FoxAnimation  

I Simpson e la polemica su Apu

di -

Alle continue accuse di superficialità e stereotipi sociali legati al personaggio di Apu i Simpson rispondono nell'unico modo che conoscono.

195 condivisioni 0 commenti

Condividi

Continua a collezionare polemiche e critiche la serie d’animazione che fa del politicamente scorretto il suo marchio di fabbrica da più di 20 anni, stiamo parlando de I Simpson. Luoghi comuni, false credenze, stereotipi culturali e sociali sono le principali accuse rivolte ai personaggi della gialla Springfield. Ad essere messo alla gogna è, ancora una volta, Apu Nahasapeemapetilon, il controverso personaggio indiano proprietario del famoso Jet Market. 

Il proprietario del Jet Market di Springfield

A risollevare la questione è stato l'episodio della 29esima stagione dei Simpson andato in onda domenica 8 aprile negli Stati Uniti.

Episodio No Good Read Goes Unpunished

In concomitanza con le strampalate avventure di Homer Simpson insieme al figlio Bart è stata narrata la storia legata al libro La principessa nel giardino. Marge rileggendo il suo romanzo preferito si rende conto che tra le pagine ci sono numerosi stereotipi sociali che, a distanza di tanti anni, potrebbero urtare la sensibilità di molti, così si propone di tagliare le parti giudicate offensive per leggerlo alla figlia. In un momento di riflessione le due giungono alla conclusione che eliminando tutti i cliché si perde la vera natura e il vero senso del romanzo. 

Qui arriva il momento tanto criticato, quando le protagoniste rompono la quarta parete rivolgendosi direttamente al pubblico dicendo che qualcosa che per decenni è stato giudicato inoffensivo com'è possibile che ora possa essere definito politicamente scorretto? Cosa si può fare? E nell'inquadratura appare una foto di Apu sul comodino di Lisa con la scritta "Don't have a cow", espressione utilizzata da Bart per dire "rilassati".

La conversazione tra le due protagoniste continua affermando che di queste problematiche se ne sarebbero occupate in seguito

Se mai ce ne occuperemo.

L'antefatto

Il singolare momento dell'episodio andato in onda domenica sera negli USA sarebbe dovuto essere una sorta di risposta alle continue critiche mosse proprio al personaggio di origini indiane pieno, secondo molti, di stereotipi culturali offensivi. L'ultima polemica sollevata riguarda il documentario andato in onda nel 2017 ad opera del comico Hari Kondabolu intitolato The Problem with Apu

Nel documentario sono stati messi in evidenza tutti i cliché semplicistici che delineano il personaggio di Springfield come il tipico indiano pieno di luoghi comuni e dall'accento particolare. 

La risposta su twitter

Dopo la messa in onda dell'episodio non sono mancate le polemiche sul web e non è tardato ad arrivare anche il commento dello stesso Hari Kondabolu, giudicando la "risposta" dei Simpson troppo semplicistica riguardo la questione sollevata dal suo documentario.

Secondo il comico indiano la frecciatina mandata dalla serie d'animazione non è rivolta solo al suo lavoro ma anche alla stessa definizione di progresso.

L’evoluzione del personaggio Apu

Apu  Nahasapeemapetilon è uno dei personaggi secondari dei Simpson. Si è trovato spesso ad interagire con la famiglia della serie, ritagliandosi anche degli episodi da protagonista. È il proprietario del Jet Market che risulta essere aperto h24, proponendo spesso alimenti di dubbia qualità e freschezza. Ha un accento molto marcato, una moglie frutto di un matrimonio combinato e 8 gemelli.

Dopo essere giunto in America come studente per un dottorato in informatica decide di rimanervi come clandestino, salvo poi prendere la cittadinanza grazie proprio alla famiglia Simpson.

Le tematiche trattate nei Simpson

La longeva serie nata dal genio di Matt Groening ha affrontato molte tematiche sociali e delicate nel corso delle stagioni, utilizzando sempre un registro stilistico ironico e pungente, al limite del politicamente corretto. 

Tra le tematiche più discusse ricordiamo quella dell'omosessualità e dell'omofobia di Homer, della politica con il corrotto sindaco Quimby, dell'immigrazione e della religione, tutte narrate in modo leggero e a tratti irriverente.

Sarà forse questo il segreto dell'enorme successo dei Simpson?

Qual è il tuo cittadino di Springfield preferito?

Vota

Condividi

Commenta

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.