a lei in tutto e per tutto, rivela Vanessa:

I cloni hanno il suo aspetto, ma non sono lei, sono leggermente differenti per quanto riguarda le loro dimensioni. Sono dolcissimi e adorabili, ma Milly è unica. Anche se hanno tutti gli stessi occhi e lo stesso manto, penso che in fin dei conti non sia possibile ricreare Milly.

Dato il contributo alla scienza acconsentendo alla clonazione di Milly, oggi Vanessa si prende cura della sua splendida famiglia a quattro zampe, composta da Milly, Mally, Melly, Molly, Mumu, Mila, Mary, Mimi, Moni, Mini, Mela e infine Mulan. Ci chiediamo, ovviamente, come riesca a non impazzire con tutti questi nomi simili, ma immaginiamo sia comunque inevitabile quando hai per casa dodici cagnolini clonati!

La clonazione di Milly

La procedura utilizzata per la clonazione di Milly è la stessa usata per la pecora Dolly, nel 1996. Gli scienziati raccolgono delle cellule dall'animale che intendono riprodurre, all'interno delle quali è contenuto il suo patrimonio genetico. Viene quindi ottenuta una cellula uovo grazie a una donatrice, il cui nucleo viene però sostituito con quello ricavato dall'animale da clonare.

A questo punto, l'uovo modificato viene colpito da una piccola scarica elettrica che stimola la mitosi. Le cellule iniziano a separarsi e, nel giro di qualche giorno, l'embrione che andrà a formarsi sarà ospitato nel corpo di una madre surrogata. Da evidenziare una particolarità del processo: la madre può essere anche un cane di razza diversa rispetto a quello da clonare, ciò che conta è che abbia dimensioni simili, per consentire un parto il più agevole possibile.

Milly e i suoi cloniHDAcademy of World Records
Milly in compagnia dei suoi cloni

Vi siete mai chiesti come sarebbe avere la casa popolata dal vostro cane e dai suoi cloni? Potreste farci un pensierino, a patto che il vostro cucciolo abbia qualche peculiarità che faccia innamorare gli scienziati!

(Via Daily Mail)

Condividi

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.