FOX

I fratelli Coen sono al lavoro su Dark Web, un thriller sul Web sommerso

di -

Si chiama Dark Web il nuovo progetto dei fratelli Coen: è la storia di Ross William Ulbricht, il creatore di Silk Road, il sito più famoso su cui comprare droga e non solo.

I fratelli Coen

36 condivisioni 0 commenti 0 stelle

Share

Il mondo del sommerso è sempre stato motivo di spunto per moltissimi autori. Poter indagare universi sconosciuti, magari opposti rispetto al quotidiano, continuerà a essere una delle più grandi curiosità dell'essere umano, oltre all'unico modo per confrontarsi con lati naspettati della propria personalità. Negli ultimi anni, la più grande dimostrazione di questa inesauribile fascinazione è senza dubbio il Deep Web, o meglio conosciuto come, per l'appunto, Web sommerso.

Questo è l'universo che vogliono esplorare i fratelli Coen nel loro prossimo film.

Ethano e Joel Coen
I fratelli Coen vogliono misurarsi con un universo inesplorato

Il Deep Web, alle stime attuali, rappresenta il 95% di Internet. È l'insieme di tutte le notizie che non vengono condivise sui classici motori di ricerca. Questo vuol dire che Google è solo la punta dell'iceberg, è solo l'emerso oltre la superfice, rispetto a un mondo gigantesco che si tiene nascosto, che conduce una vita sotterranea, salvaguardandosi con l'anonimato.
Il Deep Web è un universo vergine, pieno di storie e possibilità da esplorare.

I fratelli Coen ne hanno scelta una in particolare, la più famosa: quella di Ross William Ulbricht il creatore di Silk Road, il re del narcotraffico virtuale. Ethan e Joel, vincitori del Premio Oscar con Questo non è un paese per vecchi, sono stati incaricati dalla 20th Century Fox di lavorare alla sceneggiatura, dopo un primo tentativo nel 2013 di Dennis Lehane, evidentemente inadatto.

I Premi Oscar, i fratelli Coen
La storia di Silk Road, raccontata dai fratelli Coen

Il progetto è basato sul famoso articolo dell'editor di Wired, Joshua Bearman, che per primo ha indagato sul sito che in due anni e mezzo ha stimato il suo giro di affari a 1,2 miliardi di dollari, grazie alla vendita di droga, armi e carte di credito clonate. Gli stessi Ethan e Joel, si riferirono una volta alla vicenda Silk Road paragonandola al loro Fargo, per la struttura labirintica della narrazione, capace di snodarsi in molteplici sottotrame.

Anche per quest'ultima opera preferiranno affidare la regia a qualcun altro? O, invece, vorranno essere loro stessi a seguire tutte le tappe dell'attività illegale di Ulbricht, dalla nascita del sito, alla creazione dell'avatar Doctor Pirate King, fino al suo arresto in un bar e alla sentenza di ergastolo?

Share

Vota

Commenta

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Leggi di più.