FOX

Spotify: la bandiera svizzera celebra (per sbaglio) l'arrivo a Wall Street

La startup svedese Spotify ha concluso con successo la sua prima giornata a Wall Street. C'è stato solo un piccolo "negativo" al suo debutto in borsa.

Spotify arriva a Wall Street Sven Carlsson/DI Digital

2 condivisioni 0 commenti

Condividi

Un colosso della musica streaming ha da poco fatto il suo (trionfale) debutto in borsa.

Il titolo vola fin da subito, trasformando quello di Spotify nel terzo maggior ingresso a Wall Street per quanto riguarda le società del mondo della tecnologia (prima di lei solo Alibaba e Facebook). Ma se il primo giorno al New York Stock Exchange si è chiuso con un ottimo risultato (149,01 dollari per azione, e una capitalizzazione che a fine giornata tocca i 26,5 miliardi di dollari), c'è anche uno scivolone da riportare, tanto perché è comico nella sua natura.

No: non ha nulla a che fare con scambi di titoli, percentuali e quotazioni di vario tipo. Stavolta parliamo di bandiere, e per la precisione della bandiera svizzera. Qualcuno, infatti, per celebrare l'arrivo di Spotify ha esposto per sbaglio sul balconcino di Wall Street il vessillo elvetico al posto della bandiera svedese.

A nulla è servita la repentina correzione del "refuso", avvenuta circa 15 minuti dopo lo scambio delle bandiere. L'errore è - ovviamente - stato ripreso dai social, dove l'ilarità degli utenti si è subito scatenata.

"Il New York Stock Exchange ha risposto", ha commentato un rappresentante da Wall Street a diverse testate. "Si è trattata di una momentanea ode alla nostra neutralità nel processo di scoperta dei prezzi".

Non è la prima volta che Svezia e Svizzera sono vittime di mix-up di questo tipo.

Nel 2013, le due nazioni organizzarono addirittura un concorso tramite i loro consolati di Shangai. A quanto pare, il popolo cinese è particolarmente vittima di questi "scambi di paese", e alcuni diplomatici pensarono bene di chiedere aiuto ai cittadini per trovare un modo divertente (ed efficace!) che mettesse fine al problema.

Sembra però che adesso, a cadere nella trappola svizzero-svedese siano stati gli Stati Uniti.

Poco importa: la svedese Spotify ha molto di cui festeggiare in queste ore. E anche qualcosa su cui ridere.

(via Fortune)

Condividi

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.