FOX

Kim Kardashian è stata pagata mezzo milione di dollari per un post su Instagram

di -

I social media sono una fonte di guadagno inesauribile per Kim Kardashian. Basti pensare che, nel 2015, l'influencer ha guadagnato 500mila dollari per un singolo post condiviso su Instagram che promuoveva un farmaco contro le nausee mattutine.

Kim Kardashian Getty Images

38 condivisioni 0 commenti

Condividi

Kim Kardashian dei record!

Stando a un recente report divulgato dal tabloid DailyDot, la socialite sarebbe stata pagata mezzo milione di dollari dall'azienda farmaceutica Duchesnay USA per un unico post condiviso su Instagram nel 2015 in cui sponsorizzava Diclegis, un farmaco contro le nausee mattutine da usare in gravidanza.

Nel post in questione, che non metteva assolutamente in evidenza possibili controindicazioni all'utilizzo del farmaco, la Kardashian - che, tra l'altro, non esclude di diventare Presidente un giorno! - sosteneva di aver giovato molto dell'assunzione di Diclegis durante i primi mesi di gestazione.

Il post pagato 500mila dollari a Kim KardashianHDInstagram/@kimkardashian
Il post pagato 500mila dollari a Kim Kardashian

Va precisato che nel 1983 la casa farmaceutica fu costretta a ritirarlo dal mercato - a quel tempo era conosciuto con un altro nome - a causa di diversi casi di malformazione riscontrati tra i neonati e a riformularlo. Il nuovo farmaco, lanciato nel 2013, è sicuro sotto questo punto di vista ma va comunque assunto con cautela.

In seguito a un ammonimento della FDA (l'ente che si occupa della regolamentazione su cibi e farmaci negli USA), Duchesnay avrebbe chiesto a Kim Kardashian un altro post sul farmaco per esporre chiaramente sui social gli eventuali effetti collaterali, ma non è dato sapere quanto la socialite abbia guadagnato con questa seconda sponsorizzazione.

Kim Kardashian come Re Mida?Giphy
Kim Kardashian come Re Mida?

Dopo la pubblicità fatta dalla Kardashian, le vendite di Diclegis salirono del 21% e il costo del farmaco venne aumentato di oltre 100 dollari. Vogliamo chiamarlo "effetto Kim"?

Condividi

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.